` La Spagna nega la richiesta di dettagli sulle verifiche dell'olio d'oliva

Europa

La Spagna nega la richiesta di dettagli sulle verifiche dell'olio d'oliva

Può. 29, 2013
Di Julie Butler

Notizie recenti

La Spagna ha sollevato obiezioni al rilascio di una relazione alla Commissione europea sui suoi audit sull'accuratezza delle etichette dell'olio d'oliva per l'anno 2012, dopo Olive Oil Times ne ha richiesto una copia ai sensi della politica di trasparenza della Commissione.

La Spagna ha dichiarato alla Commissione che la pubblicazione della relazione lo farebbe "pregiudicare gli interessi commerciali ed economici del settore dell'olio d'oliva in generale e delle società coinvolte nel controllo in particolare. "

Le informazioni in esso contenute "si riferisce alle attività di monitoraggio e queste informazioni sono destinate all'uso interno ", ha affermato.

L'Italia ha riferito di non aver ricevuto richieste di verifica

pubblicità

Nel frattempo, l'Italia, il prossimo più grande produttore di olio d'oliva al mondo, ha accettato di pubblicare il suo rapporto, che - attenendosi strettamente alla formulazione del regolamento applicabile - ha dichiarato che nel 2012 non ha ricevuto richieste di verifica dell'etichetta ai sensi delle pertinenti disposizioni del regolamento UE 29/2012 sulle norme di commercializzazione dell'olio d'oliva.

Ai sensi dell'articolo 8 di tale regolamento, gli Stati membri dell'UE devono prelevare campioni e condurre test dopo aver ricevuto una richiesta per verificare la verità delle indicazioni su un pacchetto di olio d'oliva, ad esempio che l'olio è grado extra vergine o di una certa origine. Tali richieste possono essere presentate dalla Commissione stessa, da un'organizzazione di operatori nello Stato membro o dall'organismo di controllo di un altro Stato membro.

L'articolo 10 prevede che entro il 31 marzo di ogni anno gli Stati membri trasmettano alla Commissione una relazione sulle richieste di verifica che hanno ricevuto l'anno precedente e sui risultati. Secondo la Commissione, il rapporto della Spagna quest'anno è stato datato 11 aprile e il 7 febbraio Italia.

Problemi con il sistema di controllo della conformità delle etichette

L'anno scorso, Olive Oil Times ha richiesto copie delle relazioni di verifica dell'etichetta che la Commissione aveva ricevuto nei tre anni precedenti da Spagna, Italia e Grecia e gli era stato comunicato che in quel periodo erano state ricevute una relazione dalla Spagna e due dall'Italia, il che indicava che nessuna richiesta di verifica dell'etichetta era stata fatto.

Dopo essere stato interrogato sull'apparente difetto nel controllo della conformità, Commissario europeo per l'agricoltura Dacian Cioloş ha promesso un esame accurato della verità delle etichette dell'olio d'oliva.

Regolamento sui controlli di etichettatura più rigorosi in attesa

A marzo, la Commissione ha pubblicato nuove norme in base alle quali gli Stati membri devono rafforzare i propri controlli sulla conformità degli oli di oliva al regolamento 2568/91, che definisce le caratteristiche chimiche e organolettiche.

Gli Stati dovranno effettuare almeno un controllo mirato ogni mille tonnellate di olio d'oliva commercializzato al loro interno e fornire rapporti più dettagliati entro maggio 31 ogni anno sui risultati.

I controlli devono essere basati sull'analisi del rischio che tenga conto dei fattori, tra cui il prezzo degli oli in relazione ad altri oli vegetali, i paesi di origine e destinazione e le relative operazioni di miscelazione e imballaggio.

Tuttavia, un piano analogo per controlli più efficaci della conformità alle norme di etichettatura e di commercializzazione nel regolamento 29/2012 e relazioni più dettagliate alla Commissione, è ora in un limbo.

Un emendamento a tale regolamento avrebbe richiesto agli Stati membri di verificare l'accuratezza di etichettatura dell'olio d'oliva, "in particolare la conformità della denominazione di vendita del prodotto con il contenuto del contenitore ", sulla stessa base di analisi dei rischi.

pubblicità

Ma questi cambiamenti - che erano stati stabiliti per l'adozione dalla Commissione il mese prossimo - erano nello stesso regolamento di modifica che avrebbe avuto vietato bottiglie di olio d'oliva ricaricabili dai tavoli dei ristoranti e sono stati ritirati la scorsa settimana da Cioloş a causa dell'opposizione a tale misura.

Un portavoce ha affermato che la Commissione voleva prima incontrare le organizzazioni dei consumatori e dei ristoranti sull'ultima questione prima di decidere come procedere.

Olive Oil Times ha chiesto alla Commissione di rivedere la sua decisione di non pubblicare l'ultimo rapporto di verifica dell'etichetta spagnola.



Related News