`Il gruppo di consumatori portoghesi cerca un blocco sull'etichetta dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Il gruppo di consumatori portoghesi cerca di reprimere l'etichettatura di olio d'oliva

Settembre 3, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

gruppo-mondiale-di-consumatori-portoghesi-cerca-repressione-contro-l'olio-d'oliva-etichettatura errata-olio-d'oliva-proteste

Un cane da guardia del consumatore portoghese ha chiesto maggiore vigilanza frodi di olio d'oliva, tra le sue affermazioni secondo cui uno su cinque oli extra vergine di oliva recentemente testati non erano idonei per tale etichetta.

DECO afferma che la valutazione sensoriale dei marchi di olio extra vergine di oliva 25 venduti in Portogallo ha rilevato che quattro - Auchan (Moura DOP), É, Grão Mestre e Naturfoods Biológico - presentavano difetti che li escludevano dalla classificazione come extra vergine.

E ha detto che una serie di test ha dimostrato che l'olio extra vergine di oliva biologico del marchio Alfandagh non era un olio d'oliva ma un mix di oli vegetali raffinati. Ciò equivaleva a frode ed era inaccettabile, ha detto.

Necessità di ulteriori ispezioni

Nell'edizione di settembre del suo Proteste rivista, DECO ha detto che i risultati dei test avrebbero intaccato la fiducia dei consumatori. Alcune persone pagavano di più perché volevano un olio extra vergine di oliva ma non lo stavano ottenendo, sosteneva DECO, e chiedeva che i cinque marchi fossero rimossi dagli scaffali dei negozi.

"Chiediamo maggiore vigilanza su diversi fronti - dai frantoi agli imballatori, ai supermercati e agli ipermercati - per evitare che l'industria dell'olio d'oliva nel suo complesso venga sospettata a causa dei risultati dei nostri test.

"La qualità delle olive e il processo di estrazione stesso potrebbero anche essere migliorati seguendo le migliori pratiche, come i processi corretti negli oliveti ”, ha affermato.

Il produttore di Alfandagh confuta i risultati

A nome del produttore di Alfandagh MC Rabaçal & Aragão, il direttore di Casa Aragão Artur Aragão ha confutato i risultati del test Alfandagh, dicendo che erano contrastanti. I risultati del test sensoriale riflettevano un olio extravergine di oliva, ma quelli chimici suggerivano che l'olio non fosse nemmeno olio d'oliva.

Era "un po 'irresponsabile "accusare un intero marchio sulla base del test di un lotto, quando potrebbe essersi verificato un problema solo con quel piccolo lotto, ha detto all'agenzia di stampa portoghese Lusa.
Aragão ha affermato che l'azienda di famiglia è stata sottoposta a regolari test del suo olio di oliva da parte di un'azienda esterna "dalla raccolta delle olive al punto vendita. "

"Siamo continuamente monitorati e ciecamente, a nostra insaputa, quindi non corriamo mai il rischio di mettere a repentaglio il lavoro di una vita ”, ha affermato.

Alfandagh è stato tra i vincitori dei premi Prestige Gold al concorso Terraolivo di quest'anno a Gerusalemme.

I migliori oli di oliva anche tra i più economici

DECO ha detto Olive Oil Times non è stato in grado di fornire copie dei rapporti dei test di laboratorio poiché questi erano solo per uso interno da parte dell'associazione.

Sulla sua sito web si dice che l'analisi comprendeva una serie di test fisico-chimici stabiliti dalla legislazione europea e analisi organolettiche da parte di una giuria. La sua rivista Proteste fornisce valutazioni generali per i 25 oli in base a fattori tra cui acidità, valore di perossidi, assorbimento ultravioletto e livelli di estere alchilico.

I primi due oli extra vergine di oliva nella sua analisi di prova - Dia Clássico (Minipreço) e Gallo Clássico - erano anche tra i più economici.

Solo due degli oli testati riportavano la data dell'imbottigliamento.



Related News

Feedback / suggerimenti