Gli incendi devastano i terreni agricoli in Turchia

Ampie aree nel sud e nel sud-ovest del paese sono state ridotte in cenere dopo che decine di incendi sono scoppiati nel paese.
Vicino a Bogsak, provincia di Mersin, Turchia
Agosto 20, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

In uno schema ripetuto di siccità prolungata e temperature torride che hanno apparso in diversi paesi nel bacino del Mediterraneo, violenti incendi hanno devastato le regioni costiere sud e sud-ovest della Turchia.

Bruciati per più di due settimane, gli incendi hanno mietuto vite umane e decimato foreste, terreni agricoli e bestiame.

Ci sono voluti solo pochi minuti perché numerose case prendessero fuoco. Era inutile cercare di intervenire. Case, uliveti, animali e trattori ridotti in cenere in poco tempo.- Muhtar Cansiz, capo villaggio, Kalemler

Nelle ultime settimane nel Paese sono scoppiati più di 290 incendi. Le province di Antalya, Muğla, Adana e Mersin sono state pesantemente colpite e migliaia di residenti e turisti sono stati evacuati da villaggi e località balneari come Marmaris e Bodrum.

Vedi anche: Proprio quando il turismo dell'olio d'oliva era di tendenza in Turchia, la pandemia ha colpito

Un totale di nove persone hanno perso la vita e centinaia sono state ricoverate in ospedale per problemi respiratori.

Finora sono stati ridotti in cenere circa 160,000 ettari di foreste, terreni agricoli e colture. Tra le fiamme perirono anche migliaia di bovini, ovini, pollame e alveari.

Il danno causato ha avuto un effetto dannoso sugli agricoltori locali nelle aree colpite dal fuoco del paese.

A Kalemler, piccolo villaggio della provincia di Antalya, quasi la metà delle case è stata distrutta dagli incendi. Una coppia non ha avuto il tempo di fuggire dalla zona ed è stata trovata morta nella loro casa bruciata. L'incendio ha anche messo a dura prova il bestiame e gli alberi.

"Un tempo qui sorgevano centocinquanta case. Dopo che le fiamme hanno raggiunto il nostro villaggio, 67 di loro sono bruciate”, ha detto Muhtar Cansiz, il capo del villaggio. "Ci sono voluti solo pochi minuti perché numerose case prendessero fuoco. Era inutile cercare di intervenire. Case, uliveti, animali e trattori si sono trasformati in cenere in un batter d'occhio”.

Per quanto riguarda l'olio d'oliva, le zone colpite dagli incendi sono tra le più produttive del Paese. Molti olivicoltori hanno visto i loro alberi e il duro lavoro di una vita spazzati via dalle fiamme.

A Mazi Mahallesi, un insediamento del distretto di Muğla, l'agricoltrice locale Necibe Köle è stata impotente contro gli incendi che hanno divorato i 600 ulivi di sua proprietà.

"Ci guadagnavamo da vivere coltivando olive ", ha detto Köle. "Sono vivo, non è successo niente ai miei figli, ma la mia frutta e la mia verdura sono state bruciate. Tutto è stato bruciato».

Un altro agricoltore, Necibittin Gül, ha affermato che quasi nulla della sua proprietà è sfuggito agli incendi, compresi gli ulivi centenari che gli sono stati tramandati attraverso le generazioni precedenti.

"Abbiamo avuto un grande disastro da incendio", ha detto Gül. "Sono stati bruciati anche i nostri grandissimi ulivi secolari. Facevamo l'olio d'oliva e lo mangiavamo da soli, a volte lo vendevamo”.

"Avevamo olive ereditate da nostro padre", ha aggiunto. "La maggior parte di loro è scomparsa. Non posso vivere per vedere crescere le mie olive”.

"Sfortunatamente, il nostro paese sta vivendo cambiamenti climatici molto brutti a cui spesso assisti ", ha detto Mustafa Tan, presidente del consiglio di amministrazione del Consiglio nazionale dell'olio d'oliva e dell'olio d'oliva (UZZK) della Turchia. Olive oil Times.

Vedi anche: Ulivo millenario distrutto dagli incendi in Sardegna

"Gli incendi boschivi degli ultimi giorni ne sono un doloroso indicatore. In questi incendi, non bruciavano solo le foreste. La nostra gente, i nostri animali selvatici e domestici e, naturalmente, i nostri ulivi", ha aggiunto. "Noi, come Consiglio Nazionale Oleicolo e Olivicolo, continuiamo la nostra ricerca nelle aree degli incendi con le nostre squadre tecniche e non le abbiamo ancora completate".

Il 12 agosto, l'ultimo grande incendio nel distretto di Köyceğiz di Muğla era stato contenuto, ha dichiarato in un tweet il ministro turco dell'agricoltura e delle foreste Bekir Pakdemirli.

"Siamo riusciti a tenere sotto controllo il fuoco di Köyceğiz con i grandi sforzi degli eroi delle foreste", Pakdemirli ha scritto.

Mahmut Serdar Kocadon, capo della Camera di commercio di Bodrum, ha annunciato che saranno forniti nuovi alberi agli olivicoltori della zona per compensare i danni nei loro uliveti.

"Vogliamo acquistare nuovi alberelli di ulivo e ripristinare gli uliveti bruciati ", ha detto Kocadon. "Per questo, sosterremo i nostri olivicoltori con alberelli. Prendiamo atto dei bisogni dei nostri membri e andiamo in giro a curare le loro ferite”.

Il paese è anche sulla buona strada per un più ampio sforzo di riforestazione, pianificando di piantare milioni di alberi entro la fine dell'anno, come ha affermato il presidente turco, Recep Tayyip Erdoğan.

"Pianteremo un totale di 252 milioni di alberelli, alberelli per ogni cittadino, fino alla fine di quest'anno come parte della campagna Breath for Future", ha detto Erdoğan ai giornalisti a Istanbul. "Il governo lo farà non permettere la desertificazione del paese e adotterà misure contro la siccità”.

Erdoğan ha anche specificato che le aree bruciate sono al sicuro da altri usi e che il rimboschimento sarà in linea con la flora naturale delle aree colpite.​





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti