`Il caldo e la siccità ostacolano la raccolta delle olive in Marocco - Olive Oil Times

Il caldo e la siccità ostacolano la raccolta delle olive in Marocco

Ottobre 27, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

I produttori di olio d'oliva e olive da tavola in Marocco si stanno preparando a basse rese con l'inizio dell'anno agricolo 2021/22.

Le ondate di caldo persistenti nelle due maggiori aree di produzione del paese – Marrakesh-Safi e Fes-Meknes – sono state in gran parte incolpate del previsto calo della produzione. I produttori di Marrakech-Safi sono specializzati in produzione di olive da tavola, mentre quelli di Meknes producono la maggior parte dell'olio d'oliva.

"Se piove entro una settimana, la produzione potrebbe migliorare in modo significativo con un aumento di almeno il 30 percento ", ha detto ai media locali Rachid Benali, presidente dell'associazione dei produttori di olive marocchini. "In assenza di pioggia, possiamo aspettarci perdite dello stesso livello”.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

Inizialmente, il settore olivicolo marocchino prevedeva un aumento del 14 percento della produzione che si traduceva in circa 2.2 milioni di tonnellate di frutta raccolta sia per la produzione di olio che per la produzione di olive da tavola.

Tuttavia, l'estate calda e secca ha portato a un drastico calo delle riserve delle dighe. A sua volta, ciò ha comportato il taglio dell'approvvigionamento idrico per l'irrigazione durante la fase critica dello sviluppo dei frutti. Secondo i dati di Juan Vilar Consulenti strategici, l'83 percento degli oliveti marocchini è irrigato.

Il Marocco è uno dei maggiori produttori di olive da tavola e olio d'oliva nel mondo. Gli uliveti occupano più di un milione di ettari nel paese e sono coltivati ​​in cinque regioni separate, tutte situate nel nord del paese.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, Il Marocco ha prodotto 160,000 tonnellate di olio d'oliva e 130,000 tonnellate di olive da tavola nella campagna 2020/21.

Nel complesso, i settori olivicoli rappresentano circa il cinque percento del PIL agricolo del paese e raggiungono un fatturato annuo di circa 6.6 miliardi di Dirham marocchini (630 milioni di euro).

Nel tentativo di potenziare il suo settore dell'olio d'oliva, il paese ha lanciato uno sforzo per piantare più alberi e aumentare la produzione di olive a 2.5 milioni di tonnellate entro il 2020. Secondo il ministero dell'agricoltura, il Marocco ha raggiunto il 94 percento di questo obiettivo.

Però, i cambiamento climatico può compromettere la capacità del paese nordafricano di realizzare pienamente questo obiettivo.

Il Marocco ha sperimentato temperature elevate causate dall'aria calda e secca che soffia a nord dal deserto del Sahara. Queste raffiche insolite hanno portato a temperature fino a 15 ºC sopra la media.

Luglio e agosto hanno avuto le temperature più alte mai registrate nel paese con i termostati che hanno raggiunto i 50 ºC.

Secondo un recente rapporto dell'Oxford Business Group (OBG) sui cambiamenti climatici in Africa, la desertificazione rappresenta una sfida importante al settore agricolo in Marocco.

Il rapporto ha anche mostrato che le statistiche dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, che indicano che l'Africa è il secondo continente più secco al mondo (l'Antartide è il più secco) con circa il 40% del continente afflitto dalla siccità.

La siccità è una minaccia sempre presente con solo il -% delle terre agricole africane sotto irrigazione sostenibile.

Mentre il governo marocchino ha tentato di mettere in atto iniziative di irrigazione sostenibile, il settore agricolo del paese sta ancora cercando di raggiungere questi obiettivi.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti