Il rapporto dell'UE prevede un aumento della produzione mentre il consumo scivola

Secondo 2030, la Commissione europea stima che la produzione e le esportazioni aumenteranno dai principali paesi dell'UE produttori di olio d'oliva, ma il consumo diminuirà con l'aumento dei prezzi e il cambiamento degli stili di vita.

Gennaio 8, 2019
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Un nuovo rapporto pubblicato dal Commissione europea delinea una prospettiva a medio termine di vari mercati agricoli e delle materie prime negli Stati membri dell'UE da 2018 a 2030. Il rapporto si concentra su produzione, consumo e possibili opportunità di esportazione.

Il consumo di olio d'oliva nei principali paesi produttori è diminuito negli ultimi anni ... Nello stesso periodo, la domanda di olio d'oliva è aumentata nel resto dell'UE ea livello globale, così come le esportazioni di olio d'oliva dell'UE.- portavoce della Commissione europea

La produzione dovrebbe aumentare nel settore dell'olio d'oliva, beneficiando dei miglioramenti strutturali previsti nei principali paesi europei produttori di olio d'oliva, e soddisferà la crescente domanda globale di olio d'oliva. Tuttavia, consumo nei principali paesi dovrebbe diminuire ed essere significativamente più basso di 2030 rispetto ai giorni nostri.

Guarda anche: Commercio di olio d'oliva

Quattro paesi - Spagna, Italia, Grecia e Portogallo - rappresentano il 99 percento della produzione totale di olio d'oliva nell'UE e 790,000 olivicoltori erano attivi in ​​tutti i territori di produzione di olio d'oliva dell'UE nel 2016. La resa totale per l'attuale 2018 / 19 La stagione della raccolta dovrebbe raggiungere i 2.3 milioni di tonnellate di olio d'oliva.

Il rapporto prevede un aumento della produzione e della crescente capacità nell'UE nei prossimi anni, principalmente a causa di cambiamenti e miglioramenti nei metodi di coltivazione e nelle pratiche agronomiche e della modernizzazione dei macchinari utilizzati.

I coltivatori in Spagna e Portogallo continuano a investire in sistemi di irrigazione e sono stati introdotti nuovi metodi di raccolta in Italia. Nella sua industria molitoria, il Portogallo sta anche sostituendo le sue vecchie apparecchiature di trasformazione con nuovi articoli.

pubblicità

Ciò rafforzerà ulteriormente la posizione e le capacità di esportazione dell'UE, afferma la relazione, soprattutto ora che i paesi terzi, come ad esempio Turchia, stanno aumentando la loro produzione di olio d'oliva di anno in anno.

In termini di consumo, è prevista una riduzione progressiva nei quattro principali paesi produttori dell'UE a causa dei cambiamenti nello stile di vita e dell'aumento del prezzo dell'olio d'oliva rispetto agli anni precedenti. Entro il 2030, il consumo pro capite nei quattro grandi dovrebbe essere in media di 9.5 chilogrammi.

D'altro canto, il consumo nel resto dell'UE probabilmente aumenterà e compenserà la perdita nei principali produttori. In 2030, circa il 33 percento dell'olio d'oliva dell'UE sarà consumato al di fuori dei quattro grandi, secondo il rapporto, rispetto al 23 percento nel periodo di tempo da 2015 a 2017.

Il mercato nel Regno Unito è stato menzionato separatamente nella relazione a causa dell'imminente Brexit a marzo, e il Regno Unito è stato riconosciuto come il secondo più grande acquirente di olio d'oliva dell'UE dopo gli Stati Uniti, con tonnellate 64,000 (incluso l'olio di sansa) importate in media in 2016 e 2017.

Lo ha riferito un rappresentante della Commissione europea per lo sviluppo agricolo e rurale Olive Oil Times che il consumo globale di olio d'oliva dipende fortemente dalla produzione.

"A livello globale viene consumato tutto l'olio d'oliva prodotto e le variazioni dei consumi seguono da vicino le variazioni della produzione ", ha affermato un portavoce della Commissione.

"Il consumo di olio d'oliva nei principali paesi produttori è diminuito negli ultimi anni ”, ha aggiunto il portavoce. "Principalmente a causa della riduzione del potere d'acquisto dalla crisi finanziaria in un contesto di prezzi relativamente alti per l'olio d'oliva rispetto al decennio precedente. Nello stesso periodo, la domanda di olio d'oliva è aumentata nel resto dell'UE ea livello globale, così come le esportazioni di olio d'oliva dell'UE. "

Il portavoce ha anche spiegato che le proiezioni per il consumo di olio d'oliva contenute nella relazione sono state fatte tenendo conto di questa tendenza leggermente in calo degli anni precedenti.

"Tuttavia, il consumo si basa su numerosi fattori trainanti (posizione dell'olio d'oliva negli oli commestibili, benefici per la salute, dieta mediterranea, ecc.), Cambiamenti nelle abitudini d'uso e di consumo (consumo familiare, servizio alimentare, stili di vita), paese di origine, marchio e promozione, che richiedono di essere analizzati ", ha detto il portavoce.

Per quanto riguarda il Regno Unito, la Commissione prevede che rimarrà un grande importatore di olio d'oliva dell'UE, data la posizione di spicco della produzione dell'UE nel mercato mondiale e le limitate fonti di approvvigionamento alternative disponibili.





Related News