L'ossimoro "Extra Vergine aromatizzato"

Gli oli aromatizzati sono la frutta a basso impatto - un abbandono del percorso educativo che l'industria ha seguito per attirare gli acquirenti con Sriracha e il fumo.

Novembre 14, 2018
By Curtis Cord

Notizie recenti

Gli oli aromatizzati esistono da molto tempo, ma in questi giorni sembrano essere ovunque.

La vita moderna lascia il tempo per cucinare mentre le scorciatoie culinarie nell'era Instant-Pot offrono pasti di 30 minuti in sempre meno passaggi. Gli oli aromatizzati forniscono un grasso e un condimento in un colpo solo.

Non sono mai stato nemmeno un fan in corso di registrazione con uno scrittore del Washington Post nel 2013 con "parole dure per l'idea ”di aromatizzare e infondere oli d'oliva con erbe, frutta, fumo o qualsiasi altra cosa. Ma a mio avviso c'è un posto speciale nella colonna sbagliata per imbottigliare intrugli aromatizzati e chiamarlo 'extra vergine "sull'etichetta.

Per definizione, l'olio extravergine di oliva, o anche il semplice olio d'oliva, non può contenere additivi. Una volta aggiunto un altro ingrediente, rientra in una categoria di condimento a base di olio e non dovrebbe includere "olio d'oliva "sul davanti della confezione.

L'olio extravergine di oliva è l'unico alimento che deve essere assaggiato da un essere umano per verificarne la classificazione. Gli assaggiatori esperti cercano sottili segni di difetti che squalificherebbero lo status di extravergine. Qualsiasi additivo rende impossibile questo processo di verifica.

Passa a Pro.
La newsletter per i professionisti dell'olio d'oliva.

Non è solo la mia pipì. Il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), l'organizzazione intergovernativa sanzionata dalle Nazioni Unite i cui standard sono abitualmente ignorati in tutto il mondo, ha cercato di convincere i suoi 15 paesi membri a rispettare le sue regole che vietano di chiamare qualsiasi cosa con un additivo 'olio d'oliva, nientemeno 'extra vergine.'

Lo ha detto il direttore esecutivo del CIO, Abdellatif Ghedira Olive Oil Times, "gli oli aromatizzati non possono essere considerati oli di oliva ”e non possono essere etichettati come tali ai sensi delle norme del CIO.

Ciò non ha impedito ad alcuni dei più grandi marchi nei paesi membri del CIO di farlo. "Extra virgin ”sull'etichetta richiede un prezzo più alto che porta a maggiori vendite. Il fatto che l'olio all'interno meriti o meno la preziosa dichiarazione è stato a lungo ignorato dai professionisti del marketing.

"Per garantire una maggiore trasparenza ai consumatori nei mercati di tutto il mondo, è importante rispettare gli standard e gli organismi che li regolano in ogni Paese ”, ha aggiunto Ghedira in un pio desiderio.

Il problema si riduce a questo: quando acquisti latte al cioccolato, puoi essere ragionevolmente sicuro che sia latte aromatizzato con cioccolato e, se lo desideri, potresti chiedere a un laboratorio di chimica di dimostrarlo. L'olio extravergine di oliva è un prodotto visto con un fondato grado di sospetto e una lunga storia di frodi. Aggiungi qualsiasi ingrediente alla miscela e una verifica indipendente diventa impossibile.

Dal punto di vista del produttore, se hai intenzione di aggiungere peperoncino, Sriracha, fumo o limoni Meyer al mix, perché usare l'olio extravergine di oliva quando è più costoso da produrre e i difetti di un grado inferiore sarebbero comunque efficacemente nascosti dall'aroma?

Il motivo, ovviamente, è che l'extravergine vende, sia che si trovi sulla parte anteriore di un sacchetto di patatine, un barattolo di maionese o una miscela con un altro olio interamente.

Nancy Harmon Jenkins, produttrice di olio d'oliva in Italia e autrice della Nuovo ricettario dietetico mediterraneo era ansioso di concordare. "So che ci sono produttori che ammiro che producono olio aromatizzato ", mi ha detto, "ma il gusto puro e fresco dell'olio d'oliva di alta qualità è così unico che devo chiedere: perché preoccuparsi di aggiungerlo? Aggiungeresti il ​​sapore di lampone a uno champagne di fascia alta? "

Harmon Jenkins raccomanda di aggiungere ingredienti in modo indipendente per mantenere l'integrità delle loro qualità individuali. "Se vuoi aggiungere un po 'di limone o aglio o basilico all'olio nel momento in cui lo servi, è il modo migliore. Quello che succede con l'olio aromatizzato è la stessa cosa che accade con il caffè aromatizzato: i sapori non hanno alcun senso di freschezza, solo erbe di Provenza vecchie e stanche aggiunte a olio vecchio e stanco ".

(Alcuni produttori che commercializzano oli aromatizzati etichettati come extra vergini sono stati invitati a fornire le loro prospettive ma hanno rifiutato di commentare.)

Lentamente ma sicuramente, spinto da un flusso infinito di nuove scoperte del benefici alla salute attribuito all'olio extra vergine di oliva e all'ascesa di chef di spicco che si sono presi il tempo di esplorare le sue possibilità culinarie, i consumatori stanno finalmente diventando più istruiti su ciò che "extra vergine ”significa e perché merita il prezzo più alto.

Gli oli aromatizzati etichettati come extra vergini sono i frutti a bassa pendenza. È un modo per spostare l'olio d'oliva attraverso la vendita al dettaglio abbandonando il percorso educativo che l'industria collettiva ha seguito e attirando gli acquirenti con Sriracha e fumo, mentre apre la porta a ancora più disinformazione e inganno.


Related News

Feedback / suggerimenti