I ricercatori convertono le acque reflue del frantoio per usi pratici

La ricerca ha scoperto come ridurre l'effetto nocivo delle acque reflue del frantoio sull'ambiente.

Ottobre 12, 2017
Di Mary West

Notizie recenti

L'olio d'oliva è apprezzato per i suoi usi culinari e benefici per la salute in tutto il mondo. Tuttavia, il processo di produzione dell'olio provoca abbondanti quantità di acque reflue, che riducono la fertilità del suolo, contaminano i corsi d'acqua e danneggiano gli ecosistemi circostanti.
Vedi anche: Articoli sulla sostenibilità
Ora, gli scienziati hanno trovato un modo per trasformare alcuni di questi negativi in ​​positivi. Hanno sviluppato una procedura che trasforma l'inquinante in prodotti utili; vale a dire, biofertilizzanti, combustibili verdi e acqua potabile per l'irrigazione delle colture.

L'obiettivo è utilizzare le risorse locali in modo semplice per sviluppare un'economia circolare.- Jeguirim, Mulhouse Institute of Materials Science

Nell' produzione di olio d'oliva processo, le olive vengono schiacciate e mescolate con acqua. Successivamente, l'olio viene estratto e l'acqua di scarico sporca viene eliminata. La maggior parte dell'olio d'oliva viene prodotto nei paesi del Mediterraneo, dove la procedura di molitura genera circa 8 miliardi di galloni di acque reflue all'anno. Tali quantità enormi rappresentano una sfida per il suo smaltimento.

La rimozione delle acque reflue può essere problematica. Scartarlo nei corsi d'acqua può inquinare l'acqua potabile e rappresentare un pericolo per la vita acquatica. Il suo utilizzo nelle colture può essere dannoso per il suolo e influire sui raccolti. Gli scienziati hanno provato a bruciare le acque reflue con altri rifiuti, ma il processo è stato troppo costoso o ha creato quantità inaccettabili di inquinamento atmosferico.

In un nuovo studio, Mejdi Jeguirim e colleghi si sono chiesti se potevano trasformare le acque reflue del frantoio (OMW) in prodotti sostenibili pratici. Hanno combinato l'OMW con la segatura di cipresso, un altro prodotto di scarto comune nell'area del Mediterraneo. Dopo aver asciugato rapidamente la miscela, hanno raccolto l'acqua evaporata, che potrebbe essere tranquillamente utilizzata per l'irrigazione delle colture.

Il team ha quindi sottoposto la parte solida della miscela a pirolisi, che è l'applicazione di calore elevato senza ossigeno al materiale organico. In assenza di ossigeno la combustione non avviene nel materiale; tuttavia, si decompone in carbone di legna e gas combustibili. Gli scienziati hanno raccolto il gas e lo hanno condensato in bioolio, un combustibile che potrebbe servire come fonte di calore per essiccare la miscela di segatura OMW e condurre la pirolisi.

Infine, hanno raccolto il carbone, che era una ricca fonte di potassio, azoto, fosforo e altri nutrienti. Dopo averlo utilizzato per cinque settimane come biofertilizzante per piante in vasi da fiori, hanno osservato che ha migliorato significativamente la crescita delle piante, con il risultato di foglie più grandi e rese maggiori.

"Questo progetto offre la possibilità di gestire le acque reflue del frantoio come fonte di nutrienti per le piante ", ha affermato Jeguirim, dell'Istituto francese di scienza dei materiali Mulhouse. "L'obiettivo è utilizzare le risorse locali in modo semplice per sviluppare un'economia circolare. I principali vantaggi derivano dall'abbassamento dell'impatto ambientale e dalla produzione di un biofertilizzante. "

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista ACS Chimica e ingegneria sostenibili.



Related News

Feedback / suggerimenti