Affari

Gli Stati Uniti minacciano le tariffe sulle importazioni di olio d'oliva dell'UE

Una decisione dell'Organizzazione mondiale del commercio ha rilevato che l'UE ha sovvenzionato ingiustamente il produttore di aerei Airbus. Il risultato potrebbe essere le tariffe di ritorsione su numerose merci dell'UE, tra cui l'olio d'oliva.

Foto per gentile concessione di Belifl Yarom.
Aprile 10, 2019
Di Daniel Dawson
Foto per gentile concessione di Belifl Yarom.

Notizie recenti

The Stati Uniti ha proposto tariffe per un valore di $ 11 miliardi Unione europea importazioni, compreso l'olio d'oliva, alla luce di una decisione presa all'inizio di questa settimana dall'Organizzazione mondiale del commercio.

L'escalation delle tensioni tra i due viene dopo una sentenza dell'OMC che ha riscontrato che i sussidi UE per Airbus hanno un impatto negativo sul produttore americano, Boeing.

La minaccia statunitense di imporre una tariffa di importazione sull'olio d'oliva dell'UE potrebbe rivelarsi significativa per l'industria dell'UE, poiché gli Stati Uniti importano volumi significativi dal blocco.- Gary Howard, analista senior di IEG Vu

"Questo caso è in corso contenzioso da anni 14, ed è giunto il momento di agire", ha dichiarato Robert Lighthizer, rappresentante commerciale degli Stati Uniti. "L'amministrazione si sta preparando a rispondere immediatamente quando l'OMC pubblicherà le sue conclusioni sul valore delle contromisure statunitensi".

L'UE ha criticato gli Stati Uniti, affermando che $ 11 miliardi sono stati una cifra molto esagerata.

Guarda anche: L'UE sfida le tariffe statunitensi sulle olive spagnole

"L'UE è fiduciosa che il livello di contromisure su cui si basa l'avviso sia notevolmente esagerato", ha detto una fonte all'interno del blocco a CNBC News. "La quantità di ritorsioni autorizzate dall'OMC può essere determinata solo dall'arbitro nominato dall'OMC."

pubblicità

Tuttavia, i produttori di olio d'oliva potrebbero essere tra i più colpiti, di cui oltre un terzo esportazioni di olio d'oliva sono destinati agli Stati Uniti

Il livello delle tariffe che gli Stati Uniti potrebbero imporre alle merci dell'UE è ancora in arbitrato e non sarà determinato per alcuni mesi. Tuttavia, i produttori europei di olio d'oliva potrebbero aspettarsi tariffe variabili da $ 0.034 al chilogrammo a $ 0.176 al chilogrammo, a seconda della sentenza.

"La minaccia degli Stati Uniti di imporre una tariffa di importazione sull'olio d'oliva dell'UE potrebbe rivelarsi significativa per l'industria dell'UE, dal momento che gli Stati Uniti importano volumi significativi dal blocco", ha affermato Gary Howard, analista di notizie senior della società di intelligence per l'agricoltura IEG Vu.

pubblicità

Secondo Eurostat, il 35% delle esportazioni di olio d'oliva dell'UE erano destinate ai porti americani durante il primo trimestre fiscale del 2019, con un valore stimato di $ 339 milioni.

Spagna ha aperto la strada, esportando tonnellate 35,323. Questo è stato seguito da vicino Italia con tonnellate 30,898. Portogallo e Grecia tonnellate 1,410 e tonnellate 3,506 esportate, rispettivamente.

pubblicità

Durante la stagione del raccolto 2017/18, i paesi dell'UE hanno esportato 194,570 tonnellate di olio d'oliva negli Stati Uniti, con un valore stimato di circa 1 miliardo di dollari.

I produttori italiani saranno probabilmente i più colpiti, secondo Ettore Prandini, presidente di Coldiretti. Quasi la metà di tutto l'olio d'oliva italiano che è stato esportato nel primo trimestre fiscale del 2019 è finito negli Stati Uniti. L'anno scorso, l'Italia ha esportato $ 436 milioni del prodotto negli Stati Uniti.

"Si tratta di evitare uno scontro di scenari senza precedenti e preoccupanti che rischia di causare un pericoloso effetto valanghe sull'economia e sui rapporti tra i paesi alleati", ha detto Prandini delle tariffe proposte.

Anche i produttori spagnoli e greci saranno preoccupati per loro poiché circa un terzo e metà delle loro esportazioni di olio d'oliva si dirigono verso gli Stati Uniti, rispettivamente.

Il Portogallo e altri produttori dell'UE avranno meno da temere poiché la maggior parte del loro olio d'oliva viene esportata in altre parti del mondo, in particolare Brasile e il Medio Oriente.