Migliaia di ettari di ulivi ridotti in cenere nel sud della Turchia

I produttori temono che i peggiori incendi del paese nella memoria recente siano un sintomo del cambiamento climatico e che il governo non si stia preparando adeguatamente per gli incendi futuri.
Agosto 23, 2021
Wasim Shahzad

Notizie recenti

I incendi che infuriavano nella Turchia meridionale e sudoccidentale sono stati bruciati più di 160,000 ettari da fine luglio a metà agosto.

Quasi 300 incendi hanno bruciato in cinque province in quel lasso di tempo, uccidendo almeno nove persone e distruggendo proprietà e terreni agricoli.

Gli incendi in Turchia sono i peggiori nel loro genere da almeno un decennio. I peggiori incendi a memoria d'uomo lungo la costa meridionale hanno inferto un nuovo colpo al settore.- Bahar Alan, proprietario, Nova Vera

Gli olivicoltori locali raccontano Olive Oil Times che migliaia di ettari di uliveti sono stati inghiottiti dagli incendi con centinaia di migliaia di ulivi distrutti nel processo.

"Si prevede che gli uliveti che coprono da 1,500 a 2,000 ettari siano stati danneggiati dagli incendi a Muğla ", ha detto Hatice Aktürk, il proprietario di Ata Ağaç Olive Oil Olive Oil Times. "Questo importo corrisponde a circa il due percento degli uliveti e a circa 300,000 ulivi nella provincia di Muğla.

Vedi anche: La Turchia annuncia un piano per promuovere l'agricoltura sostenibile

Gli uliveti di Aktürk si trovano nel distretto di Milas, che ha subito il peso degli incendi nella provincia. Decine dei suoi alberi centenari sono andati persi durante gli incendi.

"In uno dei nostri uliveti a Milas, 25 dei nostri vecchi ulivi di età compresa tra 500 e 800 anni sono stati tutti ridotti in cenere ", ha detto. "Sono stati colpiti circa 0.4 ettari dei nostri boschi”.

"Per più di 15 giorni ci sono stati 288 incendi in Turchia, proprio come in molti altri paesi mediterranei”, ha aggiunto Akturk. "Qui la temperatura supera i 45 ºC, l'umidità è troppo bassa e c'era troppo vento”.

Secondo Pelin Omuroğlu, co-proprietario di Ayerya Wind Valley Farm e fondatore di Olivurla, la combinazione di caldo secco e venti forti ha contribuito ad accendere gli incendi e ha permesso loro di diffondersi rapidamente attraverso la campagna turca.

"Il vento era molto forte in alcuni giorni, il che rendeva le cose sempre più difficili", ha raccontato Olive Oil Times.

Omuroğlu è preoccupato che questi tipi di stagioni degli incendi diventino più comuni in Turchia a causa di cambiamento climatico. Sebbene ogni singolo evento sia difficile da collegare direttamente al cambiamento climatico, la maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che le condizioni che hanno permesso agli incendi di accendersi e diffondersi così rapidamente saranno diventare sempre più comune.

"Man mano che il clima cambia, diventerà ancora più caldo e gli incendi cresceranno", Bahar Alan, il proprietario di Nova Vera e uno dei turchi di maggior successo produttori di olio d'oliva, ha detto Olive Oil Times. "Dovremmo essere più attenti agli eventi climatici composti e ai loro effetti moltiplicatori perché ci sarà sempre il rischio di nuovi incendi».

"Gli incendi in Turchia sono i peggiori del loro genere in almeno un decennio", ha aggiunto. "I peggiori incendi a memoria d'uomo lungo la costa meridionale hanno inferto un nuovo colpo al settore che costituisce circa il cinque per cento dell'economia turca».

Gli olivicoltori di tutte le regioni colpite chiedono ora al governo turco di aiutarli a reimpiantare e ricostruire.

Il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha già promesso di adottare misure contro la siccità e di piantare 252 milioni di alberi nel paese per aiutare prevenire la desertificazione.

Mahmut Serdar Kocadon, capo della Camera di commercio di Bodrum, ha affermato che agli olivicoltori verranno forniti nuovi alberi per compensare i danni ai loro uliveti.

Tuttavia, molti produttori ritengono che queste misure siano troppo poco e troppo tardive e il governo le ha ampiamente deluse durante la crisi.

Omuroğlu ha affermato di non essere soddisfatta della gestione degli incendi da parte del governo, accusando le autorità di aver atteso troppo a lungo prima di intervenire. Ha detto che i volontari locali erano stati principalmente responsabili della lotta agli incendi e che il governo non era stato coinvolto fino all'arrivo degli aiuti internazionali.

Alan ha suggerito al governo di limitare l'uso pubblico delle foreste, specialmente durante la stagione degli incendi. Ha esortato il governo a prendere lezioni dai recenti incendi.

"In tempi di fuoco, i governi locali dovrebbero essere in allerta soprattutto", ha detto. "Soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento globale, tutti i segmenti della società dovrebbero esserne consapevoli”.

Tuttavia, Aktürk ha affermato che puntare il dito non servirà a nulla per i coltivatori colpiti e che tutti devono lavorare insieme per ricostruire dopo gli incendi e aiutare a prevenire quelli futuri.

"I nostri boschetti si trovano in un piccolo villaggio, quindi il nostro capo [capolavoro] ha agito molto rapidamente con i volontari", ha detto. "Quando siamo arrivati ​​al nostro boschetto, tutte le persone che vivevano in giro con il capo e i vigili del fuoco avevano già gestito l'incendio”.

"Gli incendi, causati da errore umano, [incendio doloso] o dal riscaldamento globale, hanno colpito profondamente la Turchia", ha concluso Aktürk. "Le persone devono trattare la natura, la terra e l'acqua in modo più rispettoso".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti