`La Nuova Zelanda dice "No grazie" ai nuovi standard dell'olio d'oliva

Australia / Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda dice "No, grazie" ai nuovi standard dell'olio d'oliva

Giu. 24, 2011
Curtis Cord

Notizie recenti

Mentre i produttori australiani di olio d'oliva hanno celebrato il adozione di una nuova serie di standard volontari ciò renderà più difficile per gli esportatori europei fare affari lì, i suoi fratelli dall'altra parte del Mar di Tasmania non sono in viaggio.

Quello che è iniziato l'anno scorso come il Progetto di standard australiano / neozelandese per l'olio di oliva e l'olio di sansa di oliva lasciato cadere il "Nuova Zelanda ”parte quando è stato finalizzato mercoledì da Standards Australia.

In una data non datata pezzo di opinione per una rivista del settore dei supermercati della Nuova Zelanda, Katherine Rich, CEO del New Zealand Food & Grocery Council, ha dichiarato che i droghieri temono che se la Nuova Zelanda andasse avanti e adottasse i nuovi standard, i produttori di olio d'oliva del Mediterraneo, che forniscono oltre il 95 percento di tutto l'olio d'oliva venduto in Nuova Zelanda, "farà fatica a soddisfare le nuove regole così come redatte. "

Ciò non avrebbe turbato i produttori australiani che spingevano per i nuovi standard. Come le loro controparti statunitensi, l'olio d'oliva australiano ha capitalizzato la crescente sfiducia nei consumatori causata da studi altamente pubblicizzati critici sugli oli d'oliva importati e trasmissioni sensazionali come il segmento prima serata questa settimana in Australia Oggi stasera con il presidente della Australian Olive Association Paul Miller. Ora con il suo nuovo vantaggio sul campo di casa, Aussie EVOO è in piena regola.

A meno che i principali rivenditori australiani non scelgano di ignorare le linee guida volontarie - improbabile secondo la maggior parte degli addetti ai lavori del settore - i produttori e gli imbottigliatori stranieri dovranno cambiare il modo in cui il loro olio d'oliva destinato a Oz è etichettato: parole come "Puro "e "La luce "non è consentita, gli oli di oliva raffinati devono essere chiaramente contrassegnati come tali e le affermazioni del paese di origine devono essere motivate, tra le altre nuove norme.

pubblicità

I 4.2 milioni di abitanti della Nuova Zelanda sono circa le dimensioni dello stato del Kentucky, non esattamente un mercato fai-da-te per i produttori di olio d'oliva del Mediterraneo. L'Australia, d'altra parte, con 22 milioni e un crescente apprezzamento per il buon olio d'oliva, non è un mercato che i produttori del Vecchio Mondo vogliono vedere sfuggire.

L'esperto australiano di olio d'oliva Richard Gawel ha commentato in un messaggio di Twitter che la posizione dell'industria dei supermercati della Nuova Zelanda sarebbe stata sostenuta dal sostegno del Consiglio oleicolo internazionale e degli importatori - avversari duri che richiedevano uno sforzo concertato che l'olio d'oliva neozelandese non sembrava avere. Gawel ha chiamato la decisione della Nuova Zelanda di trasmettere le nuove norme sull'olio d'oliva di cui è prodotto "interessi del supermercato rispetto ai consumatori ".

I produttori di olio d'oliva in Australia e Nuova Zelanda, che non sono membri del CIO, sostengono da tempo che le norme CIO esistenti non proteggono adeguatamente i consumatori e i produttori della regione.

Nel mese di febbraio, il Il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) ha rilasciato una dichiarazione raccomandare una riconsiderazione, chiamando possibili parti degli standard proposti "ostacoli al commercio internazionale "che potrebbero effettivamente rendere adulterazione dell'olio d'oliva "Più facile".

Related News