Proprio quando il turismo dell'olio d'oliva era di tendenza in Turchia, la pandemia ha colpito

La pandemia di Covid-19 ha decimato la nascente industria del turismo dell'olio d'oliva in Turchia. Tuttavia, i produttori ritengono che l'agriturismo sia il futuro del settore.
Foto: Duygu Ozerso
Giu. 30, 2021
Wasim Shahzad

Notizie recenti

I Pandemia di covid-19 ha devastato l'economia globale negli ultimi 16 mesi, ma l'industria del turismo ne ha risentito particolarmente.

Secondo un'immissione errata dei dati dall'Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite, gli arrivi di turisti internazionali sono diminuiti del 73% nel 2020, rispetto al 2019, e di un ulteriore 85% nei primi cinque mesi del 2021.

Da marzo 2020 non abbiamo ricevuto un solo turista straniero nel nostro agriturismo mentre i visitatori locali sono diminuiti del 90% rispetto al periodo pre-pandemia.- Haluk Yurtkuran, fondatore, Adetepe

La Turchia è tra i Paesi più colpiti dalla pandemia. Nel 2019, la Turchia è stato il sesto paese più visitato al mondo, con 52 milioni di turisti che hanno contribuito con 35 miliardi di dollari di entrate all'economia.

Il numero di arrivi è crollato del 70% nel 2020 e il governo stima che le entrate del turismo raggiungeranno solo 23 miliardi di dollari nel 2021.

Vedi anche: L'Andalusia cerca di rendere la produzione di olive più redditizia con l'iniziativa turistica

Tuttavia, tra olivicoltori e produttori di olio, che si sono sempre più concentrati sulla promozione turismo dell'olio d'oliva negli ultimi anni ci sono ancora molte ragioni per essere ottimisti sul futuro.

"L'agriturismo in Turchia è un approccio completamente nuovo", ha detto Duygu Ozerson, comproprietario di Hiç Olive Oil Times. "Il governo, così come gli agricoltori, hanno compreso la necessità dell'interazione tra produttori e consumatori. Il numero di attività agrituristiche aumenta ogni giorno”.

Situato sulla pittoresca costa dell'Egeo, Ozerson sovrintende 60,000 ulivi, il il più grande bosco di ulivi biologici della regione, insieme a 30 diverse specie di piante aromatiche ed erbe aromatiche.

Ha affermato che la pandemia di Covid-19 ha causato il prosciugamento del turismo nella regione e ha costretto gli operatori turistici ad adattarsi.

"Il turismo era il settore più colpito negativamente dalla pandemia di Covid-19", ha detto Ozerson. "Tuttavia… sono state scoperte varie nuove forme e soluzioni di turismo mentre i turisti nazionali che non potevano andare all'estero hanno contribuito a mantenere vivo il mercato interno”.

africa-medio-oriente-affari-proprio-quando-il-turismo-dell'olio-d'oliva-era-di-tendenza-in-turchia-i-tempi-dell'olio-d'oliva-colpito-dalla-pandemia

Un numero limitato di visitatori domestici ha contribuito a mantenere a galla l'industria del turismo dell'olio d'oliva. Foto: Duygu Ozerso

"Iniziano ad essere festival e convegni di gastronomia e turismo organizzato online," lei ha aggiunto.

Circa 140 chilometri a nord di Hiç, Haluk Yurtkuran ha svolto un ruolo attivo nel mantenere vivo il patrimonio olivicolo del paese fondando un museo dell'olio d'oliva.

"L'obiettivo del Museo dell'Olio di Oliva Adatepe è quello di preservare la storia letteraria e visiva di produzione di olio d'oliva in Turchia", ha detto Olive Oil Times. "Come pionieri del turismo olivicolo, abbiamo avviato i primi pacchetti turistici per la raccolta delle olive per piccoli gruppi che visitano la nostra fattoria durante la stagione del raccolto, che è considerata la bassa stagione turistica per la regione.

"Grazie alle piccole aziende olivicole emergenti e ai musei locali che aumentano di numero e contribuiscono anche al turismo olivicolo, la domanda dei consumatori di oli d'oliva monovarietali sta crescendo ", ha aggiunto Yurtkuran.

Tuttavia, le restrizioni di viaggio imposte da più governi alla Turchia hanno visto prosciugarsi il numero di turisti che visitano la fattoria e il museo di Yurtkuran e, con esso, un importante flusso di entrate per molti produttori.

africa-medio-oriente-affari-proprio-quando-il-turismo-dell'olio-d'oliva-era-di-tendenza-in-turchia-i-tempi-dell'olio-d'oliva-colpito-dalla-pandemia

Yurtkuran posa con un torchio tradizionale al Museo dell'olio d'oliva di Adatepe. Foto: Haluk Yurtkuran

"Posso facilmente dire che ricevevamo da 50,000 a 60,000 visitatori locali e stranieri ogni anno prima della pandemia", ha detto Yurtkuran. "Il settantacinque percento delle nostre vendite proveniva dai clienti che visitano il nostro negozio del museo e il 25 percento dallo shopping online”.

"Da marzo 2020 non abbiamo ricevuto un solo turista straniero nel nostro agriturismo, mentre i visitatori locali sono diminuiti del 90% rispetto al periodo pre-pandemia", ha aggiunto.

Tuttavia, il settore dell'agriturismo in Turchia aveva mostrato molte promesse prima dell'inizio della pandemia. Yurtkuran ha sottolineato la necessità di un'ampia cooperazione da parte dei settori pubblico e privato della Turchia per rimettere in carreggiata l'industria.

"Ci deve essere una stretta collaborazione e coordinamento tra il ministero della cultura, il ministero dell'agricoltura, le università locali e le organizzazioni non governative nel fare piani e fornire indicazioni ai produttori di olive locali ", ha affermato.

Uno dei modi in cui promuovere il turismo dell'olio d'oliva in Turchia è venuto sotto forma di creazione di strutture integrate che riuniscono tutte le diverse sfaccettature dell'olivicoltura, della produzione di olio e cultura dell'olio d'oliva.

In 2019, il progetto Marka Sehir a Balıkesir ha deciso di fare proprio questo con la speranza che il progetto potesse contribuire a stimolare gli investimenti nella regione interna produttrice di olio d'oliva. Tuttavia, l'inizio della pandemia nel 2020 è stata una battuta d'arresto significativa.

Andando avanti, gli architetti del progetto sperano di sfruttare l'immenso potenziale di produzione di olive della Turchia e copiare ciò che hanno fatto le più grandi regioni produttrici di vino del mondo.

"La Turchia è tra i principali paesi esportatori nel settore dell'olio d'oliva ", ha detto un portavoce del progetto Olive Oil Times. "Si stima che ci siano tra 1,000 e 1,100 impianti di lavorazione nelle aree rurali dove vengono lavorate circa un milione di tonnellate di olive per stagione. Nel 2017, il valore delle esportazioni di olive da tavola della Turchia è stato di 95 milioni di euro”.

africa-medio-oriente-affari-proprio-quando-il-turismo-dell'olio-d'oliva-era-di-tendenza-in-turchia-i-tempi-dell'olio-d'oliva-colpito-dalla-pandemia

Una possibile veduta dal percorso dell'olivo proposto. Foto: Progetto Marka Sehir

"È stato deciso di stabilire una strada dell'olivo a Balıkesir", ha aggiunto il portavoce. "Inoltre, si prevede di determinare i percorsi, segnalarli, scrivere le loro coordinate sulla mappa e determinare e realizzare opere infrastrutturali di supporto”.

Una volta completato, il percorso porterà a compimento i piani delle strutture turistiche integrate dell'olio d'oliva, con opportunità di visitare gli uliveti, i frantoi, i musei e i ristoranti.

Quest'ultimo è una delle forze trainanti del produttore di olio d'oliva con sede a Urla-Izmir, OLivurla, non lontano dalla foresta di ulivi di Hiç.

Erdinç e Pelin Omuroğlu hanno fondato la fattoria nel 1998, piantando 10,000 ulivi e costruendo un mulino che ora è alimentato da pannelli solari.

"In media, direi che ogni anno circa 1,000-1,500 persone visitano la nostra azienda olivicola e il nostro frantoio", ha detto Pelin Omuroğlu Olive Oil Times. "Il nostro ristorante ha accolto oltre 90,000 persone all'anno dal 2018. Accogliamo circa 2,000 persone all'anno nel nostro stabilimento di produzione e nel nostro uliveto.

africa-medio-oriente-affari-proprio-quando-il-turismo-dell'olio-d'oliva-era-di-tendenza-in-turchia-i-tempi-dell'olio-d'oliva-colpito-dalla-pandemia

Dimostrazione dell'importanza dell'olio d'oliva e del cibo a Turla. Foto: Pelin Omuroğlu

"L'anno scorso, che è stata la prima estate dopo il Covid-19, abbiamo avuto molti meno ospiti di prima", ha aggiunto. "C'erano gruppi più piccoli di meno di 10 persone e sempre all'aperto.”

Nonostante il drammatico impatto della pandemia, Omuroğlu ritiene che uno dei punti chiave del turismo dell'olio d'oliva dovrebbe essere gastronomia, che permette di degustare l'olio extra vergine di oliva di un produttore nel proprio ambiente culturale.

"La gastronomia e la cultura culinaria del nostro paese hanno una classe unica di cibo conosciuta come piatti freddi all'olio d'oliva o 'zeytinyağlılar'”, ha detto Omuroğlu. "La Turchia ha l'unico tipo di selezione di cucina in tutti i paesi mediterranei”.

Proprio come le menti del progetto Marka Sehir, 180 chilometri a nord-est dei suoi boschi, Omuroğlu vuole che il governo si concentri sul turismo dell'olio d'oliva mentre lavora per aumentare la produzione, con il vino che funge da luce guida.

"Il governo prevede di aumentare la capacità di produzione di olio d'oliva a un milione di tonnellate all'anno in 10 anni ", ha affermato. "Il governo turco è ora il proprietario della terza più grande raccolta di olive al mondo e ci sono molti festival di raccolta delle olive in tutto il paese ".

"Suggerisco di pubblicare un'app per la mappa degli uliveti di ogni contea e regione, proprio come una strada del vino ", ha aggiunto Omuroğlu. "Sarebbe una fonte molto utile per i turisti da esplorare per varietà".

Mentre ci vorrà del tempo perché i produttori si riprendano dalla devastazione della pandemia di Covid-19, gli operatori del turismo dell'olio d'oliva vedono molte opportunità per sviluppare il settore nascente nei mesi e negli anni a venire.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti