Una mostra d'arte tra gli ulivi in ​​Umbria

Un uliveto a Trevi si è trasformato nella sede ideale per mostre d'arte, ospitando installazioni che riflettono sulla pandemia e sulla natura umana.
Virginia Ryan alla mostra Actualizing Tendencies
Settembre 8, 2021
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Negli oliveti italiani si svolgono sempre più attività oltre all'agricoltura.

La crescente necessità di ambienti all'aperto sulla scia del Pandemia di covid-19 favorisce la fruizione di luoghi che garantiscano un ambiente sereno e salubre.

È stato un evento di arte, comunità, natura e bellezza.- Virginia Ryan, artista australiana

Questi fattori hanno spinto un'artista visiva australiana, Virginia Ryan, ad ospitare una mostra nella sua proprietà a Trevi, Umbria.

"Prima di venire qui, abbiamo vissuto in diversi paesi in tutto il mondo e la mia arte ha influenze da tutti i diversi luoghi in cui ho soggiornato", ha detto Ryan. Olive Oil Times.

Vedi anche: Pittore greco dedica il murale di Atene alla storia della produzione di olio d'oliva

"Tra l'altro, ho lavorato a stretto contatto con antropologi, e ho una forte tendenza a creare un rapporto con il luogo in cui mi trovo”, ha aggiunto l'artista, il cui lavoro comprende disegno, pittura, fotografia e installazioni.

Nel 2016 si è trasferita con il marito nella cittadina umbra in provincia di Perugia e si è stabilita in una tenuta che comprende un uliveto e ha ospitato un frantoio fino agli anni '1950.

Per la sua particolare struttura urbanistica, gli ulivi si trovano proprio nel centro storico di Trevi, con vista sulla vallata sottostante.

"L'anno scorso, all'indomani delle misure di restrizione Covid-19 che tutti noi abbiamo sperimentato, ho iniziato a lavorare nel frutteto", ha detto. "Ho una grande affinità con tutte le mie piante.”

Quando è arrivato il momento per Ryan di fare un po' di manutenzione tra i boschi, ha deciso di farli rivivere.

"Dopo il blocco, [il frutteto] ha acquisito un nuovo significato", ha detto.

In collaborazione con le associazioni Trebisonda e Freemocco, Ryan ha riunito ben 47 artisti per un evento di una giornata tenutosi nel solstizio d'estate. Le opere, per lo più installazioni, sono state esposte tra gli ulivi.

"Mi è piaciuta molto l'idea dell'incantesimo del solstizio e anche il fatto di lavorare per un momento molto sfuggente", ha detto. "Avevamo già organizzato un primo evento di una notte in una parte del giardino, con circa 30 artisti, nel 2015.”

"Poi, verso la fine dello scorso anno, abbiamo iniziato a pensare a un nuovo evento", ha aggiunto Ryan. "Speravamo che per l'inizio dell'estate, con l'allentamento delle misure di distanziamento sociale, potessimo essere di nuovo fisicamente vicini. Alla fine, è stato possibile, e abbiamo progettato la mostra chiamata 'Tendenze attualizzanti.'”

mostra-mondiale-tra-gli-ulivi-in-umbria-tempi-dell'olio

Virginia Ryan

Sviluppato negli anni '1960 dallo psicologo americano Carl Rogers, il attualizzazione della tendenza è un concetto che si riferisce a una spinta attiva affinché l'organismo migliori se stesso attraverso una migliore organizzazione, realizzazione del suo potenziale e crescita.

"Rogers ha usato l'esempio di una pianta di patate che ha visto crescere in una cantina a Dublino", ha detto Ryan. "Il piccolo germoglio si arrampicò sul muro verso un debole raggio di luce. Ho pensato che l'idea di una spinta vitale all'interno di ogni organismo vivente sia un concetto molto positivo e affermativo in un momento in cui dobbiamo tornare alla luce, all'apertura e alla crescita”.

Nelle settimane precedenti la mostra, gli artisti sono stati invitati a visitare il sito ea vedere gli spazi che avrebbero ospitato le loro opere, quasi tutte installazioni.

"L'allestimento nell'oliveto è stato ideale», ha affermato il curatore artistico Davide Silvioli che, insieme a Mara Predicatori, ha scritto i testi per il catalogo della mostra.

"Arroccato su terrazze, il frutteto ha permesso ai visitatori di seguire un percorso, tra le piante e le opere corrispondenti, che si è dipanato attraverso gli elementi del sito, vale a dire gli ulivi, la terra e il muro medievale attorno al boschetto ", ha detto Silvioli.

"Seguendo la pretesa della mostra, ovvero lo slancio vitale della natura che si afferma al di là delle contingenze, gli artisti sono stati spinti a creare opere che trasmettano questo concetto, una dimensione che tutti noi come individui abbiamo recentemente sperimentato”, ha aggiunto.

"L'evento aveva anche l'obiettivo di riallacciare una rete artistica che si era un po' sfilacciata dopo tutto quello che è successo», ha proseguito Silvioli. "Durò un giorno per il significato simbolico del solstizio come passaggio climatico, meteorologico, universale, e gli artisti erano tenuti a frequentarlo fisicamente per rafforzare questo simbolismo e trasmettere efficacemente l'impulso vitale attraverso l'arte.

Alcune opere sono state collocate alla base degli ulivi; altre installazioni sono state gentilmente appoggiato ai rami – le opere d'arte sono sempre state concepite in relazione alle piante.

mostra-mondiale-tra-gli-ulivi-in-umbria-tempi-dell'olio

All'ombra di un ulivo, l'artista toscana Samantha Passaniti ha ideato e allestito l'installazione 'Piano incerto,' un pavimento irregolare fatto di piastrelle sciolte, che sono in realtà tavole di legno ricoperte di pigmento bianco dalla falegnameria di famiglia e posate a terra. Il gambo di una pianta succulenta nasce da uno spazio vuoto al suo interno.

"Volevo trasmettere l'idea di camminare sulle macerie di un pavimento soffiato", ha detto. "Il senso di incertezza che tutti abbiamo vissuto nell'ultimo periodo caratterizzato dalla pandemia è stato dirompente, eppure per molti di noi è stato fondamentale trovare una nuova stabilità, un rinnovato senso di speranza».

"Un passo dopo l'altro, seguo l'oscillazione che suggerisce il supporto traballante fino a quando non sento stabilità e finalmente posso fare un altro passo avanti", ha aggiunto Passaniti. "L'incertezza, l'insicurezza, la pazienza, l'ascolto e la fiducia sono elementi essenziali senza i quali non c'è movimento.“

mostra-mondiale-tra-gli-ulivi-in-umbria-tempi-dell'olio

Uncertain Floor di Samantha Passaniti

"In questa complicata danza verso qualcosa di desiderato e forse solo immaginato, un germoglio verde sorge tra le fessure di questo terreno demolito a significare che quello che stavamo cercando era già qui”, ha continuato.

All'evento era presente il sindaco di Trevi, Bernardino Sperandio, che ha visto la partecipazione di gente del posto, intenditori e appassionati d'arte, collezionisti e artisti.

"Questo evento non è pensato per essere annuale, ma occasionale", ha detto Ryan. "In questo momento, era anche un modo per rendere omaggio alla terra che ha nutrito e sostenuto noi in questo momento difficile”.

"Abbiamo messo insieme corpo, spirito, apprezzamento, lotta, ed ero così commossa dalla generosità di tutti che ci ha permesso di organizzare tutto con grande armonia”, ha concluso. "È stato un evento di arte, comunità, natura e bellezza”.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti