Progetto Oregon mira a promuovere il settore dell'olio d'oliva

I coltivatori locali e i ricercatori dell'Oregon State University stanno collaborando per risolvere alcuni dei maggiori problemi che affliggono il settore delle nascenti dello stato.

Durant Vineyards. Foto di alanweinerphotography.com
Può. 21, 2019
Di Daniel Dawson
Durant Vineyards. Foto di alanweinerphotography.com

Notizie recenti

Un nuovo progetto lanciato dalla Oregon State University (OSU) ha lo scopo di aiutare a diffondere l'olivicoltura nel vicino nord della California.

Ciò che OSU sta facendo è mettere un metodo scientifico dietro la ricerca. Quando accadrà ciò, ne trarremo tutti dei benefici e penso che le persone inizieranno ad essere attratte dall'albero come opzione commercialmente praticabile.- Paul Durant, mastro mugnaio del Durant Olive Mill

Gli obiettivi primari di Progetto Olea sarà determinare le tecniche di propagazione più efficaci per le olive in Oregon; identificare quali cultivar crescono meglio nel clima unico dell'Oregon; valutare le migliori pratiche di trapianto e invasatura per raggiungere un rapido stabilimento di frutteti; e rendere tutte queste informazioni disponibili al pubblico al fine di sostenere l'industria nascente.

Situato tra i 45 ei 46 gradi di latitudine, l'Oregon si trova un po 'più a nord di altre regioni olivicole più tradizionali. Tuttavia, i coltivatori e i funzionari che lavorano al progetto Olea ritengono che l'olivicoltura commerciale possa avere successo qui.

Vedi anche: Notizie sull'olio d'oliva degli Stati Uniti

Mentre attualmente non vengono conservate statistiche ufficiali sulla produzione - qualcosa che Olea cerca di cambiare - Paul Durant, il mastro mugnaio Frantoi Durant, stima che lo scorso anno l'Oregon abbia prodotto circa 5,000 litri di olio d'oliva. Durant ha un ideale generale su questa figura poiché gestisce l'unico mulino commerciale nello stato.

La produzione è cresciuta lentamente da quando gli Oregon hanno iniziato a coltivare olive per la prima volta circa 15 anni fa. Mentre il settore non ha sperimentato lo stesso tipo di crescita costante che la California ha raggiunto in quel momento, il numero di acri di ulivi è cresciuto fino a circa 100, tutti situati nelle valli a ovest della Cascade Range.

"Penso che abbiamo sperimentato una sorta di crescita incrementale ", ha detto Durant Olive Oil Times. "Le persone sono entrate e poi sono uscite. Poi sono entrati altri. "

La natura incrementale di questa crescita e il successo complessivo degli olivicoltori ha molto a che fare con i modelli meteorologici, secondo Javier Fernandez-Salvador, assistente professore presso OSU e ricercatore capo del progetto Olea.

"Quello che abbiamo scoperto qui in Oregon è che la nostra resa e la nostra produzione dipendono molto dalle condizioni della stagione precedente ", ha detto Fernandez-Salvador Olive Oil Times. "Se si guarda alla vendemmia 2018, abbiamo avuto un inverno molto mite e poi abbiamo avuto anche precipitazioni più basse, una primavera e un'estate più asciutte, il che fa bene all'impollinazione. Molti dei nostri coltivatori hanno riportato rese molto più elevate rispetto a prima ".

Gli anni precedenti hanno portato inverni più miti, il che ha consentito ad alcuni oliveti recentemente impiantati di attraversare un paio di cicli produttivi.

"In Oregon, non è questione di avere un'estate calda e secca ", ha detto Fernandez-Salvador. "Fa troppo freddo in inverno. "

Quando i primi oliveti hanno iniziato a spuntare in Oregon 15 anni fa, molti produttori hanno semplicemente importato ulivi dalla California, sperando di replicare il successo che gli olivicoltori stavano vivendo più a sud.

"Sfortunatamente, quel sistema non funziona in Oregon ", ha detto Fernandez-Salvador. "Innanzitutto per via della nostra topografia e in secondo luogo per i nostri limiti climatici ".

Gravi eventi di congelamento in 2008, 2010 e 2013 hanno spazzato via molti frutteti e hanno portato coloro che sono rimasti a ripensare le loro strategie.

Per molti versi, l'evoluzione del settore dell'olio d'oliva dell'Oregon assomiglia a quello che è successo con l'uva Pinot Nero un quarto di secolo fa.

"L'Oregon non era una regione produttrice di vino 25 anni fa e alcuni coltivatori hanno iniziato a portare cultivar e provarle e poi hanno scoperto che il Pinot Nero prosperava qui ", ha detto Fernandez-Salvador.

L'Oregon è ora abbastanza famoso per le sue uve Pinot Nero, che sono abbastanza resistenti al freddo da resistere agli inverni gelidi. Tuttavia, per riuscire a coltivare l'uva Pinot Nero, i produttori hanno prima fallito con molte altre varietà.

Bogdan Caceu, il direttore esecutivo degli Olive Growers of Oregon e un olivicoltore stesso presso La Creole Orchards, ha detto a una pubblicazione agricola locale che crede che l'olio d'oliva possa ripetere la storia del Pinot Noir.

Per avere successo, Caceu ha affermato che i coltivatori devono trovare una cultivar di olive più resistente al freddo rispetto a quelle coltivate in California, caratterizzata da fioritura precoce e con eccezionali qualità sensoriali.

"Se controlliamo tutte quelle scatole, quello è il Pinot Nero delle olive ", ha detto.

Fernandez-Salvador, tuttavia, crede in un approccio più sfumato rispetto alla semplice ricerca della cultivar giusta.

"Sfortunatamente per l'Oregon, le cultivar da sole non sono un proiettile d'argento per essere in grado di produrre commercialmente qui a causa della fisiologia del raccolto ", ha detto.

"A differenza delle uve, che sono molto resistenti al freddo, dovevi solo trovare qualcosa che prospera con la nostra stagione di maturazione e produzione più brevi, ma con le olive il problema non è la stagione di maturazione ”, ha aggiunto. "Il problema principale è sopravvivere al danno invernale e stabilire un frutteto abbastanza velocemente da renderlo commercialmente praticabile.

Tuttavia, alcuni coltivatori hanno avuto successo con diverse varietà importate da regioni più fredde. Fernandez-Salvador ha affermato che le varietà del nord Italia e del sud della Francia si sono finora mostrate promettenti. OSU sta attualmente conducendo studi sul campo per determinare quali cultivar hanno le migliori possibilità di successo in Oregon.

Durant, d'altra parte, ha dichiarato di aver visto il maggior successo con le sue tre principali varietà italiane.

"Sono un grande fan di Leccino, Frantoio e Picual ", ha detto. "Probabilmente sono i miei primi tre e hanno prodotto una buona quantità di frutta, che ovviamente è anche la chiave. Una cosa è sopravvivere, ma puoi anche ricavarne una discreta quantità di frutta. "

Produzione di olio d'oliva in Oregon è spesso una corsa contro il tempo. Gli ulivi tendono a fiorire tra la metà e la fine di giugno e la prima volta che può avvenire la raccolta è a novembre, con gli olivicoltori che rimangono sempre vigili della prospettiva della prima nevicata dell'anno.

Tuttavia, la vigilanza e gli sforzi dei produttori dell'Oregon spesso ripagano in termini di qualità. Durant ha affermato che gli oli d'oliva dell'Oregon tendono ad avere un sapore unico e un alto numero di polifenoli. Fernandez-Salvador ha affermato che i test di vari oli d'oliva effettuati presso il UC Davis Olive Center hanno confermato questo.

"Non so se è la maturazione prolungata, fioriamo molto tardi rispetto ad altri climi, ma l'olio è straordinariamente distintivo ", ha detto Durant.

Il prodotto finale di alta qualità, combinato con la forte domanda di beni di produzione locale in Oregon, rende la coltivazione dell'olivo e la produzione di olio può essere abbastanza redditizia.

"I coltivatori stanno cercando di produrre mercato locale, prodotti di alto valore ", ha affermato Fernandez-Salvador. "Alcuni vendono persino bottiglie da 250 millilitri per $ 40 ".

E sempre più persone stanno dimostrando interesse ad aderire al settore. Fernandez-Salvador ha affermato che lo stato ha attualmente circa i coltivatori commerciali da 10 a 12 e circa i coltivatori su scala ridotta da 15 a 20.

"È una piccola industria, ma l'altra settimana abbiamo tenuto una riunione dei coltivatori [all'università] e avevamo dalle 50 alle 60 persone ", ha detto.

Durant ha affermato che il progetto Olea dovrebbe aiutare il settore a crescere più velocemente del suo precedente tasso incrementale e attende con impazienza un'industria dell'olio d'oliva dell'Oregon più grande e migliore.

"Penso che dovrebbe crescere più velocemente. Questa è la mia convinzione ", ha detto. "Ciò che OSU sta facendo è mettere un metodo scientifico dietro la ricerca. Quando accadrà ciò, ne trarremo tutti dei benefici e penso che le persone inizieranno ad essere attratte dall'albero come opzione commercialmente praticabile ".





Related News

Feedback / suggerimenti