Nonostante il calo della produzione e delle esportazioni, i produttori marocchini rimangono ottimisti

La produzione marocchina di olio d'oliva dovrebbe superare quella di Tunisia, Turchia e Portogallo.
Ottobre 15, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il Marocco è sulla buona strada per diventare il quinto più grande produttore di olio d'oliva nella campagna 2020/21, secondo dati pubblicati di Juan Vilar Consulenti strategici.

Si prevede che il paese nordafricano produrrà 140,000 tonnellate di olio d'oliva nell'attuale anno di raccolto, un leggero calo rispetto all'anno precedente e 60,000 tonnellate in meno rispetto al raccolto record nel 2018/19.

Penso che l'attuale strategia di concentrarsi su due mercati principali - Stati Uniti e UE - con la nostra produzione attuale sia il primo passo giusto.- Ali Belaj, produttore e sommelier

Nonostante gli anni consecutivi di declino, produzione di olio d'oliva in Marocco continua la tendenza al rialzo, principalmente a causa di un'iniziativa del governo per piantare più ulivi.

Tuttavia, Noureddine Ouazzani, a capo dell'associazione dei produttori, Agro-Pôle Olivier Meknès, ha avvertito che molte sfide ci attendono ancora per gli olivicoltori marocchini.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

Lo ha detto Ouazzani all'agenzia di stampa locale Agrimaroc Covidien-19 le misure di contenimento aumenteranno i costi operativi complessivi poiché determinano quanti lavoratori possono essere presenti contemporaneamente e controllano i loro movimenti attraverso le regioni.

In un'intervista separata con La Vie Eco, Ouazzani ha detto che i lavoratori normalmente si recano nei boschi con camion affollati, ma a causa del virus, i costi di trasporto probabilmente raddoppieranno o triplicherebbero.

Ha anche sottolineato come l'aumento dei costi per i produttori sia dovuto anche al basso livello di innovazione meccanica nei campi e nei mulini.

Negli ultimi dodici anni, il governo marocchino si è concentrato sulla promozione dell'olio d'oliva e oliva da tavola settori produttivi. Dal 2008, la produzione di olive è passata da 662,000 tonnellate a 1.56 milioni di tonnellate, nel 2018.

Anche il numero di uliveti nel paese è cresciuto in modo sostanziale e dovrebbe raggiungere i tre milioni di acri (1.2 milioni di ettari) nel 2030.

Insieme all'aumento della produzione, un altro polo di Progetto Green Morocco - una strategia volta a rilanciare l'intero settore agricolo del paese - è la promozione delle esportazioni marocchine.

Attualmente, il Marocco esporta ogni anno circa due miliardi di dirham ($ 218 milioni) di olio d'oliva e olive da tavola.

In un anno medio, circa un terzo di queste esportazioni viene spedito a nord attraverso il Mediterraneo verso i porti in Italia e Spagna.

Tuttavia, le esportazioni verso il blocco commerciale di 27 membri sono diminuite del 64% rispetto alla campagna 2018/19 e del 40% rispetto alla media mobile di cinque anni, secondo dati pubblicati dal Commissione europea.

La combinazione di un raccolto inferiore alle attese nel 2019, la pandemia Covid-19 e a raccolto eccezionale in Tunisia sono stati tutti accusati della diminuzione delle esportazioni verso l'Europa, che è la più grande destinazione singola per l'olio d'oliva marocchino.

Tuttavia, ha detto Ali Belaj, produttore e sommelier marocchino di olio d'oliva Olive Oil Times che gli oli d'oliva marocchini rimangono molto richiesti in Europa e si aspetta che queste esportazioni riprendano.

"Non direi che le esportazioni verso l'UE siano state direttamente influenzate da un aumento della produzione tunisina ”, ha detto. "La Tunisia ha un olio d'oliva fantastico, che ha detto che l'impronta del Marocco nell'UE è molto significativa con una lunga storia ".

La sua convinzione è condivisa dal resto del governo marocchino, che ha ricevuto 11.6 miliardi di dirham ($ 1.26 miliardi) di investimenti pubblici e privati dall'UE per rafforzare la sua produzione.

Lontano dall'UE, Belaj ha affermato che i produttori marocchini si stanno concentrando sempre più sul mercato nordamericano, con un'iniziativa governativa lanciata di recente per promuovere l'olio d'oliva marocchino negli Stati Uniti.

"Penso che l'attuale strategia di concentrarsi su due mercati principali - Stati Uniti e UE - con la nostra produzione attuale sia il primo passo giusto ", ha affermato. "Tuttavia, l'Asia è un altro grande mercato potenziale, poiché i loro consumatori stanno iniziando a cambiare le loro abitudini e utilizzare più olio d'oliva, ma tutto a tempo debito. "





Related News

Feedback / suggerimenti