Affari

All'inizio della raccolta a Rio Grande Do Sul, il Brasile registra le prime esportazioni

Negli ultimi due decenni, la produzione di olio d'oliva nel sud del Brasile è passata dal sogno di un uomo a un'industria piccola ma in forte espansione. Mentre inizia il raccolto 2020, i produttori di Rio Grande do Sul si preparano per un altro anno pionieristico.

Fazendas Irapuá
Aprile 1, 2020
Di Carola Dummer Medina
Fazendas Irapuá

Notizie recenti

Febbraio sembra lontano anni luce da questo momento, ma c'è stato un momento, qualche settimana fa, in cui la minaccia del coronavirus sembrava molto distante nell'emisfero meridionale e tutto l'interesse del Brasile era per il Carnevale.

Mentre la maggior parte dei brasiliani erano in giro per le strade a festeggiare, il raccolta delle olive stava iniziando a Rio Grande do Sul.

I produttori della più grande regione olivicola del paese erano in procinto di spremere e filtrare i loro primi lotti di olio extra vergine di oliva per l'anno. Sono state registrate anche le prime esportazioni della stagione, dirette verso gli Stati Uniti.

Mentre piantiamo e produciamo, stiamo anche scrivendo la storia.- Rafael Marchetti, Prosperato

Rio Grande do Sul è lo stato più meridionale del paese ed è principalmente sede di vasti campi di soia e riso. Confinante con il Pampa Gaucha dell'Uruguay e dell'Argentina, la regione vanta alcuni dei migliori pascoli di bestiame del continente.

La storia dell'olio d'oliva, tuttavia, in questa regione agricola di lunga data è molto recente. Venti anni fa, Willy Haas, allora dirigente della catena O'Globo, voleva investire nell'area di Cachoerias. Aveva la sensazione che gli ulivi potessero crescere bene nella pampa gaucha.

pubblicità

All'epoca non c'erano produttori di olio d'oliva in Brasile e la compagnia agricola che lo aveva consigliato non era entusiasta dell'idea. Pensavano che non fosse possibile che gli ulivi potessero prosperare nella regione.

Nonostante le loro riserve, Haas è andato avanti con il suo piano e due decenni dopo ha realizzato il suo sogno: ora ha quasi 200 acri di ulivi e sta costruendo un mulino.

Haas funge da barometro per l'intero settore olivicolo del paese. Da quando ha piantato i suoi primi alberi fino al momento attuale, il più grande paese dell'America Latina ha sviluppato una piccola ma fiorente industria dell'olio d'oliva.

Spera ora di lanciare il suo nuovo marchio quest'anno, insieme a sua figlia, Glenda, che è responsabile del progetto.

Mentre Haas è stato uno dei primi a portare ulivi nel Rio Grande do Sul, Olivas do Sul è stato il produttore pionieristico di olio d'oliva che ha sfidato tutte le previsioni. Iniziando la produzione nel 2008, l'azienda ha messo il Brasile sulla mappa mondiale dell'olio d'oliva.

Prosperato

Seguendo l'esempio di Oliva do Sul, diversi altri imprenditori hanno deciso di investire e oggi la regione ospita la stragrande maggioranza della produzione di olio d'oliva brasiliana, che rimane molto piccola.

Nel complesso, il Brasile ha prodotto 230,000 litri nel 2019, con oltre il 60 percento della resa proveniente dai boschi del Rio Grande do Sul.

Di quei 230,000 litri, Prosperato, il più grande produttore di olio d'oliva del paese, è responsabile per circa un terzo.

Situata nella regione di Capaçava do Sul, nel Rio Grande do Sul, alcuni anni fa la famiglia Marchetti ha deciso di estendere le proprie attività dal vivaio ad altre colture.

Le olive erano tra le colture che hanno suscitato il loro interesse ma all'epoca si pensava che fossero troppo difficili da vendere. Ciononostante, i Marchetti decisero di acquistare un frutteto per dimostrare che l'olio d'oliva poteva essere prodotto in Brasile e quindi attirare nuovi clienti nella loro attività principale.

Il loro grande esperimento ha ottenuto il premio Best in Class al 2019 NYIOOC Concorso mondiale dell'olio d'oliva.

Oggi il mulino è gestito da Rafael, uno dei figli, che a 25 anni gestisce tutto con dedizione e professionalità, incorporando tecniche e innovazioni tecnologiche che ha visto in diverse parti del mondo.

Con 65,000 litri prodotti nel 2019, un raccolto record, Prosperato rimane il più grande produttore del paese con un ampio margine.

Quest'anno Marchetti pensa che Prosperato produrrà circa 20,000 litri, più vicini al loro numero rispetto agli altri anni.

"È un po 'frustrante, a causa della fioritura spettacolare ”, ha detto Marchetti. "Crediamo che le piogge di novembre abbiano colpito noi, o anche il biennale [fuori anno]. ”

"Tutto è troppo recente per avere uno schema ”, ha aggiunto. "Mentre piantiamo e produciamo, stiamo anche scrivendo la storia. "

Rafael Marchetti, Prosperato

Oltre ad essere il più grande produttore del paese, Prosperato è diventato anche il primo del paese esportatore di olio d'oliva, inviando parte del suo olio extra vergine di oliva fresco negli Stati Uniti.

"Con il Premio Best in Class che abbiamo ricevuto at NYIOOC l'anno scorso abbiamo attirato l'attenzione di un'azienda americana ", ha affermato. "Sono venuti a trovarci e ora è possibile acquistare Prosperato online negli Stati Uniti ”

Tuttavia, per il momento, la maggior parte della produzione di Prosperato è venduta sul mercato interno nel negozio della società, Emporio Prosperato.

Situato vicino agli uliveti e sull'autostrada che collega Porto Alegre con il confine argentino-uruguaiano, il negozio offre una selezione di prodotti locali e importati da gustare con il loro olio extra vergine di oliva.

"Abbiamo ancora la grande sfida di educare i consumatori a questo prodotto, ma continuiamo il nostro lavoro ", ha affermato Marchetti.


Related News