I produttori israeliani festeggiano un anno record alla competizione mondiale

I produttori di tutto il piccolo paese del Medio Oriente hanno vinto un Gold Award e due Silver Awards da quattro partecipanti.

Ido Tamir
Giu. 24, 2021
di Wasim Shahzad
Ido Tamir

Notizie recenti

Parte della nostra continuazione copertura speciale di 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.


I produttori di olio d'oliva israeliani hanno goduto di un anno record al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition, ottenendo i suoi primi premi al concorso dal 2015.

Tre produttori si sono uniti per vincere un Gold Award e due Silver Awards all'edizione di quest'anno dei più prestigiosi al mondo qualità dell'olio d'oliva concorrenza.

Vincere premi al NYIOOC ci dà la sensazione di essere riusciti a costruire una solida base per il nostro marchio.- Ido Tamir, proprietario, Tamir Farm

L'anno record al NYIOOC è venuto nonostante produzione di olio d'oliva toccando il punto più basso dall'annata 2009/10.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, Israele ha prodotto solo 11,000 tonnellate di olio d'oliva nell'annata agricola 2020/21, circa un terzo in meno rispetto alla media quinquennale mobile.

La diminuzione della produzione è stata in gran parte attribuita ai produttori che entrano in una fase di riposo del ciclo naturale di alternanza degli ulivi e alle complicazioni derivanti dalla Pandemia di covid-19.

Tra i produttori vincitori di Israele c'era Fattoria Tamir, che ha vinto un Gold Award per il suo monovarietale Ptora Midnight Coratina.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva da Israele

"L'industria dell'olio d'oliva ha una grande tradizione in Israele, per tutti i tempi della Bibbia ", ha detto Ido Tamir, il proprietario dell'aziendo olive oil Times. "In questo settore tradizionale, ci sforziamo di essere innovativi”.

Tamir attribuiva il successo della sua azienda alla concorrenza al controllo completo del processo di produzione.

"Siamo situati nella parte meridionale di Israele, ma lavoriamo secondo gli standard europei", ha affermato. "Essere sia coltivatori che produttori ci dà il controllo completo del processo e ci consente di implementare i nostri standard elevati durante l'intera procedura".

Insieme alla sua Coratina, Tamir produce anche oli d'oliva dalla cultivar endemica Nabali, per la quale in precedenza ha ottenuto un Gold Award al 2015 NYIOOC.

"Nel corso degli anni, abbiamo escogitato diverse miscele uniche di olio d'oliva ", ha affermato Tamir. "Il primo è il nostro Nabali, antico vitigno locale, difficile da coltivare e con una bassissima capacità di produrre olio, che lo rende raro e ambito».

Mentre le olive Coratina sono una varietà più comune, Tamir cerca di differenziare il prodotto raccogliendo le olive solo di notte, quando le temperature fresche aiutano a preservarne le caratteristiche organolettiche e chimiche.

"Il nostro olio d'oliva Midnight Ultra-Premium è prodotto con estrema cura di notte per evitare l'esposizione alla luce e alle temperature calde, "Ha detto. "Le olive vengono meticolosamente selezionate in una fase precoce della stagione, raccolte al tramonto e immediatamente trasferite al frantoio.

"Qui, il processo di estrazione avviene in completa oscurità e a temperature molto basse, producendo un'estrazione delicata della massima qualità", ha aggiunto. "Questo processo unico si traduce in un olio d'oliva di colore verde eccezionalmente brillante con un gusto fresco, fruttato e robusto.

Tamir ha trascorso più di due anni a perfezionare la sua miscela di mezzanotte, inclusi sei mesi per sviluppare un design ideale per la bottiglia. Il produttore ha voluto utilizzare la prima impressione che i clienti hanno dell'olio per sottolineare come viene prodotto.

Nel 2020, Tamir Farm ha prodotto 60 tonnellate di olio d'oliva, di cui tre tonnellate erano Ptora Midnight Coratina.

"Il 2020 sarà sempre ricordato come l'anno del Covid-19", ha affermato Tamir. "Produrre olio extra vergine di oliva con tali incertezze non era un compito facile. Quando il Covid-19 è scoppiato inizialmente in Israele nel marzo 2020, l'incertezza ci ha lasciato senza fiato per un po'".

"I ristoranti stavano chiudendo; i clienti aziendali stavano annullando i loro ordini", ha aggiunto. "Fortunatamente, siamo riusciti a rispondere abbastanza rapidamente, spostando la nostra attenzione sul settore privato che era a casa e mostrando un maggiore interesse per la cucina e la cucina raffinata a casa".

Tamir spera di avere un anno migliore nel 2021, ma ha affermato che la stagione del raccolto è già iniziata in modo difficile a causa del clima irregolare di Israele.

"Sfortunatamente, le scarse precipitazioni di quest'inverno insieme a diverse ondate di calore nelle ultime settimane avrebbero dovuto portare a un raccolto relativamente basso", ha detto Tamir. "Potremmo non produrre molto olio d'oliva nel prossimo anno, ma faremo in modo di mantenere i nostri standard elevati e presentare al mercato il miglior olio extra vergine di oliva possibile.

Per Tamir, parte dell'attrazione di entrare nel NYIOOC era quello di affermare il suo marchio come produttore di alta qualità e vincere l'oro ha aiutato Tamir Farm a raggiungere proprio questo.

"Vincere premi al NYIOOC ci dà la sensazione di essere riusciti a costruire una solida base per il nostro marchio", ha affermato. "Stare in linea con i migliori produttori di olio d'oliva del mondo ci aprirà la strada nei mercati internazionali e ci esporrà a un nuovo pubblico ".

Dall'altra parte di Israele, l'organizzazione guidata da donne, Sindyanna di Galilea, è stato riconosciuto anche al 2021 NYIOOC, vincendo un Silver Award per la sua miscela Extra Hopeful Olive Oil.

africa-medio-oriente-concorsi-profili-i-migliori-oli-di-oliva-produttori-israeliani-celebrano-anno-record-al-concorso-mondiale-tempi-dell'olio-d'oliva

Roha Renana. Foto: Sindyanna di Galilea

Hadas Lahav, CEO di Sindyanna of Galilee, ha affermato che le donne di Sindyanna sono molto orgogliose di ricevere questo riconoscimento internazionale, sia incoraggiate dal premio stesso sia per aver dimostrato che le donne arabe ed ebree possono migliorare la propria vita quando lavorano insieme.

"Il nostro marchio Extra Hopeful Olive Oil è arrivato giusto in tempo per dimostrare che la speranza di pace e solidarietà può venire dal Medio Oriente ", ha affermato Lahav. "Il fatto che a Sindyanna donne arabe ed ebree lavorino insieme è la risposta definitiva alla recente violenza, guerra e distruzione di Gaza che abbiamo appena sperimentato di recente».

Insieme alla sua missione unica, Lahav ha aggiunto che gli oli d'oliva di Sindyanna si distinguono perché sono gli unici Certificato di commercio equo prodotti in Israele.

"Stiamo piantando e gestiamo uliveti biologici e rispettosi dell'ambiente del commercio equo e solidale ", ha affermato. "Investiamo e sviluppiamo metodi agricoli moderni e sostenibili per lo sviluppo della comunità rurale araba in Israele”.

"Tutti i nostri ricavi vengono reinvestiti nella creazione di posti di lavoro per le donne arabe, nello sviluppo di un'agricoltura sostenibile e nella promozione di opportunità di collaborazione per le donne arabe ed ebree", ha aggiunto.

africa-medio-oriente-concorsi-profili-i-migliori-oli-di-oliva-produttori-israeliani-celebrano-anno-record-al-concorso-mondiale-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Itiel Zion

Come gli altri produttori israeliani, il 2020 è stato un anno impegnativo per Sindyanna a causa della pandemia di Covid-19. I suoi boschi hanno prodotto sei tonnellate di olio d'oliva, che era la metà della sua resa nel 2019.

"Come tutti gli altri in Israele, le donne di Sindyanna hanno lavorato secondo le linee guida del Ministero della Salute", ha detto Lahav. "Grazie a un'indennità speciale del governo per i produttori agricoli e alimentari, parte del nostro lavoro è proseguita nel corso del 2020».

"Sfortunatamente, abbiamo dovuto lasciare andare alcuni lavoratori all'inizio della pandemia e non siamo stati in grado di riassumerli tutti prima della ripresa del lavoro a pieno ritmo", ha aggiunto.

Nonostante la battuta d'arresto, Lahav ha affermato che la produzione non era così bassa come avrebbe potuto essere e la pandemia ha dimostrato che l'azienda era resiliente alla crisi. Tuttavia, spera in un raccolto migliore nel 2021.

"Saremo in grado di continuare a migliorare la qualità del nostro olio d'oliva e contribuire allo sviluppo della produzione di olio d'oliva di alta qualità in Galilea ", ha affermato.

africa-medio-oriente-concorsi-profili-i-migliori-oli-di-oliva-produttori-israeliani-celebrano-anno-record-al-concorso-mondiale-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Sindyanna di Galilea

Nel frattempo, nel centro di Israele, i produttori dietro BVS Premium Jerusalem Olive Oil celebrato vincendo il loro primo Silver Award per la sua miscela Heart Notes.

Nonostante la presenza di alcuni noti marchi di olio d'oliva in Israele, Ashkenazi Hani, amministratore delegato dell'azienda, ha affermato che il suo olio d'oliva si distingue dalla concorrenza.

"Mentre siamo sicuri che gli altri vincitori siano eccellenti, riteniamo che il nostro olio sia speciale poiché è prodotto con molta cura e pazienza, coinvolgendo numerose prove e test del nostro olio d'oliva finito ", ha detto Hani Olive Oil Times.

Parte di ciò che ha reso questo olio d'oliva un vincitore del premio al 2021 NYIOOC era il terroir su cui vengono coltivate le olive e il fatto che vengano raccolte in anticipo.

"Il nostro metodo preferito è quello di raccogliere le olive relativamente presto all'inizio della stagione per garantire una miscela verde e aromatica di olio d'oliva ", ha affermato Hani.

BVS Premium Jerusalem Olive Oil ha prodotto 8,000 litri di olio extra vergine di oliva nel 2020, un po' meno dell'anno precedente, che Hani ha attribuito alla pandemia.

africa-medio-oriente-concorsi-profili-i-migliori-oli-di-oliva-produttori-israeliani-celebrano-anno-record-al-concorso-mondiale-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: BVS Premium Jerusalem Olive Oil

"Temevamo che l'olio d'oliva prodotto durante il raccolto del 2020 sarebbe rimasto invenduto poiché i consumatori cercavano di ridurre le spese, in particolare a causa della loro percezione dell'olio d'oliva come un bene di lusso ", ha affermato.

Il produttore deve aggiungere un po' di creatività alla sua campagna di marketing per far fronte a questa situazione, che alla fine ha funzionato.

"Durante la pandemia, le nostre popolari campagne locali hanno iniziato a incoraggiare i consumatori a privilegiare i prodotti agricoli israeliani, in particolare l'olio d'oliva, che ci ha aiutato ad aumentare considerevolmente le nostre vendite", ha affermato Hani. "Sorprendentemente, invece di vedere un calo delle nostre vendite nel corso del 2020, si è verificato il contrario".

"I consumatori israeliani si sono uniti a noi nello sforzo di promuovere i prodotti agricoli locali e hanno iniziato a fare acquisti direttamente dagli agricoltori", ha aggiunto.

Hani è ottimista sul raccolto imminente e si aspetta una resa migliore rispetto all'anno precedente.

"Siamo molto entusiasti di entrare in Stagione del raccolto 2021, "Ha detto. "Gli ulivi hanno iniziato a fiorire e anche i frutti stanno maturando. Tutti questi segnali indicano un buon raccolto”.

"Continueremo la cura amorevole dei boschi, raccogliendo le migliori olive nel modo più preciso e producendo il miglior olio d'oliva ", ha aggiunto.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti