`Collegamento della chimica con le origini italiane di EVOO - Olive Oil Times

Collegamento tra chimica e origini italiane di EVOO

Febbraio 6, 2015
Alfonso De Lucia

Notizie recenti

A gennaio 30, l'edizione 2015 di Fiera Enoliexpo Adriatica fu inaugurato a Fermo. Durante la fiera sono stati discussi gli sviluppi tecnologici nel campo dell'enologia e della molitura delle olive.

Durante la conferenza di apertura dell'evento, il Prof. Maurizio Servili, dell'Università di Perugia, ha presentato i risultati della ricerca condotta negli ultimi cinque anni sulla composizione chimica dei campioni 5,000 di oli extra vergini italiani.

La percentuale mediana di acido oleico rispetto alla composizione totale di acidi grassi era del 75%; il contenuto di composti fenolici degli oli analizzati era maggiore di 300 mg / Kg, con una mediana di 452 mg / Kg; il valore mediano dell'α ‑ tocoferolo era di 209 mg / Kg.

Dai risultati, i ricercatori hanno detto, possiamo dedurre il forte legame tra i composti chimici e il cultivar di olive e aree di produzione. "Le caratteristiche sensoriali di alcuni EVOO italiani possono essere considerate uniche e difficili da riprodurre in altre aree olivicole del mondo ", ha detto Servili, "a causa del loro alto contenuto di acido oleico e della presenza di composti fenolici come α tocoferolo e squalene. "

La ricerca del Prof. Servili è stata condotta con la collaborazione di Unaprol (Unione Nazionale delle Associazioni degli olivicoltori) che sta anche aiutando a sviluppare nuovi metodi nella tecnologia e nella sostenibilità dell'estrazione dell'olio. (Durante la molitura solo una piccola percentuale di olive viene estratta e sfruttata - l'olio non supera mai il 20 percento della massa totale - mentre il resto viene smaltito.)

"L'aumento della redditività del settore dell'olio d'oliva italiano ", ha affermato David Granieri, Presidente Unaprol, ha dichiarato durante la conferenza, "può migliorare grazie agli studi sostenuti da Unaprol, attraverso un utilizzo più razionale e completo delle olive in molitura, generando nuove opportunità economiche nella filiera e nelle industrie ad essa collegate ”.

Unaprol ha investito oltre 1 milione di euro nella ricerca scientifica negli ultimi tre anni, ha affermato Granieri.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti