Jaén lancia un'iniziativa per aumentare la sostenibilità delle aziende agricole e dei mulini

Attraverso il progetto Seralma Verde, il governo provinciale di Jaén fornirà consulenza e supporto ai produttori che cercano di trasformare i prodotti di scarto dell'olio d'oliva.
Pedro Bruno presenta il progetto Seralma Verde. Foto per gentile concessione della Diputación de Jaén
Giu. 20, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Il governo locale di Jaén, una delle più grandi province produttrici di olio d'oliva in Spagna, offre una serie di nuovi servizi a cooperative e frantoi nel tentativo di aumentare la loro redditività e ridurre i costi.

I produttori in tutta la provincia, così come nel resto del paese, hanno sofferto di un persistente calo prezzi dell'olio d'oliva da più di un anno ormai, con molti che dicono che stanno facendo una perdita sui loro oli.

Vedi anche: La Spagna scommette sulle bioraffinerie per trovare nuove entrate per i piccoli produttori 

"Il settore olivicolo nel suo insieme sta affrontando diverse sfide e forse la più difficile è la competitività dei nostri frantoi e cooperative ", ha affermato Pedro Bruno, vice di Jaén per l'agricoltura, l'allevamento, l'ambiente e il cambiamento climatico.

"Pertanto, una delle strategie per raggiungerlo potrebbe essere sostenibilità, sfruttando i sottoprodotti dell'oliveto in modo da poter ottenere entrate o risparmi sui costi che contribuiscono a questo declino della redditività del settore ", ha aggiunto. "In breve, per rendere la nostra industria olearia più sostenibile dal punto di vista economico e ambientale ".

Attraverso l'iniziativa, che si chiama Seralma Verde o anima verde, il governo locale di Jaén fornirà consulenza tecnica sui progetti e aiuterà i mulini e le cooperative a trovare partner per sviluppare questi progetti.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il governo prevede di concentrarsi su quattro aree principali: trasformare le potature degli ulivi in ​​pellet di legno; pulire e riciclare le pietre di ulivo, quindi potrebbero essere trasformato in biomassa; trasformare la sansa di oliva in fertilizzante ecologico; e la produzione di biogas dalle acque reflue delle olive e dalla sansa grassa.

Il vantaggio di questi progetti è triplice: i mulini e le cooperative si stanno liberando dei rifiuti che normalmente devono pagare per aver rimosso, creando sottoprodotti che possono essere utilizzati da mulini e cooperative o venduti ad altre imprese e diventando più sostenibili .

"Speriamo di diversificare l'attività produttiva dei frantoi e delle cooperative creando nuovi servizi legati all'oliveto, creando nuovi posti di lavoro ed estendendo quelli già generati a causa della campagna di raccolta ”, ha detto Bruno. 

"Intendiamo attrarre e mobilitare nuovi investimenti, ridurre i livelli di emissioni di CO2 attraverso l'uso di energie rinnovabili e dimostrare che siamo una provincia che crede nella sostenibilità e si impegna in essa ”, ha aggiunto.





Related News

Feedback / suggerimenti