Incontra il produttore dietro l'olio extra vergine di oliva più premiato della Turchia

Bahar Alan ha iniziato a produrre olio d'oliva come hobby, ma da allora si è dedicata alla coltivazione di varietà locali per produrre olio d'oliva biologico di alta qualità.

Bahar Alan
Agosto 16, 2021
di Wasim Shahzad
Bahar Alan

Notizie recenti

Ancora una volta i produttori dietro Novavera dimostrato di essere tra i più grandi vincitori al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.

L'azienda turca, specializzata nella produzione di olio d'oliva da rare varietà locali, ha guadagnato un terzo consecutivo Gold Award per la sua miscela Trilye e tre Silver Awards per le sue miscele Ayvalik, Yamalak e biologiche.

Ogni anno elaboriamo almeno una o due cultivar locali rare e cerchiamo di pubblicizzarle, come la Yamalak, che riteniamo sia un gioiello nascosto.- Bahar Alan, proprietario, Novavera

Secondo Bahar Alan, fondatore e proprietario dell'azienda, Novavera è il marchio turco più premiato, avendo ottenuto più di 200 riconoscimenti da quando è stato fondato nel 2018.

Vedi anche: Profili del produttore

"Dopo aver attraversato una malattia, mi sono reso conto della vera importanza della salute e della creazione di un legame con la natura", ha detto Alan Olive Oil Times. "Attraverso questo, ho conosciuto il vero scopo della mia vita: produrre cibo sano nel modo migliore e farlo in armonia con la natura”.

Parte di questa metaforica rinascita di Alan come produttore di olio d'oliva è trasmessa nel nome che ha scelto per l'azienda.

"Nova vera significa 'nuova primavera' e 'nuova verità' e può essere tradotto come la 'nuova verità di bahar' (bahar significa primavera)”, ha detto Alan. "Produrre olio d'oliva, un alimento sano, utilizzando il miglior approccio possibile è la nuova verità e lo scopo della mia vita, che ho scoperto dopo aver vissuto un periodo difficile della mia malattia. Questo nome del marchio mi ricorda questo scopo".

La prima pietra di Novavera è stata posta quando l'azienda ha piantato 2,000 alberi su un'area di 20 ettari ad Ayvalik, da secoli capitale dell'olivo della Turchia.

"All'inizio, è iniziato come un hobby che volevamo realizzare come progetto di pensionamento", ha detto Alan. "Ma essendo totalmente attratto dall'argomento, ero ansioso di imparare tutto ciò che potevo trovare sulla produzione di olio d'oliva più sano con quantità maggiori di composti fenolici.

"Ora abbiamo più di 160 ettari di oliveti nelle regioni di Ayvalik e Manisa, che possono essere descritte rispettivamente come i vecchi e i nuovi centri olivicoli della Turchia", ha aggiunto.

africa-medio-oriente-profili-i-migliori-oli-di-oliva-incontra-il-produttore-dietro-i-tacchini-mostapremiato-olio-extra-vergine-di-oliva-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Bahar Alan

Il primo anno è stato impegnativo per Alan e il suo team, che non erano soddisfatti degli approcci tradizionali utilizzati nell'agricoltura e nella raccolta delle olive.

"Durante il primo anno, la nostra sfida più grande sono state le abitudini convenzionali degli agricoltori e dei raccoglitori con cui abbiamo lavorato", ha affermato. "Abbiamo dovuto lavorare sodo per convincerli a utilizzare modi più moderni come l'uso di casse al posto dei sacchi o di macchine per la raccolta al posto dei tradizionali bastoni”.

Il tempo instabile è stata un'altra sfida che Alan e il suo team hanno dovuto affrontare quando grandine, tempeste e siccità hanno messo a dura prova i suoi alberi nella prima stagione.

Nonostante queste sfide, Alan ha affermato che il primo anno di produzione di Novavera è stato ben accolto, con diversi oli che hanno ottenuto riconoscimenti internazionali.

"Questo ci ha incoraggiato a imparare e investire più tempo ed energia in questa nuova linea di business", ha affermato Alan. "Per questo motivo abbiamo partecipato a due sessioni di formazione in California per la degustazione e la produzione dell'olio d'oliva. Lì abbiamo incontrato esperti e ottenuto la guida per impostare il nostro mulino nel modo più efficiente.

Vedi anche: Come produrre olio d'oliva pluripremiato

La raccolta anticipata è preferita per la maggior parte delle varietà di olive. Il periodo di raccolta inizia generalmente a fine settembre e si protrae fino alla prima settimana di ottobre.

"Le olive post-raccolta vengono immediatamente trasportate ai nostri frantoi e spremute senza causare alcun ritardo ", ha affermato Alan. "Per il trasporto delle olive da località lontane vengono utilizzati veicoli con sistemi di stoccaggio climatizzati”.

Una volta giunte al frantoio, le olive vengono risciacquate con un doppio sistema di lavaggio per eliminare ogni residuo sul frutto. Successivamente, l'acqua che passa attraverso un apposito filtro viene utilizzata per lavare le olive un'ultima volta. Una volta lavate le olive, inizia il processo di estrazione a freddo.

"Affinché l'olio d'oliva possa essere considerato estratto a freddo, la temperatura della pasta di olive non deve superare i 27 ºC in nessuna fase della produzione ", ha affermato Alan. "La nostra infrastruttura di produzione e la sua tecnologia ci consentono di misurare la temperatura della pasta in sei punti e raffreddare in punti specifici, se necessario.

"Quindi l'olio d'oliva viene conservato in un ambiente resistente all'aria, alla luce e al calore per mantenerne la freschezza e la qualità ", ha aggiunto.

Sebbene questo processo sia familiare a molti produttori di olio extra vergine di oliva, Alan ha affermato che l'enfasi dell'azienda sulle varietà locali, inclusa la loro miscela vincitrice del Gold Award, aiuta Novavera a distinguersi.

africa-medio-oriente-profili-i-migliori-oli-di-oliva-incontra-il-produttore-dietro-i-tacchini-mostapremiato-olio-extra-vergine-di-oliva-tempi-dell'olio-d'oliva

Bahar Alan

"Questa miscela di olio extra vergine di oliva a raccolta precoce è prodotta da olive Trilye, che crescono a un'altitudine di 600 metri nella regione di Manisa ", ha affermato Alan. "L'olio prodotto da queste olive contiene alti livelli di polifenoli e un intenso sapore fruttato dovuto alla loro crescita su un terreno e un clima ideali.

"Ogni anno elaboriamo almeno una o due cultivar locali rare e cerchiamo di pubblicizzarle, come Yamalak, che riteniamo sia un gioiello nascosto", ha aggiunto.

Oltre alla dipendenza dalle varietà locali, Alan ha anche attribuito il suo team altamente qualificato al successo duraturo dell'azienda.

"Il nostro team di produzione è stato formato per due anni da esperti provenienti dall'Italia e dagli Stati Uniti", ha affermato. "Possono fare miracoli in termini di mantenimento del livello di fruttato e composti fenolici, oltre a bilanciare l'armonia degli oli con le varietà locali”.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Turchia

Nonostante l'impegno profuso in ogni fase della produzione, Novavera non è immune alle sfide poste da cambiamento climatico, che stanno diventando sempre più diffusi nella regione turca dell'Egeo.

"L'anno scorso, abbiamo affrontato gli effetti negativi del riscaldamento globale", ha detto Alan. "Sfortunatamente, la qualità e la quantità del nostro raccolto erano colpite dalla siccità. Ma abbiamo fatto del nostro meglio per superare queste sfide applicando i moderni metodi di agricoltura biologica per salvare i nostri raccolti".

Secondo Alan, il cambiamento climatico è la sfida più significativa affrontata dagli agricoltori, non solo in Turchia ma anche nel resto del mondo.

"Ogni anno che passa, la prevalenza di nuove malattie, piogge precoci, siccità e riscaldamento globale è in aumento, il che ha un impatto negativo sulla qualità e sulla quantità dei raccolti", ha affermato.

La visione ei valori fondamentali di Alan si basano sull'idea di produrre cibo sano in armonia con la natura. A tal fine Novavera ha sviluppato un strategia per combattere il cambiamento climatico.

L'azienda ha implementato metodi di produzione sostenibili senza generare rifiuti, compreso il risparmio e il riciclaggio dell'acqua.

africa-medio-oriente-profili-i-migliori-oli-di-oliva-incontra-il-produttore-dietro-i-tacchini-mostapremiato-olio-extra-vergine-di-oliva-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Bahar Alan

"Implementiamo i principi dell'agricoltura biologica e biodinamica nei nostri boschi", ha affermato Alan. "I nostri alberi vengono annaffiati con il metodo dell'irrigazione a goccia solo se necessario. Garantiamo attraverso test accreditati che nessun residuo di pesticidi rimane nei nostri oli d'oliva”.

"Produciamo senza aggiungere acqua aggiuntiva alla pasta di olive per evitare la formazione di rifiuti idrici ", ha aggiunto. "Inviando le nostre vinacce agli impianti di riciclaggio, contribuiamo alla trasformazione di questo prodotto in carburante".

Insieme alla sostenibilità ambientale, Novavera bilancia la necessità di rimanere economicamente sostenibili. Di conseguenza, l'azienda esporta attualmente il 30 percento della sua oliva extra vergine negli Stati Uniti, in Europa e in Corea del Sud.

Alan spera di aumentare questa cifra lavorando con altri produttori locali, ma solo se soddisfano gli standard della sua azienda.

"Stiamo lavorando a un nuovo modello di business per includere più agricoltori nel nostro ecosistema basato su a 'modello di olivicoltura biologica a contratto ", ha affermato Alan. "Per evitare la contaminazione incrociata causata dai pesticidi, lavoreremo solo le olive che sono state coltivate nei nostri uliveti".

"Vorremmo consentire a più agricoltori di coltivare le loro olive in modo biologico ", ha aggiunto. "Questo modello aiuterà gli olivicoltori, che non hanno una conoscenza adeguata dell'agricoltura biologica, ad applicare i principi dell'agricoltura biologica ai loro uliveti ".

"Novavera consentirà loro di applicare fertilizzanti organici e pesticidi organici innocui seguendo un programma sotto supervisione", ha continuato Alan. "Questi agricoltori a contratto potranno macinare i loro prodotti biologici finali a Novavera. Riteniamo che questo modello attirerà i proprietari di uliveti che sono all'estero o vivono in città e non possono prendersi cura dei loro uliveti".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti