`La Spagna richiede un maggiore sostegno dell'UE ai produttori di olio d'oliva

Affari

La Spagna richiede un maggiore sostegno dell'UE ai produttori di olio d'oliva

Può. 26, 2020
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Dopo il completamento del regime di aiuti all'ammasso privato che ha comportato il ritiro dal mercato di oltre un quarto delle scorte di olio d'oliva dell'Unione europea, il settore rimane in un limbo con il previsto recupero dei prezzi rallentato dal Pandemia di COVID-19.

"Il mercato dell'olio d'oliva ha attraversato una situazione difficile dall'estate del 2019 ", ha detto un portavoce della Commissione europea Olive Oil Times. "Sebbene in misura minore rispetto ad altri settori agricoli, la pandemia di COVID-19 ha un impatto sul settore dell'olio d'oliva e non lo aiuta a riprendersi rapidamente dalla difficile situazione del mercato degli ultimi mesi. "

Per quanto riguarda l'olio d'oliva, la Commissione europea deve adottare misure concrete a breve termine come programma di sostegno al settore per regolarne la produzione.- Ministero spagnolo dell'agricoltura, del pesce e dell'alimentazione

"Nel complesso, il mercato non ha subito un grande shock a causa della pandemia e i prezzi di mercato si sono stabilizzati, tuttavia lo sono ancora a livelli bassi", Ha aggiunto il portavoce.

Teleconferencing del Ministro dell'agricoltura spagnolo Luis Planas con le controparti dell'UE

Il commercio di olio d'oliva all'interno dell'UE era gravemente ostacolato all'inizio dalla pandemia. Tuttavia, misure tra cui il 'corsie verdi "sono state introdotte per appianare la situazione. Anche l'adozione di linee guida specifiche per i controlli alle frontiere per proteggere la salute e mantenere disponibili beni e servizi essenziali.

Guarda anche: Aggiornamenti COVID-19

"Da allora, la situazione è notevolmente migliorata in tutti gli Stati membri ", ha affermato il funzionario della Commissione.

pubblicità

Inoltre, spedizioni internazionali di olio d'oliva europeo non sono stati influenzati molto, mentre il rilascio della quantità di olio d'oliva immagazzinata privatamente è previsto tra giugno e settembre 2020, al più presto.

Al fine di prevenire simili fenomeni di eccedenze di olio d'oliva in futuro, la Spagna ha richiesto che l'olio d'oliva sia incluso nel regolamento dell'Organizzazione comune di mercato (OCM), che consente una pianificazione anticipata della produzione e lascia spazio alla manipolazione del mercato.

"Per quanto riguarda l'olio d'oliva, la Commissione europea deve adottare misure concrete a breve termine come programma di sostegno al settore per regolarne la produzione ", ha dichiarato in una nota il Ministero spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dei prodotti alimentari.

Lo scopo dell'OCM è di fornire il quadro per la produzione e la fornitura costanti di prodotti agricoli impiegando l'intervento pubblico e gli strumenti di mercato per superare i disturbi del mercato causati da fattori come le fluttuazioni dei prezzi o la diffusione di una malattia animale. L'OCM ha anche lo scopo di garantire il reddito di coltivatori e produttori.

I prodotti agricoli europei che attualmente beneficiano del regolamento OCM sono prodotti lattiero-caseari, vino, semi, zucchero, frutta e verdura, tra gli altri.

"Attivato dall'adozione del 30 aprile 2020, delle ultime misure eccezionali per sostenere i settori agricolo e alimentare più colpiti dalla crisi COVID-19, la Spagna ha chiesto di includere il settore dell'olio d'oliva nell'elenco dei settori che beneficiano di un'autorizzazione temporanea per derogare a determinate regole di concorrenza dell'UE ai sensi dell'articolo 222 del mercato comune Regolamento sull'organizzazione ", ha affermato il portavoce della Commissione.

L'articolo 222 dell'OCM specifica che in periodi di gravi squilibri del mercato, la Commissione può applicare misure eccezionali, tra cui il ritiro o la distribuzione gratuita di prodotti, azioni promozionali, aiuti all'ammasso privato e pianificazione temporanea della produzione.

Inoltre, la Spagna ha chiesto che l'articolo 167 del regolamento OCM, che consente l'introduzione di regole di commercializzazione per migliorare e stabilizzare il funzionamento del mercato comune in particolare per i vini, sia modificato per essere applicabile anche nel settore dell'olio d'oliva, e ha chiesto che vengano erogati più fondi per sostenere il settore.

"La Spagna sta lavorando per utilizzare il programma di sostegno del settore vitivinicolo per lanciare aiuti per la distillazione di crisi, l'ammasso privato e la raccolta verde, ma chiede l'aumento dei fondi comunitari ", ha affermato il ministero.





Related News