`Avvocato contadino in battaglia per gli alberi del Salento - Olive Oil Times

Avvocato degli agricoltori in Battaglia sugli alberi del Salento

Settembre 23, 2015
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Olivicoltori del sud Italia, dove a Scoppio di Xylella fastidiosa ha portato a un importante abbattimento di alberi e al divieto di piantarne di nuovi, chiedono consulenza legale per vedere se possono sfidare la posizione dell'Unione europea nell'affrontare la malattia.

Gli olivicoltori sono armati nella regione del Salento da un po 'di tempo poiché l'Unione europea si occupa della malattia degli alberi che, a suo avviso, potrebbe minacciare le colture di olivo in tutta Europa se non adeguatamente contenuta.

Come parte del processo, gli alberi sono stati strappati dal terreno e le nuove piantagioni sono severamente vietate, con grande sgomento della gente del posto.

Non avere la libertà di piantare nuovi alberi è una condanna di morte al territorio.- Olive Alliance of Manufacturers

Ma ora, un gruppo composto da coltivatori italiani e altri nel settore dell'olio d'oliva, Voice of the Olive Alliance of Manufacturers, sta combattendo. 

Secondo un comunicato stampa dell'organizzazione pagina Facebook, i rappresentanti si incontrano con gli avvocati per vedere se è possibile impugnare le Corti di giustizia europee.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il gruppo sostiene che Paolo De Castro, un politico italiano e membro dell'Ue del comitato per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, ha torto e imporre il divieto di nuovi impianti è ingiusto nel Salento. 

"Per abolire il divieto di reimpianto siamo pronti a ricorrere alle Corti di giustizia europee, perché è un provvedimento ingiusto nei confronti del Salento che non è efficace contro il contenimento del batterio ”, ha detto il gruppo.

"Nei prossimi giorni l'associazione parteciperà al primo incontro con gli avvocati "battaglia per la sopravvivenza del Salento ".

L'associazione ha proseguito affermando come il paesaggio, le culture e le tradizioni del Salento siano in pericolo e occorre agire per tutelare la storica industria olearia della regione.

Non avere la libertà di piantare nuovi alberi, è un "condanna di morte al territorio ”, ha aggiunto il gruppo. 

Tenera cura amorevole - non abbattimento

Nel frattempo, il sito web Rapporto Xylella ha detto che un altro progetto si sta invece concentrando sulla cura di alcuni degli alberi più antichi della zona in un nuovo processo sperimentale per combattere quella che descrivono come la sindrome CoDiRo. 

Questo è qualcosa che i locali del Salento hanno conosciuto empiricamente per circa un decennio e insistono sul fatto che è un insieme di sintomi (non una malattia) che fanno seccare rapidamente gli alberi e non è la stessa cosa della Xylella fastidiosa. 

La sperimentazione coinvolge alberi osservati dai ricercatori dell'Università di Foggia e trattati in modo biologico ed è guidata dal presidente provinciale di Copagri, organizzazione che rappresenta gli agricoltori. 

Fabio Ingrosso ha detto a Xylella Report: "Gli ulivi che hanno mostrato segni della sindrome stanno rispondendo bene. E sono passati solo due mesi. Siamo solo al terzo trattamento e registriamo visivamente un netto miglioramento.

"Il nostro obiettivo non è curare la Xylella, ma rafforzare gli alberi - indeboliti da anni di utilizzo di sostanze chimiche - per nutrire il suolo e ripristinare la materia organica, in modo che gli alberi rispondano anche in presenza del batterio ”, ha citato Ingrosso come dire.

Ha anche affermato che il motivo principale della ricerca è identificare quali prodotti consentiranno agli ulivi di tornare al loro corretto stato di vegetazione e sottolinea che l'esperimento utilizza prodotti a basso o zero impatto etichettati come fertilizzanti, biostimolanti o sono prodotti già accettati in agricoltura biologica. 

A parte il cuore dell'olio d'oliva italiano, un'altra epidemia di Xylella fastidiosa è stato citato sull'isola francese della Corsica.

Related News

Feedback / suggerimenti