Vincente NYIOOC una "questione di orgoglio" per i produttori francesi

I marchi francesi hanno ottenuto otto premi da record al 2020 NYIOOC World Olive Oil Competition, tra cui sei ori e due argenti.

Foto per gentile concessione di Domaine Gerbaud.
Può. 20, 2020
Di Pablo Esparza
Foto per gentile concessione di Domaine Gerbaud.

Notizie recenti

"Stavamo saltando di gioia. Sapevamo di avere un ottimo olio quest'anno, ma questa è una ricompensa meravigliosa ", Louisa Sherman, produttrice di Domaine Gerbaud, Ha detto Olive Oil Times.

La miscela di varietà locali provenzali del Domaine Gerbaud, Aglandau, Salonenque e Grossane, guadagnato un premio d'oro a quest'anno NYIOOC World Olive Oil Competition.

Il nostro interesse per il NYIOOC non era proprio commerciale. Era una specie di orgoglio. Siamo molto appassionati di ciò che facciamo.- Enzo Berbeche, direttore generale di Château d'Estoublon

Sherman's è stato tra gli otto premi raccolti dai produttori francesi - sei Gold e due Silver - e ha rappresentato una conferma dell'alta qualità degli oli d'oliva francesi sulla scena internazionale.

In quanto paese mediterraneo, l'olio d'oliva è un prodotto tradizionale nella maggior parte della Francia. Ma, a differenza di altri paesi produttori, come la Spagna, l'Italia o la Grecia, il clima consente solo agli ulivi di crescere nel sud del paese.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva francesi

Quest'anno è stata la prima volta che il Domaine de Gerbaud, una piccola tenuta ai piedi delle montagne del Luberon in Provenza, ha gareggiato al NYIOOCe il loro successo è stato ricevuto come conferma che i loro sforzi sono stati ripagati.

pubblicità

"Questo ci dà molta fiducia nel terroir e nelle varietà, che possono produrre un olio molto buono. Le varietà francesi non sono così famose come quelle spagnole, italiane o greche. E questa è una delle principali sfide che dobbiamo affrontare ", ha detto Sherman dalla sua casa nella Londra chiusa.

"Sono impressionato da questa competizione. Loro hanno un sito Web brillante e, da parte dell'organizzazione, fanno un enorme sforzo per ottenere informazioni sui produttori premiati ", ha aggiunto.

Tutti i premiati produttori francesi al NYIOOC venuto da tre zone di Denominazione di Origine Protetta- o Appellation d'Origine Protegée (AOPs) - nella regione della Provenza: Haute Provence, Aix en Provence e Vallée des Baux.

Domaine Salvator è una tenuta di 10,000 alberi di ulivo a Les Mées, un villaggio situato a un'altitudine di 1,415 piedi nell'Alta Provenza. Loro Bouteillan monovarietale ha vinto un Gold Award al NYIOOC.

"Questo è un concorso molto importante per noi perché partecipiamo solo a due concorsi internazionali, uno a Parigi e uno a New York ", ha detto Frédéric Pinatel, produttore di Domaine Salvator. Olive Oil Times.

Pinatel e suo cugino sono la quinta generazione di produttori di olio d'oliva della famiglia e sono attualmente responsabili della tenuta.

"L'anno scorso abbiamo vinto un Silver Award e ci siamo posti tante domande. Cosa possiamo fare per migliorare il nostro olio? Cosa potremmo cambiare? Abbiamo provato a ripristinare le cose che pensavamo influissero negativamente sul nostro petrolio. Abbiamo fatto un elenco e abbiamo cercato di migliorarne ogni elemento. Forse questo sforzo ha funzionato ", ha detto Pinatel.

Né le tempeste di vento né l'abbondanza di pioggia durante la stagione del raccolto hanno impedito al Domaine Gerbaud di vincere l'oro quest'anno.

Una situazione simile affrontata Château d'Estoublon, produttore della Vallée des Baux. Sebbene non abbiano vinto alcun premio nel 2019, nel 2020 hanno ricevuto tre Gold Awards e un Silver Award.

"Siamo estremamente felici. È stato un po 'strano come, a causa del coronavirus, non è stato possibile per l'intera squadra celebrare il premio insieme ”, ha detto Enzo Berbeche, direttore generale di Château d'Estoublon Olive Oil Times.

"Eravamo davvero pazzi per non aver vinto nel 2019, quindi, durante un anno, abbiamo cercato di migliorare alcuni aspetti del nostro lavoro ", ha continuato. "Produciamo cinque cultivar (Picholine, Grossane, Bouteillon, Salonenque e Bberuguette) e abbiamo creato la migliore miscela che possiamo fare. Inoltre, abbiamo ridotto al massimo il tempo tra la raccolta delle olive e la frangitura, quindi siamo sicuri che i frutti siano freschi ".

"Il nostro interesse per il NYIOOC non era proprio commerciale. Era una specie di orgoglio ”, ha aggiunto Berbeche. "Siamo molto appassionati di ciò che facciamo. Lavoriamo sette giorni alla settimana e non ricevere un premio per la tua passione è difficile. Forse siamo un po 'competitivi. "

Nel Anno del raccolto 2019/20, La Francia ha prodotto 5.9 tonnellate di olio d'oliva, una quantità leggermente superiore alle 5.5 tonnellate nel 2018/19, secondo il Consiglio oleicolo internazionale.

Sebbene lontana dalle cifre dei suoi vicini in termini di produzione, la Francia è attualmente il sesto produttore di olio d'oliva in Europa, dopo Spagna, Italia, Grecia, Portogallo e Cipro. E i produttori del paese si stanno impegnando per avere una presenza costante alle competizioni internazionali.

"Direi che l'olio d'oliva francese è sottovalutato ", ha detto Sherman. "L'Italia, la Spagna, la Grecia hanno svolto un ottimo lavoro divulgando il loro messaggio. In Francia, è solo una piccola quantità di produzione che arriva ai mercati internazionali. Forse è in parte per questo. "

Pinatel ha anche osservato che gli alti costi di produzione sono una delle principali sfide per i produttori di olio d'oliva in Francia, un paese in cui i piccoli produttori predominano sulle grandi tenute.

"Il settore dell'olio d'oliva francese ha cambiato uno negli ultimi 10-20 anni ", ha detto. "Attualmente è molto impegnativo. La qualità è migliorata molto in molti paesi e la mia visione personale è che, in Francia, se non hai un prodotto veramente buono, non sarà venduto ".

"La competitività sta spingendo tutti verso l'alto ”, concorda Berbeche. "Devi costantemente migliorare e rivalutare le cose. "


Related News