Gherib Brahim vince la "Maratona degli ulivi"

Lo spirito della maratona è stato perfettamente interpretato dal francese Runner Dofosse Gilles che ha tagliato il traguardo portando un frondoso ramo d'ulivo. La folla esplose in applausi e applausi al gesto di Gilles e al simbolo di pace.

Dicembre 12, 2016
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

I corridori di tutto il mondo sono scesi su Sfax l'11 dicembre per la Maratona Internazionale degli Ulivi. Un innovativo 100 percento "green” evento sportivo che si è svolto nella città tunisina più nota per olive oil produzione rispetto all'atletica.

La quinta maratona ha attirato corridori da Regno Unito, Francia, Germania, Ungheria, Etiopia, Marocco e in tutta la Tunisia. Gli atleti d'élite hanno gareggiato per medaglie e premi in denaro. Molti dei corridori sono stati semplicemente attratti dall'esperienza di correre attraverso 600 ettari di uliveti tunisini ed esplorare la storica città di Sfax.

Una festa pre-maratona tenutasi il 10 dicembre fuori dalla storica medina di Sfax ha dato ai corridori la possibilità di mostrare alcuni dei loro giochi di gambe più elaborati. Gli atleti hanno ballato sulla musica tradizionale tunisina eseguita da un'orchestra dal vivo. Mentre il sole tramontava sulla medina, i corridori vestiti con sefsaris e jebbas (abiti tradizionali sfaxiani) hanno ballato il Congo a Bab Diwan.

Lo spirito della maratona è stato perfettamente ritratto dal corridore francese Dofosse Gilles, che ha tagliato il traguardo portando un ramoscello d'ulivo frondoso. La folla è esplosa in applausi e applausi al gesto di Gilles e simbolo di pace.


Il vincitore della medaglia d'oro nella maratona maschile è stato il marocchino Gherib Brahim. L'argento è andato all'etiope Desalgen Mengiste Segn e il corridore tunisino Mejri Amin (di Nabeul) ha vinto la medaglia di bronzo.

Nella gara femminile l'oro è andato all'etiope Estegnet Mola Zegey. L'etiope Asnakech Abeje Regassa ha vinto la medaglia d'argento. Un bronzo è stato assegnato a una donna ungherese molto sorpresa, Edit Kiss. Kiss aveva partecipato esclusivamente per l'esperienza e non si aspettava di essere tra i vincitori.

La star della giornata è stato un vivace tunisino Mohamed kazdaghli di 82 anni. Ha gareggiato nella gara di 10 km e ha animato la giornata con la sua gioia di vivere e le sue buffonate

Un drone ronzava sopra i 600 ettari di uliveti che circondano l'antico palazzo di Habib Bourghiba (primo presidente della Tunisia); catturando gli sforzi di circa 400 corridori e lo spirito dell'occasione. I corridori con meno resistenza rispetto all'intera distanza della maratona (42.195 KM) richiesta hanno potuto partecipare a una mezza maratona, una gara di 10 km o 5 km.

Negli ultimi cinque anni l'organizzatore della maratona Naamen Bouhamed ha cercato di trasformare Sfax in un centro internazionale del turismo sportivo. Bouhamed mira a rendere la Marathon of the Olive Trees un evento sportivo di livello mondiale alla pari con quelli di Londra e New York.

Bouhamed ha lavorato instancabilmente per attirare i corridori. I suoi sforzi hanno portato allo sviluppo di un percorso più veloce per gli atleti e all'ottenimento di una certificazione riconosciuta a livello internazionale per l'evento. La visione di Bouhamed è una maratona su larga scala che comprende la storia e la cultura di Sfax. La sua ultima sfida è superare la burocrazia e facilitare la garanzia dei visti per i partecipanti internazionali.

Tre dei concorrenti hanno vinto i loro posti di partenza in un sorteggio fortunato. Uno dei vincitori, Will Wall, da Londra, ha scherzato sul fatto che correre la maratona di Sfax è stato un ottimo modo per sfuggire alla moglie e ai due bambini di età inferiore ai tre anni. È stata la prima visita di Will in Tunisia e ha sfidato il consiglio della Gran Bretagna di non recarsi in Tunisia per motivi di sicurezza.

L'entusiasmo e lo sforzo del presidente dell'evento Bouhamed sono stati tangibili. I volontari hanno lavorato per garantire il corretto svolgimento dell'evento che si è adattato eccezionalmente bene ai suoi visitatori internazionali.

Sfax ha brillato come Capitale della cultura araba della Tunisia per 2016 e ha tenuto il suo primo festival internazionale dell'olio d'oliva quest'anno. Sfax sembra destinata a diventare una destinazione di maratona internazionale e realizzare il sogno di Bouhamed di diventare un punto caldo per il turismo sportivo. La Tunisia ha registrato un calo del turismo dal attacchi terroristici mortali ha colpito il paese in 2015.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti