`Il bicchiere giusto - Olive Oil Times

Il vetro giusto

Febbraio 27, 2013
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

La degustazione dell'olio d'oliva deve seguire regole precise e l'uso degli strumenti giusti. Un famoso bicchiere blu cobalto è uno di questi.

Secondo il Consiglio internazionale dell'olio d'oliva, un funzionario analisi sensoriale dell'olio d'oliva richiede un vetro standard che deve corrispondere ad alcune caratteristiche specifiche e peculiari. Il calice da degustazione di olio d'oliva standard, fissato nel 1987, prescrive il vetro per l'utilizzo in "analisi organolettiche di oli commestibili. "

Ogni dettaglio è specificato, dalle sue dimensioni al materiale e al design. Deve essere fatto di vetro resistente e deve essere di colore scuro in modo che il colore del suo contenuto non possa essere esaminato, poiché questo non è un criterio di valutazione rilevante. Deve essere privo di graffi o bolle e il cerchio deve essere uniforme, liscio e flangiato. Deve garantire la massima stabilità, per evitare il ribaltamento del bicchiere e la fuoriuscita di olio.
Vedi anche: Acquista bicchieri da degustazione di olio d'oliva
La base più grande deve adattarsi facilmente alle rientranze di un'unità di riscaldamento - si consiglia di esaminare i campioni a 26-30 ° C - e il vetro deve essere ricotto in modo che resista alle variazioni di temperatura. Va inoltre cullato perfettamente in mano, in modo che il fondo del bicchiere si mantenga uniformemente riscaldato, mentre la bocca stretta guida gli aromi e ne facilita l'identificazione.

Infine, ogni bicchiere dovrebbe essere dotato di un vetro da orologio più grande dell'imboccatura del vetro (diametro 10 mm), per evitare la perdita di aroma e l'intrusione di polvere.

Passa a Pro.
La newsletter per i professionisti dell'olio d'oliva.

La società italiana di produzione del vetro Fara produce calici da degustazione di olio d'oliva perfettamente corrispondente allo standard COI. Sebbene non abbia mai ricevuto una certificazione ufficiale dal Consiglio oleicolo internazionale, i loro calici da degustazione sono stati utilizzati da panel o corsi di degustazione ufficiali sin dall'inizio della loro produzione in 2006.

L'azienda toscana, nata 30 anni fa a poca distanza da Firenze, è specializzata nella produzione di vetri e porcellane per alberghi e ristoranti. Offrono anche una gamma di articoli soffiati a bocca esclusivi appositamente progettati e realizzati per le esigenze della ristorazione, inclusi i bicchieri da degustazione di olio.

"Negli ultimi sette anni ", afferma Francesco Caponi, responsabile marketing e figlio di uno dei fondatori dell'azienda, "la domanda di calici da degustazione di olio d'oliva è cresciuta considerevolmente. Da quando l'abbiamo lanciato per la prima volta, la produzione è passata da 1,200 unità nel primo anno (2007) a oltre 6,000 nel 2011. Per il 2012 le vendite sono rimaste costanti ".

Il processo di produzione ha ancora alcune caratteristiche artigianali.

Il crogiolo di vetro fuso (a una temperatura di 1,200 gradi Celsius) viene posto in una padella refrattaria. Il maestro vetraio estrae una sfera di vetro incandescente utilizzando un'apposita bacchetta di metallo. Quindi lo posiziona su una piastra di metallo e inizia a modellare il vetro. Una volta abbozzato, ma ancora in una forma irregolare, il vetro viene inserito in uno stampo e il vetraio soffia attraverso il bastone, per dare a tutti i bicchieri una forma simile, anche se nessun oggetto in vetro soffiato è mai identico a un altro.

L'artigiano tira fuori la forma dallo stampo quando è ancora morbida e con delle pinze taglia il vetro ancora attaccato al bastoncino. Usando una macchina crack-off, può tagliare la sfera di vetro, dandole la forma di un piccolo bicchiere. Il bicchiere da degustazione è ora finito, ma necessita di essere ricotto, cioè messo in un forno finale a temperatura più bassa, dove il bicchiere viene lasciato raffreddare lentamente, per evitare che si rompa da stress termico.

L'uso del bicchiere giusto è obbligatorio per le degustazioni e le valutazioni certificate, ma chiunque lo usi una volta capirà facilmente che è il modo migliore per rilevare difetti di olio d'oliva e sapori indesiderati, oltre ad apprezzare al meglio gli aromi e il fruttato di un buon olio extravergine di oliva, prima di aggiungerlo a qualsiasi alimento.


Related News

Feedback / suggerimenti