L'Andalusia cerca di rendere la produzione di olive più redditizia con l'iniziativa turistica

L'iniziativa turistica da 1.4 milioni di euro contribuirà a promuovere le esperienze di turismo dell'olio d'oliva in tutta la comunità autonoma.
Giu. 29, 2021
David Uwakwe

Notizie recenti

Il governo regionale di Andalusia;, la più grande regione olivicola della Spagna, sta collaborando con gruppi di sviluppo rurale per promuovere la crescita di turismo dell'olio d'oliva in una spinta alla diversificazione dell'economia locale.

Iniziative turistiche basate sulla cultura dell'olivicoltura, come visite guidate a uliveti e frantoi, degustazioni e introduzioni alla gastronomia locale, saranno tra i progetti che riceveranno un finanziamento di 1.4 milioni di euro, il Ministero andaluso dell'agricoltura, dell'allevamento, Annunciato pesca e sviluppo sostenibile.

Vedi anche: Il turismo dell'olio d'oliva ritorna al Colosseo mentre l'Italia riapre

Sebbene la regione meridionale della Spagna sia il più grande produttore ed esportatore mondiale di olio d'oliva, sta affrontando un calo del numero di olivicoltori a causa della mancanza di redditività e del trasferimento demografico dalle aree rurali alle città.

Circa il 22 percento degli uliveti della regione non è meccanizzabile, il che significa che devono essere raccolti manualmente a causa della forte pendenza del terreno. Questo processo laborioso e costoso ha portato all'abbandono di oltre 130,000 ettari di uliveti, secondo uno studio dell'Associazione spagnola dei comuni olivicoli.

Uno studio separato da Deoleo ha scoperto che altri 500,000 ettari rischiano la stessa sorte nei prossimi 10 anni.

In risposta alle sfide, il governo regionale sta cercando di diversificare le opportunità economiche disponibili nella regione creando "esperienze di turismo dell'olio d'oliva.”

Il pacchetto recentemente annunciato includerà anche i finanziamenti per la produzione di oli extravergini di oliva biologici, misure per proteggere la biodiversità che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi cambiamento climatico strategie di adattamento oltre a promuovere la partecipazione di più giovani e donne nel settore.

Un altro importante impulso all'industria del turismo dell'olio d'oliva in Andalusia potrebbe arrivare se la Spagna riuscisse a ottenerla 'Sea of ​​Olives' paesaggio aggiunto alla lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Il Ministero della Cultura spagnolo presenterà la candidatura del paesaggio unico, composto da 66 milioni di ulivi, che copre 590,000 ettari nel 2022, con la decisione finale nel 2023.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti