`La dieta arricchita di olio d'oliva durante la gravidanza può giovare ai non nati fino all'età adulta - Olive Oil Times

La dieta arricchita con olio d'oliva durante la gravidanza può giovare al non nato attraverso l'età adulta

Settembre 29, 2015
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Uno studio recente ha dimostrato che una dieta ricca di olio d'oliva ha un effetto positivo sullo sviluppo del nascituro e può influire anche sulla sua vita adulta.

"Durante la gestazione, c'è una grande incorporazione di acidi grassi nel cervello fetale, al fine di mantenere uno sviluppo adeguato ”, ha spiegato uno degli autori dello studio, la prof. Marilise Escobar Burger. "Dal momento che l'olio d'oliva viene consumato nel Dieta mediterranea con ottimi risultati l'idea era che l'olio d'oliva, con un profilo di acidi grassi favorevole, potesse essere buono anche nel periodo prenatale. "

Lo studio congiunto è stato condotto da ricercatori del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia del Università Federale di Santa Maria (UFSM) e dal Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari del Università di Milano (DiSFeB).

L'olio d'oliva durante il periodo perinatale sembra essere in grado di prevenire il danno ossidativo e migliorare l'espressione delle neurotrofine protettive nel cervello adulto.- Camila Simonetti Pase, Università Federale di Santa Maria

I ricercatori hanno valutato l'influenza di diverse diete sui cuccioli di roditori: un gruppo di femmine di ratto ha ricevuto una dieta arricchita con il 20% di olio d'oliva (OOED) e un gruppo è stato sottoposto a una dieta standard (CD). Hanno monitorato i loro cuccioli in vari momenti - gravidanza, allattamento e dopo lo svezzamento fino all'età adulta dei cuccioli - e hanno misurato i parametri cerebrali ossidativi e molecolari e il peso durante la loro vita, ottenendo risultati molto positivi per i livelli di corteccia prefrontale e ippocampo. 

In età adulta, gli animali del gruppo OOED hanno mostrato una minore perossidazione lipidica cerebrale e livelli più alti di gruppi glutatione sulfidrile nella corteccia prefrontale e livelli cerebrali più bassi delle specie reattive nell'ippocampo.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

È interessante notare che il gruppo di animali la cui dieta è stata modificata da CD a OOED 21 giorni dopo la nascita ha mostrato un peso maggiore rispetto al gruppo che è rimasto la stessa dieta originale (OOED) fino all'età adulta. 

È stato anche interessante il fatto che il consumo di OOED durante la gravidanza e l'allattamento aumentasse significativamente l'espressione della corteccia prefrontale di molecole trofiche che svolgono un ruolo importante nella plasticità neuronale e nella funzione cognitiva.

"Il nuovo fatto di questo studio è che la dieta dell'olio d'oliva durante il periodo perinatale sembra essere in grado di prevenire danno ossidativo e migliorare l'espressione delle neurotrofine protettive nel cervello adulto ", ha spiegato la ricercatrice Camila Simonetti Pase (UFSM). "Le neurotrofine valutate nel nostro lavoro (BDNF e FGF-2) ", ha aggiunto Verônica Tironi Dias, sono legate alla sopravvivenza cellulare, alla plasticità e alla protezione dalle malattie neurodegenerative e psichiatriche".

L'idea dello studio e della collaborazione congiunta è nata quando la Dott.ssa Angélica Martelli Teixeira, che lavorava con gli acidi grassi in Brasile, si è messa in contatto con i ricercatori italiani dell'Università degli Studi di Milano durante un programma di scambio in Italia per il suo dottorato. 

Marco Andrea Riva lavora in un laboratorio dedicato ai disturbi psichiatrici e ai fattori che possono influenzare il rischio di svilupparli nel periodo pre e perinatale. "Esiste una chiara evidenza che l'esposizione allo stress rende l'individuo più vulnerabile e più suscettibile a sviluppare malattie, come la depressione o la schizofrenia, più avanti nella vita, soprattutto se esposto a eventi stressanti durante i primi anni di vita. Diversi fattori possono influenzare la struttura e la funzione del cervello, non solo quelli legati all'ambiente ma anche gli elementi nutritivi ", ha spiegato.

Lo studio si aggiunge a un corpo di ricerca che mostra come le diete ricche o povere di grassi o zuccheri possono avere effetti sui meccanismi della funzione cerebrale e del recupero funzionale dopo lesioni traumatiche. 

"Questa ricerca supporta l'evidenza che una dieta ricca di grassi monoinsaturi, già durante il periodo prenatale, rende il cervello più plastico, più dinamico e quindi, probabilmente, più resistente a eventuali stress ambientali negativi nella vita adulta ”, ha concluso il Prof. Riva.

I risultati aprono una linea di ricerca pionieristica sull'alimentazione e sulle strategie terapeutiche adiuvanti e sul potenziale di abitudini alimentari sane per prevenire le condizioni neonatali e la loro influenza sulla vita adulta.



Related News

Feedback / suggerimenti