Ondata di caldo, incendi mortali minacciano l'imminente raccolta delle olive in Grecia

La siccità in corso ha portato a incendi boschivi in ​​tutto il paese, danneggiando gli ulivi e riducendo ulteriormente le prospettive del raccolto 2021.

Lefteris Damianidis
Agosto 17, 2021
Di Costas Vasilopoulos
Lefteris Damianidis

Notizie recenti

Nella prima settimana di agosto, la Grecia ha affrontato l'ondata di caldo più grave degli ultimi 30 anni, con temperature che sono aumentate fino a circa 45 °C per diversi giorni consecutivi.

La combinazione del prolungato siccità e la completa assenza di pioggia da tre mesi ha prosciugato il terreno e privato gli ulivi di ogni fonte d'acqua ei coltivatori di un raccolto consistente.

Siamo estremamente preoccupati, ma ora non possiamo fare altro che aspettare. Se piove prima del raccolto, almeno una parte della resa di olio d'oliva che ci aspettavamo inizialmente.- Nikos Papailiou, olivicoltore e proprietario di un frantoio

Molti territori produttori della Grecia stanno risentendo degli impatti del caldo, soprattutto le aree in cui gli oliveti non sono irrigati, come la regione Etolia-Acarnania nel centro-ovest del Paese, il più grande produttore di Kalamon olive da tavola.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

"Dopo il ricco raccolto dell'anno scorso, ci aspettavamo una resa mediocre di olive in questa stagione, ma la produzione degli alberi sarà ulteriormente deteriorata dalla recente ondata di caldo ", ha detto Alexandros Samaras, un agricoltore locale Olive Oil Times. "Questo vale principalmente per le olive da tavola della varietà Kalamon, ma anche gli alberi che forniscono le olive per la lavorazione sono stati colpiti".

"I nostri boschi venivano annaffiati fino a qualche anno fa, ma ora non più", ha aggiunto. "Molti alberi che sono stati danneggiati dal caldo hanno già lasciato cadere la maggior parte dei loro frutti di ulivo poiché non possono più sostenerli".

Simili ramificazioni della siccità e dell'ondata di caldo sono state segnalate anche in altre zone del Paese, dove una situazione allarmante ha cominciato a delinearsi in primavera quando eventi di gelo sono state seguite da giornate più calde del solito.

Produttori attivi Creta si stanno preparando per una resa record di olio d'oliva - circa 20,000 tonnellate - secondo il vicedirettore dell'associazione agricola di Heraklion, Myron Hilentzakis.

Nella regione della Corinzia, nel Peloponneso, la maggior parte degli oliveti non è irrigata. Molti ulivi della varietà Manaki, che dominano la regione, rimangono infruttuosi a causa delle prevalenti condizioni climatiche siccitose.

Il fenomeno della ridotta fruizione è evidente anche negli uliveti della Messenia, uno dei territori più ricchi del Paese, che produce solitamente più di 50,000 tonnellate di olio d'oliva di prima qualità.

Le prospettive sono migliori nella vicina regione della Laconia, dove la maggior parte degli uliveti è irrigata. Di conseguenza, l'area prevede di eguagliare la sua produzione media annua di olio d'oliva con circa 24,000 tonnellate la prossima stagione.

La Grecia ha già aiuto finanziario richiesto dell'Unione Europea per i produttori di olio d'oliva e di olive da tavola colpiti dalle avverse condizioni meteorologiche della scorsa primavera.

Per aggiungere la beffa al danno, l'ondata di caldo di una settimana è stata seguita da incendi mortali, che ora sono contenuti ma continuano a bruciare foreste e raccolti in tutto il paese.

I territori più colpiti sono stati la periferia nord di Atene, la regione di Ilia nel Peloponneso, l'area del Mani in Laconia e il nord di Evia, la seconda isola greca per grandezza, situata nel Mar Egeo a poche miglia dalla terraferma .

affari-europa-produzione-ondata-di-calore-incendi-mortali-minaccia-l'avvicinarsi-della-raccolta-delle-olive-in-grecia-tempi-dell'olio-d'oliva

Pennacchi di fumo degli incendi in Grecia l'8 agosto 2021 (NASA)

Migliaia di persone sono state evacuate da villaggi e insediamenti in queste aree, dove gli incendi hanno messo a dura prova proprietà, case e bestiame. Sono stati segnalati due decessi, tra cui un vigile del fuoco che è stato ferito a morte mentre era in servizio nel nord di Atene.

"[È] una catastrofe", ha detto Marinos Anastopoulos, un agricoltore del Peloponneso. "Il fuoco è venuto intorno a mezzogiorno con venti vorticosi e le case sono state bruciate. Molti animali bruciati vivi. Conigli, pecore, cani, tutto».

Secondo le prime stime, finora gli incendi hanno consumato più di 89,000 ettari di foreste e colture, un enorme aumento del 336 percento rispetto alle medie annuali dal 2002 al 2020.

Gli uliveti che circondano Antica Olimpia nella regione di Ilia, cittadina contemporanea nei pressi del sito archeologico di Olimpia, ha dovuto far fronte agli incendi che hanno devastato la zona, alimentata dalla siccità e dal caldo estremo.

Secondo Yiorgos Georgopoulos, il sindaco dell'antica Olimpia, circa 5,300 ettari dei raccolti bruciati nella zona erano ulivi. Il sindaco ha anche avvertito che molti dei frantoi locali sarebbero falliti a causa dell'inevitabile riduzione della produzione di olive nei prossimi anni.

I produttori locali hanno affermato che stanno affrontando una situazione senza precedenti e che la prossima stagione del raccolto rimane un enigma difficile da sbrogliare.

affari-europa-produzione-ondata-di-calore-incendi-mortali-minaccia-l'avvicinarsi-della-raccolta-delle-olive-in-grecia-tempi-dell'olio-d'oliva

Apostolis Panagiotou

"La nostra zona pullula di ulivi delle cultivar Koroneiki e Nemoutiana ", ha detto Nikos Papailiou, un olivicoltore e proprietario di un frantoio con sede a Xirokambos vicino all'antica Olimpia Olive Oil Times.

"Non lo avevamo mai visto prima", ha aggiunto. "Gli alberi non sono irrigati e la siccità persistente combinata con la recente ondata di caldo li ha logorati. Inoltre, molti ulivi sono stati distrutti dagli incendi. Di conseguenza, molti coltivatori con sede in insediamenti vicino all'antica Olimpia hanno perso vaste aree dei loro uliveti".

"È ancora presto per stimare l'esatto danno complessivo inflitto, in particolare agli alberi colpiti dagli incendi", ha continuato Papailiou, temendo che le prospettive della produzione di olio d'oliva nella zona per la prossima stagione siano diventate più cupe.

"In ogni caso, è un peccato perché quest'anno ci aspettavamo una forte resa sia in termini di qualità che di quantità", ha concluso. "Siamo estremamente preoccupati, ma ora non possiamo fare altro che aspettare. Se piove prima del raccolto, almeno una parte della resa di olio d'oliva che ci aspettavamo inizialmente. Altrimenti, le drupe delle olive rimarranno asciutte all'interno senza succo da estrarre.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti