Esportazioni di olio d'oliva algerine basse accusate di "ostacoli sociali persistenti"

La regione della Cabilia produce annualmente circa nove milioni di litri di olio d'oliva, ma ha faticato a esportare il suo petrolio a causa di ostacoli sociali profondamente radicati.

Kabylia, Algeria
Dicembre 8, 2016
Di Reda Atoui
Kabylia, Algeria

Notizie recenti

La regione di Kabylia, situata nel nord dell'Algeria, produce annualmente circa nove milioni di litri (circa 7,000 tonnellate) di olio d'oliva. Nonostante l'abbondanza di quella ricchezza naturale, la regione ha faticato a esportare il proprio petrolio a causa del sistema sociale profondamente radicato con cui è difficile lavorare, anche per le autorità ufficiali locali.

Gli alberi di olivo crescono naturalmente a Kabylia e richiedono cure minime. Normalmente, ciò significherebbe che le opportunità di esportazione di olio d'oliva sono diffuse, ma Kabylia rimane ancorato a pratiche commerciali antiquate che gli impediscono di farlo.

In Kabylia, ogni famiglia possiede il proprio lotto di ulivi, che di solito non è più di qualche dozzina di ulivi. Ogni generazione di coltivatori trasmette il proprio pacco a quella successiva e così via. La stragrande maggioranza dei kabyliani è visceralmente attaccata ai propri pacchi e considera che consumare il proprio olio d'oliva sia meglio che venderlo.

Nella migliore delle ipotesi, lo vendono attraverso canali e conoscenze vecchio stile. Questo tipo di transazione commerciale rudimentale ha gravemente influenzato la capitalizzazione di Kabylia su redditizi mercati esteri e le istituzioni governative devono ancora trovare soluzioni adeguate.

In effetti, i partner stranieri hanno difficoltà a importare olio d'oliva dalla Kabylia. Kamel Boudjadi, giornalista del quotidiano algerino L'Expression che ha coperto le tendenze del mercato dell'olio d'oliva di Kabylia, ha seguito il percorso di un giovane residente in Francia che desiderava importare olio d'oliva dalla Kabylia.

(Nota del redattore: il quotidiano algerino L'Expression affermava che la produzione dell'Algeria di nove milioni di litri era "più o meno equivalente alla produzione di paesi come la Tunisia e la Spagna ”, ma in realtà è una piccola frazione della produzione di entrambi).

L'uomo ha creato un'azienda e stava cercando di importare olio d'oliva algerino per venderlo sul mercato francese, che è un segmento importante della grande diaspora algerina. Quel piano non è andato come previsto poiché ha lottato per ottenere la quantità che desiderava a causa del modo in cui i coltivatori di Kabylian fanno affari.

In primo luogo, molti coltivatori locali si sono rifiutati di vendergli olio d'oliva. Inoltre, trattare con coloro che erano effettivamente disponibili è stato un compito difficile in quanto richiedeva l'acquisto da centinaia di famiglie per generare un volume significativo, il che si è rivelato un incubo per gli affari. Il giovane alla fine lasciò l'attività di importazione, scoraggiato.

Le autorità algerine sono consapevoli dei limiti di Kabylia, ma hanno avuto difficoltà a organizzare l'industria locale dell'olio d'oliva a causa della sua immensa frammentazione. Ciò si rivelerebbe molto probabilmente un compito colossale in quanto richiederebbe che migliaia di famiglie aderissero agli stessi standard di produzione e di business; i funzionari del governo hanno provato a farlo, ma ogni volta hanno fallito.

È stato quasi impossibile per gli enti regolatori governativi standardizzare l'industria dell'olio d'oliva cabaliano dalla raccolta degli ulivi all'esportazione del loro olio. In tali condizioni, la produzione e la vendita di olio d'oliva che soddisfa gli standard sanitari e gustativi a potenziali partner commerciali stranieri potrebbe rappresentare una sfida complessa per Kabylia negli anni a venire.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti