Agricoltori algerini in "stato di shock" dopo una settimana di incendi mortali

Mentre il danno agli uliveti deve ancora essere completamente valutato, alcuni esperti ritengono che gli incendi avranno un impatto sul raccolto e sui prezzi del 2021.
Fumo degli incendi algerini (al centro della foto) catturato dall'Osservatorio della Terra della Nasa
Agosto 24, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

La cenere fumante ha sostituito migliaia di ettari di foreste, vegetazione e terreni coltivati ​​nel nord dell'Algeria.

Un'intera settimana di violenti incendi è terminata, lasciando decine di vittime e centinaia di case bruciate. Molti uliveti sono letteralmente scomparsi nella regione settentrionale della Cabilia, la cuore dell'olivicoltura algerina, e la zona più colpita dagli incendi.

Gli olivicoltori sono al momento in stato di shock. Hanno visto bruciare i loro ulivi e le loro fattorie… alcuni hanno persino perso i parenti in quei villaggi che hanno sofferto per gli incendi.- Nagueb Ladjouz, esportatore, Huile d'olive de Kabylie

Secondo LeMonde, le autorità locali hanno ora dichiarato la fine delle operazioni di emergenza. Si stima che gli incendi abbiano colpito 26 delle 58 prefetture algerine e ucciso almeno 90 persone.

Vedi anche: Migliaia di ettari di ulivi ridotti in cenere nel sud della Turchia

"Gli agricoltori stanno ancora contando i danni agli ulivi ", Nagueb Ladjouzi, un esportatore di olio d'oliva algerino per il Huile d'olive de Kabylie, Ha detto Olive Oil Times. "Al momento abbiamo stime di almeno 9,000 dei 38,000 ettari esistenti nella provincia di Tizi Ouzou e potrebbero confermare i danni a 800 ettari nell'area di Béjaïa, entrambe nella regione della Cabilia”.

Secondo Ladjouzi, ci vorrà del tempo per valutare appieno l'entità del danno agli olivicoltori locali e l'impatto degli incendi sul Vendemmia 2021.

pubblicità

"Gli olivicoltori sono al momento in stato di shock", ha affermato. "Hanno visto bruciare i loro ulivi e le loro fattorie con il bestiame e alcuni hanno persino perso i parenti in quei villaggi che hanno sofferto per gli incendi”.

Secondo grano del mondo, una pubblicazione commerciale, il settore agricolo algerino è stato colpito da grave siccità, che ha già danneggiato i produttori di cereali.

Nel suo aggiornamento estivo all'inizio di agosto, il Foreign Agriculture Service del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti evidenziato "sacche secche” nella vegetazione in diverse regioni algerine e ha riportato la previsione di un calo della resa a causa di un deficit di precipitazioni.

"Le conseguenze saranno gravi sul prossimo raccolto di olive che è già stato indebolito dalla siccità ", ha affermato Ladjouzi. "Dobbiamo aspettarci un prezzo dell'olio d'oliva escursione in Algeria a causa del calo dei raccolti”.

Secondo gli esperti locali, tra le cause dell'incendio c'è stata la mancanza di buone pratiche agricole.

"Prima del 1980, gli olivicoltori sapevano come contenere gli incendi mantenendo i boschetti liberi dalla vegetazione subforestale o persino usando le barriere dei peri come firewall ", ha affermato Ladjouzi. "Da allora queste pratiche e questi usi sono andati perduti”.

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) stima che le foreste dell'Algeria ricoprano circa lo 0.9 per cento del suo territorio, circa 2.15 milioni di ettari. Nel frattempo, le colture coprono circa 718,000 ettari e rappresentano il 15% dell'uso del suolo nelle province settentrionali.

Vedi anche: Ondata di caldo, incendi mortali minacciano l'imminente raccolta delle olive in Grecia

Secondo LeMonde, la regione ha una stagione degli incendi annuale, ma il fenomeno si sta intensificando.

Sebbene l'ammontare totale dei danni causati dagli incendi sia ancora sconosciuto, le autorità locali ritengono che sarà superiore ai 44,000 ettari di vegetazione bruciati nel 2020.

Mentre i danni devono ancora essere valutati così come i risarcimenti per gli agricoltori, crescono i dubbi sull'origine degli incendi.

AfricaNews ha riferito che il consiglio di sicurezza algerino, guidato dal presidente Abdelmadjid Tebboune, ha accusato gli incendiari di aver appiccato alcuni degli incendi e ha collegato le loro attività agli interessi marocchini.

In una dichiarazione, il governo ha affermato che "gli incessanti atti ostili compiuti dal Marocco contro l'Algeria hanno reso necessaria la revisione delle relazioni tra i due Paesi”.

Nella sua dichiarazione, le autorità algerine hanno affermato che gli incendiari hanno ricevuto sostegno sia dal Marocco che da Israele, secondo The Times of Israel.

Tuttavia, gli esperti locali hanno affermato che i numerosi incendi nel bacino del Mediterraneo dovrebbero spingere il governo ad attuare nuove misure di prevenzione e ad investire in infrastrutture e tecnologie antincendio.

Secondo le Nazioni Unite, le temperature in Algeria hanno raggiunto i 47 ºC nei giorni peggiori degli incendi, aggravandole.

"L'estensione degli enormi incendi forestali nel paese nordafricano era chiaramente visibile dallo spazio e pubblicata dalla Nasa”, il ONU ha detto. "Un'immagine, catturata dal satellite Aqua, mostrava un vasto pennacchio di fumo sul nord dell'Algeria, dove quest'anno sono stati bruciati più di 62,000 ettari».

L'Osservatorio della Terra della NASA aveva individuato la regione della Cabilia come la più colpita, con "le parti bianche luminose del pennacchio di fumo suggerivano la presenza di nuvole di fuoco pirocumulonembi”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti