`Olive tra gli alimenti con il livello più basso di residui di pesticidi in Europa, risultati di uno studio - Olive Oil Times

Olive tra gli alimenti con il livello più basso di residui di pesticidi in Europa, risultati dello studio

Aprile 29, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I residui di antiparassitari trovati sulle olive coltivate, lavorate e commercializzate nell'Unione Europea nel 2019 sono scesi per lo più ben al di sotto dei limiti legali, secondo un rapporto dell'Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

L'ultimo rapporto dell'EFSA mostra i livelli di contaminanti sulle olive tra i più bassi di tutti gli alimenti a disposizione dei consumatori.

Pubblicato nell'aprile 2021, il rapporto dell'EFSA 2019 ha analizzato i risultati del campionamento su un'ampia varietà di alimenti esaminati dalle autorità nazionali degli Stati membri e dalle agenzie dedicate di Norvegia e Islanda.

Vedi anche: Le mosche dell'olivo in Spagna sono immuni ai pesticidi comuni, risultati di uno studio

"Per il 2019, il 96% dei 96,302 campioni complessivi analizzati è sceso al di sotto del livello massimo di residui (MRL) ", afferma il rapporto.

Scomponendo queste cifre, il 57% di tutti i campioni non conteneva livelli di residui quantificabili, mentre poco meno del 40% mostrava residui che non superavano i limiti di legge. Quasi il quattro per cento di tutti i campioni ha mostrato un livello illegale di pesticidi, che in molti casi ha portato a sanzioni o altre azioni di contrasto.

Nella categoria degli alimenti non trasformati, 84 olive coltivate per produzione di olio sono stati campionati. Di questi, il 69% (58 campioni) presentava livelli trascurabilmente bassi di residui di pesticidi. Un ulteriore 26% (22 campioni) aveva campioni di pesticidi al di sotto del limite legale. Tuttavia, gli ultimi quattro campioni hanno superato il limite legale.

La situazione per olive da tavola era molto simile. L'EFSA ha esaminato 88 campioni e ha scoperto che l'84% (74 campioni) non conteneva livelli di residui quantificabili, mentre l'11% (10 campioni) aveva livelli di pesticidi inferiori al limite legale. Solo quattro campioni hanno superato questo limite.

Nella sua relazione, l'EFSA ha preso in considerazione l'uso di più pesticidi nei prodotti alimentari non trasformati. Il rapporto ha rilevato che quando si tratta di olive, l'uso di più di un pesticida si verifica raramente.

Seicentoquarantuno campioni di olive per la produzione di olio esaminati dalle agenzie nazionali e segnalati all'EFSA non hanno mostrato residui di pesticidi quantificabili. Nel frattempo, 64 campioni hanno mostrato la presenza di un singolo pesticida mentre 17 avevano residui di più prodotti.

Vedi anche: L'Europa prevede di triplicare i terreni agricoli dedicati all'agricoltura biologica entro il 2030

Queste cifre collocano le olive tra gli alimenti più sicuri, meglio di latte, grano, mele, pomodori o uva.

L'ultimo rapporto non ha incluso le olive nella sezione speciale del programma di controllo dell'Unione europea, che si concentrava su alcuni degli alimenti più popolari sul mercato.

Tuttavia, sono stati presi in considerazione più di 3,000 campioni di olio d'oliva in il rapporto 2018, pubblicato lo scorso anno. L'EFSA ha rilevato che i livelli di pesticidi nell'olio d'oliva sono diminuiti in modo significativo. Nel 2015, lo 0.9% dei campioni ha superato l'MRL, con tale cifra ridotta allo 0.6% nel 2018.

Considerando tutti i campioni esaminati per il suo ultimo rapporto, l'agenzia alimentare ha trovato 799 diversi pesticidi utilizzati all'interno dell'Unione europea.

L'EFSA ha anche osservato che gli alimenti non trasformati superavano l'LMR più spesso degli alimenti trasformati, con il 2.8% e il -% dei campioni che superavano rispettivamente i limiti legali.

Tra le conclusioni dello studio, l'EFSA ha riscontrato una leggera riduzione dei pesticidi utilizzati nel 2019 rispetto all'anno precedente. La percentuale di campioni non conformi è scesa dal 4.7% al -% di tutti i campioni esaminati.

Il rapporto ha anche rilevato che la quantità di campioni senza residui quantificabili è aumentata dal 50% nel 2018 al 55% nel 2019.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti