I produttori spagnoli e italiani condividono successi, sfide a Duel Summits

I produttori e gli esperti di olio d'oliva si sono riuniti per incontri di duelli a Siviglia e Roma per esaminare le sfide del mercato mondiale dell'olio d'oliva in rapida evoluzione.

Gennaio 3, 2018
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

I produttori e gli esperti di olio d'oliva si sono riuniti per duelli a Siviglia e Roma il mese scorso. 

A Siviglia, un gruppo di cinque esperti ha concluso che gli uliveti spagnoli stanno andando bene, ma hanno messo in guardia contro l'autocompiacimento.

Il recupero del consumo interno può essere raggiunto solo attraverso campagne promozionali che sottolineano le caratteristiche salutari dell'olio d'oliva per il corpo umano.- Eduardo Martín, Asaja

Il gruppo comprendeva Silvia Capdevilla, vicedirettore generale del Ministero dell'Agricoltura; Pablo Lería, capo del dipartimento alimentare di Extenda; Álvaro Olavarría, amministratore delegato di Oleoestepa; Victorino Vega, consulente tecnico dell'IFAPA Alameda del Obispo de Córdoba; e Manuel Cera, direttore commerciale di Todolivo.

"L'oliveto spagnolo è in buona salute ", ha concluso il panel. "Anche se il settore dovrebbe trarre vantaggio dall'attuale periodo di boom per consolidare la sua posizione e lavorare di più per superare le sue sfide ". 

Gli esperti hanno propagandato la qualità del loro olio d'oliva, l'impegno della regione nei confronti dell'innovazione, i suoi programmi ecologici e la sua natura competitiva. Tuttavia, hanno anche messo in guardia contro la concorrenza emergente nel mercato di esportazione e hanno esortato i produttori a essere proattivi nella lotta contro Xylella fastidiosa.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Nel frattempo, i membri dell'Associazione italiana dell'industria dell'olio d'oliva (Assitol) si sono riuniti per discutere di una rivitalizzazione tanto necessaria dell'industria dell'olio d'oliva della nazione. I membri di Assitol erano preoccupati per il calo dei consumi interni, la diminuzione della produzione e l'aumento della concorrenza da tutto il mondo. 

Il presidente dell'Assitol, Angelo Cremonini, ha affermato che la qualità complessiva è rimasta più alta che mai, ma lo storico della nazione cultura dell'olio d'oliva stava calando. 

"Sebbene sia ancora centrale per le nostre tavole, l'olio d'oliva ha sperimentato il crisi dei consumi e continua a farlo ", ha detto Cremonini. "L'olio d'oliva è infatti un prodotto globalizzato, ma anche banalizzato nel suo utilizzo quotidiano, trattato come un condimento comune ". 

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), il consumo di olio d'oliva in Italia è diminuito del 14% nella campagna 2016/17. Solo la Grecia e la Francia hanno registrato cali maggiori nei consumi. 

Sentimenti simili sono stati echeggiati durante l'incontro di Siviglia. Álvaro Olavarría, amministratore delegato di Oleoestepa - una cooperativa di produttori di olio extravergine di oliva - ha avvertito che la banalizzazione dell'olio d'oliva spagnolo è responsabile delle diminuzioni interne dei consumi. 

La Spagna ha registrato una diminuzione del -% del consumo di olio d'oliva durante l'ultimo anno di raccolto. Il CIO prevede che il consumo di olio d'oliva aumenterà nel prossimo anno di raccolto, ma in misura minore rispetto alle cadute dell'anno scorso. 

Eduardo Martín, segretario generale dell'Associazione agricola dei giovani agricoltori di Siviglia (ASAJA), ha affermato che l'olio d'oliva è stato un grasso accettato per molti anni dai consumatori spagnoli. Crede che la chiave per aumentare il consumo sia attraverso un marketing migliore. 

"Il recupero dei consumi interni può essere raggiunto solo attraverso campagne promozionali che sottolineano il caratteristiche sane di olio d'oliva per il corpo umano ", ha detto Martín. 

Pablo Lería, capo del dipartimento alimentare di Extenda, un'agenzia di promozione commerciale andalusa, ha affermato che nonostante la riduzione dei consumi, la qualità complessiva è stata più alta che mai tra Olio extra vergine di oliva spagnolo.

"L'olio extra vergine di oliva è il tipo che costituisce la maggior parte delle esportazioni spagnole ed è così che l'industria viene presentata al di fuori dei nostri confini ", ha affermato. "Sette dei dieci migliori oli extra vergine di oliva nel mondo oggi sono spagnoli ". 

Produttori spagnoli guadagnato 109 premi Al 2017 NYIOOC World Olive Oil Competition. 

Tuttavia, Lería non ha nascosto la sua preoccupazione per il notevole calo delle esportazioni di olio d'oliva della Spagna per rivaleggiare con l'Italia. La Spagna attualmente esporta il 30% del suo olio d'oliva in Italia. Dieci anni fa, questa cifra era del 40% e la domanda per la merce spagnola per eccellenza continua a diminuire. 

Tornato a Roma, Cremonini ha anche avvertito i produttori italiani del mercato di esportazione dell'olio d'oliva. Ha detto che la nuova concorrenza dall'estero minacciava le relazioni commerciali tradizionali. Paesi come Argentina, Australia, Marocco, Tunisia, Turchia e Stati Uniti sono diventati esportatori emergenti di olio d'oliva. 

"Stiamo rischiando la retrocessione. Oggi il mercato è testimone dell'avanzata di nuovi giocatori ", ha affermato. "Per anni abbiamo preferito guardare (i tradizionali esportatori di olio d'oliva piuttosto che quelli emergenti) e decidere insieme quali opportunità di mercato c'erano da sfruttare. Ora, dobbiamo recuperare il tempo perso. " 

Nonostante questi severi avvertimenti, Cremonini ha affermato che l'Italia rimane ben posizionata nel mercato mondiale dell'olio d'oliva per i suoi prodotti di qualità. 

"Dobbiamo lavorare su un olio di qualità ", ha detto Cremonini. "Dove la qualità deve finalmente essere intesa come un buon prodotto, ricco di sentori e sapori e, allo stesso tempo, redditizio per l'intera filiera ”. 

Secondo i dati di Assitol, l'industria italiana dell'olio d'oliva ha guadagnato $ 3 miliardi l'anno scorso e i suoi oli hanno il più alto Certificazioni IGP e DOP in Europa. Queste due certificazioni sono buoni indicatori di qualità assegnati dall'Unione Europea (UE) per verificare che l'olio d'oliva sia stato prodotto esattamente dove e come indica l'etichetta.

Ai produttori italiani sono stati assegnati più premi di quelli di qualsiasi altro paese al 2017 NYIOOC World Olive Oil Competition.

"I mercati di tutto il mondo richiedono un prodotto di qualità ", ha affermato David Granieri, presidente dell'Organizzazione interprofessionale italiana dell'olio d'oliva. "Mentre la concorrenza di altri paesi è in crescita ed è sempre più competitiva grazie a pratiche commerciali che, a volte, invadono l'illegalità ". 

Granieri ha affermato che vengono utilizzati comportamenti commerciali aggressivi, restrizioni commerciali e notizie false "nuovi ”produttori di olio d'oliva per promuovere i loro marchi sul mercato mondiale. 

Un portavoce commerciale della Commissione europea (CE) ha affermato di non essere a conoscenza di pratiche commerciali illegali in corso riguardo all'olio d'oliva all'interno dell'UE. 

Granieri ha affermato che nessuno di questi problemi per il settore italiano è destinato a scomparire presto e che la strada da percorrere è quella di enfatizzare i marchi italiani e di lavorare con Commissione europea garantire la parità di condizioni per tutti i produttori. 

"Riconoscibilità, distintività, biodiversità caratterizzano l'offerta italiana sul mercato mondiale e si declinano secondo la continua evoluzione di un settore che richiede strutture e normative adeguate al passo con i tempi ”, ha affermato Granierei. "Inoltre è importante informare i consumatori sulle qualità nutrizionali del prodotto, spesso non correttamente percepite ". 

Tornato in Spagna, Martín ha invitato la CE e tutte le nazioni produttrici di olio d'oliva a lavorare insieme e rispettare le regole stabilite dal CIO. 

"È essenziale che tutti i paesi produttori di olio d'oliva giochino con le stesse regole del CIO e, per raggiungere questo obiettivo, è essenziale uno sforzo da parte della stessa Commissione europea per intensificare i contatti ", ha affermato. 

"E convincere il resto dei paesi al di fuori dell'UE della necessità di avere una norma omogenea e oggettiva per tutti i processi e le caratteristiche degli oli d'oliva, in tutto il mondo ".



Related News

Feedback / suggerimenti