Necessità urgente di aumentare l'approvvigionamento idrico in Italia, avvertono i produttori

Italia Olivicola ha avvertito che l'estate calda e secca dovrebbe già avere ripercussioni negative sulla resa del prossimo raccolto.
Agosto 18, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

"C'è un urgente bisogno di aumentare l'approvvigionamento idrico e ridurre il effetti del cambiamento climatico”, ha avvertito l'associazione nazionale dei produttori, Italia Olivicola.

L'organizzazione ha affermato che le scarse precipitazioni e il caldo torrido delle ultime settimane nelle principali regioni olivicole stanno peggiorando la situazione, soprattutto nei luoghi che hanno incendi sperimentati.

Il caldo e il forte stress idrico a cui sono sottoposte le piante sono fattori di rischio per lo sviluppo e la maturazione dei frutti non solo nella prossima campagna ma potrebbero avere un impatto negativo anche su quelle successive.- Gennaro Sicolo, presidente, Italia Olivicola

"Da un lato, questa contingenza climatica aiuta a frenare la diffusione del temuto mosca dell'olivo, che predilige ambienti più freschi e umidi”, ha affermato Gennaro Sicolo, presidente di Italia Olivicola.

Vedi anche: La siccità potrebbe causare un calo della produzione in Spagna, secondo le previsioni delle principali cooperative

"Dall'altro, rischia di compromettere le performance produttive del prossima campagna di raccolta, portando ulteriori preoccupazioni anche per quelle successive in relazione alla quantità e alla qualità della produzione”, ha aggiunto.

Gli olivicoltori erano fiduciosi durante la prima parte del 2021 poiché gli uliveti fiorivano abbondantemente. Poi, mentre i fiori lasciavano il posto ai frutti, le loro speranze si mantennero salde con la promessa di un buon raccolto di fronte alle sfide poste dal Pandemia di covid-19.

Tuttavia, la pioggia non cadeva al momento giusto e la siccità persisteva per mesi. Le condizioni di siccità sono state accompagnate anche da alte temperature e incendi, che hanno sminuito le speranze di consistenti aumenti di produzione.

Nel corso degli anni, l'olivo è stato conosciuto come una coltura rustica in grado di resistere a climi aridi; tuttavia, le recenti condizioni climatiche stanno minacciando la capacità degli alberi di resistere ai periodi di siccità.

"Il caldo e il forte stress idrico a cui sono sottoposte le piante sono fattori di rischio per lo sviluppo e la maturazione dei frutti non solo nella prossima campagna ma potrebbero avere un impatto negativo anche su quelle successive".

Tuttavia, ha aggiunto che la durabilità dell'olivo alle temperature calde e secche giustifica un aumento significativo degli sforzi politici ed economici per sostenere il settore e aumentare la competitività degli olivicoltori.

Vedi anche: Un quinto dell'Italia a rischio desertificazione, avvertono gli esperti di irrigazione

"La continua richiesta di aumentare la competitività della filiera non è coerente con l'indisponibilità di fatto di una fornitura adeguata di strumenti per raggiungere gli standard desiderati, come nel caso degli impianti di irrigazione”, ha affermato Sicolo.

Attualmente, l'agricoltura italiana deve affrontare molte sfide, inclusa la diminuzione delle precipitazioni nel corso degli anni. Ciò è aggravato da scarse infrastrutture per la raccolta dell'acqua, bassa umidità del suolo e alte temperature che intensificano l'evaporazione.

Inoltre, il desertificazione graduale della regione meridionale non ha migliorato le cose. Con il tempo, il problema dovrebbe anche insinuarsi verso nord.

Attualmente, circa il 70 per cento della Sicilia è a rischio di desertificazione, mentre nelle zone settentrionali del Paese il rischio di desertificazione è del 30-50 per cento.

"Nelle condizioni attuali, rivolgendo un appello al governo nazionale e alle regioni, le aziende agricole non sono in grado di ricevere un sostegno adeguato per la realizzazione di sistemi di irrigazione”, ha concluso Sicolo. "Possiamo superare questa impossibilità creando strumenti ad hoc e dotazioni finanziarie per l'approvvigionamento idrico negli uliveti”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti