Un disastro climatico è già in corso, avverte il rapporto delle Nazioni Unite

Il riscaldamento delle temperature medie ha già causato cambiamenti irreversibili al clima terrestre. Il bacino del Mediterraneo è tra le aree più colpite.

Agosto 12, 2021
Di Paolo DeAndreis

Una nuova rapporto dall'agenzia delle Nazioni Unite su cambiamento climatico sta suscitando reazioni in tutto il mondo.

Secondo le dozzine di scienziati ed esperti internazionali dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), è ora dimostrato che il riscaldamento dell'atmosfera, dell'oceano e della terra si sta verificando e che le attività umane li causano.

Il clima del bacino (mediterraneo) è unico e sta cambiando a un ritmo più veloce che altrove.- Gianmaria Sannino, climatologo, European Climate Research Alliance

Il rapporto è un primo passo verso il sesto rapporto di valutazione (AR6), che è previsto per il prossimo anno ed è guidare il dibattito politico in molti paesi. Dimostra come il clima della Terra sia già cambiato in modo irreversibile, come l'innalzamento del livello del mare e l'assottigliamento delle calotte glaciali.

"Le prove sono inconfutabili: le emissioni di gas serra stanno soffocando il nostro pianeta e mettendo in pericolo miliardi di persone", ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. tweeted. "Il riscaldamento globale sta interessando ogni regione della Terra, con molti dei cambiamenti che stanno diventando irreversibili. Dobbiamo agire con decisione ora per evitare una catastrofe climatica".

Vedi anche: L'Europa presenta un piano per dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030

Guterres ha aggiunto che questo rapporto serve come "un codice rosso per l'umanità”.

Secondo l'IPCC, il cambiamento climatico indotto dall'uomo colpisce già molti eventi meteorologici e climatici estremi in ogni regione del mondo.

"Prove di cambiamenti osservati in condizioni estreme come ondate di calore, forti precipitazioni, siccità e cicloni tropicali e, in particolare, la loro attribuzione all'influenza umana si è rafforzata dal quinto rapporto di valutazione (AR5)", afferma il rapporto.

Mentre un'azione coordinata immediata potrebbe impedire alla temperatura media di superare 1.5 ºC al di sopra dei dati preindustriali, le temperature sono già di 1.1 ºC più calde, un livello mai visto dall'ultima era glaciale di 125,000 anni fa, afferma il rapporto.

Se non si fa nulla, le temperature potrebbero continuare a salire nei decenni successivi, tra 2 ºC e 4 ºC, compromettendo le attività umane e persino la sostenibilità della vita in vaste aree del pianeta.

Dozzine di paesi potrebbero addirittura scomparire, secondo Mohamed Nasheed, ex presidente delle Maldive e coordinatore del gruppo della cosiddetta "Paesi a rischio”.

Satyendra Prasad, ambasciatore delle Figi e rappresentante permanente presso le Nazioni Unite, ha definito il rapporto molto allarmante.

"Risulta superiore a dove tutti pensavamo fossero le stime", Satyendra Prasad, ambasciatore delle Fiji e rappresentante permanente presso le Nazioni Unite, ha detto al Guardian. "Presenta alcuni degli scenari catastrofici a cui abbiamo pensato nel Pacifico di innalzamento del livello del mare, perdita di terre basse e possibile perdita di interi paesi entro il secolo. Le tempistiche per queste cose saranno sicuramente molto più vicine".

Secondo i ricercatori, anche uno sforzo globale coordinato per ridurre le emissioni probabilmente non sarà sufficiente per impedire al mondo di superare la soglia di 1.5 ºC. Tuttavia, potrebbe abbassare le temperature prima della fine del secolo.

Vedi anche: Notizie sui cambiamenti climatici

"Dobbiamo trattare il cambiamento climatico come una minaccia immediata, così come dobbiamo trattare le crisi connesse della natura e perdita di biodiversità, e inquinamento e rifiuti, come minacce immediate”, ha detto Inger Andersen, direttore esecutivo dell'IPCC.

Secondo l'IPCC, il cambiamento climatico sta avvenendo a un livello ea un ritmo che il mondo non vedeva da migliaia di anni.

Gli autori dell'IPCC hanno anche sottolineato come eventi di riscaldamento climatico, come il brusco cambiamento della dinamica e della circolazione oceanica, non possano essere esclusi nemmeno nello scenario migliore.

Tuttavia, hanno anche specificato che la variabile più difficile da affrontare è il modo in cui gli esseri umani rispondono alle minacce del cambiamento climatico quando si tratta di incertezze nelle proiezioni dei modelli climatici.

"Non vediamo l'ora di affrontare la crisi climatica", il presidente degli Stati Uniti Disse Joe Biden in risposta alla segnalazione. "I segni sono inconfondibili. La scienza è innegabile. E il costo dell'inazione continua a salire".

Di fronte all'attuale crisi generata da alcuni dei più grandi e pericolosi incendi di sempre e dal grave siccità, il governatore della California Gavin Newsom ha aggiunto che "nulla del rapporto IPCC odierno dovrebbe sorprendere. Anche per coloro che hanno ignorato decenni di terribili avvertimenti da parte degli scienziati del clima, non si può negare ciò che abbiamo di fronte: una crisi climatica”.

Secondo gli scienziati, molti cambiamenti nel sistema climatico sono diventati più significativi in ​​relazione diretta all'aumento del riscaldamento globale.

"Includono l'aumento della frequenza e dell'intensità delle temperature estreme, le ondate di calore marine e le forti precipitazioni, la siccità agricola ed ecologica in alcune regioni e la proporzione di intensi cicloni tropicali, nonché la riduzione del ghiaccio marino artico, del manto nevoso e del permafrost", hanno scritto i ricercatori. .

Mentre i ghiacciai nel mondo si ritirano a un ritmo invisibile, la copertura del ghiaccio marino nell'Artico negli ultimi 10 anni durante l'estate è stata inferiore rispetto ai precedenti 1,000 anni. Negli ultimi 2,000 anni, la temperatura della superficie terrestre non è cresciuta così rapidamente come dal 1970.

Il rapporto ha inoltre affermato che il registrare temperature calde registrati dal 2011 al 2020 rendono il decennio più caldo degli ultimi 6,500 anni.

Il bacino del Mediterraneo, culla dell'olivo e patria di circa il 95 per cento del produzione mondiale di olio d'oliva, è tra le aree destinate a subire gli impatti più significativi del cambiamento climatico.

"Il clima del bacino è unico, ed è cambiando a un ritmo più veloce che altrove", ha detto Gianmaria Sannino, climatologo a capo del laboratorio sul livello del mare e sui cambiamenti climatici presso l'Alleanza europea per la ricerca sul clima. Olive Oil Times. "Nel Mediterraneo, la temperatura media è cresciuta più che altrove, nell'intervallo di 1.2 ºC o 1.3 ºC”.

"Negli ultimi 50 anni, il la temperatura è aumentata in media di 1 ºC nel sud della Spagna", ha detto Ignacio Lorite, ricercatore presso l'Istituto andaluso per la ricerca agricola e della pesca (IFAPA). Olive Oil Times.

Secondo Lorite e altri esperti, gli olivicoltori non hanno attualmente un singolo problema legato al clima che li turberà in modo più evidente.

"L'effetto del cambiamento climatico sulle precipitazioni non è ancora evidente", ha affermato. "Sebbene negli ultimi anni siano stati identificati periodi di siccità, questi eventi sono ricorrenti nel sud della Spagna da molto tempo”.

Tuttavia, le olive e l'agricoltura del bacino del Mediterraneo potrebbero pagare un prezzo elevato per il riscaldamento del clima.

"Le ondate di caldo nell'area colpiranno sempre di più e sono destinate a durare più a lungo se non si interviene per ridurre l'aumento delle temperature", ha detto Sannino.

Nel loro rapporto di 3,000 pagine, gli autori dell'IPCC hanno spiegato che le emissioni di anidride carbonica sono state più elevate nel 2019 rispetto agli ultimi due milioni di anni. Inoltre, le emissioni di gas serra come metano e biossido di azoto erano anche molto più alti rispetto a quelli dei precedenti 800,000 anni.

Tra i risultati del rapporto c'è il ritmo dell'innalzamento del livello del mare, che ha accelerato negli ultimi 3,000 anni.

"Questo rapporto ci dice che i recenti cambiamenti climatici sono diffusi, rapidi e intensificati, senza precedenti in migliaia di anni", Ko Barrett, vicepresidente IPCC e consigliere senior per il clima per la National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti, ha detto al Los Angeles Times. "I cambiamenti che sperimenteremo aumenteranno con l'ulteriore riscaldamento”.

Dal suo primo rapporto nel 1990, l'IPCC ha beneficiato di una serie crescente di strumenti per misurare e analizzare il clima passato e presente e mappare e modellare il cambiamento futuro.

Gli scienziati hanno affermato nel rapporto che stanno lavorando con l'IPCC per misurare "temperatura, nuvole, venti, ghiaccio, neve, correnti oceaniche, livello del mare, fuliggine e polvere nell'aria e molti altri aspetti del sistema climatico”.

I sistemi satellitari hanno aumentato la profondità dell'analisi mentre i dati storici, i record e le osservazioni sono ora integrati con le nuove tecniche di misurazione.

"Carote di ghiaccio, sedimenti, fossili e altre nuove prove del lontano passato ci hanno insegnato molto su come il clima della Terra è cambiato nel corso della sua storia", afferma il rapporto dell'IPCC. "Mentre la maggior parte dei modelli climatici del 1990 si concentrava sull'atmosfera, utilizzando rappresentazioni altamente semplificate di oceani e superfici terrestri, le simulazioni del sistema terrestre di oggi includono modelli dettagliati di oceani, ghiaccio, neve, vegetazione e molte altre variabili.

Guterres ha inoltre sottolineato come il rapporto appena pubblicato, "Climate Change 2021: The Physical Science Basis”, è da considerarsi uno strumento per comprendere meglio le dinamiche del cambiamento climatico e le sue conseguenze. Spera che il rapporto consentirà ai governi di tutto il mondo di informare le loro politiche.

"Conto sui leader del governo e su tutte le parti interessate per garantire che la COP26 sia un successo", ha affermato, alludendo al prossimo vertice della COP26, che si terrà a Glasgow, in Scozia, a partire dal 31 ottobre.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti