Produzione

Tempo caldo Riduzione della qualità e della resa dell'olio d'oliva in piccoli studi

La scienza può fornire la risposta alle conseguenze del riscaldamento globale sugli ulivi per trovare cultivar con tolleranza integrata alle temperature estreme.
Giu. 23, 2020
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

I ricercatori israeliani hanno studiato gli effetti delle alte temperature ambientali sugli ulivi, determinando che il calore intenso ha ridotto la quantità e la qualità dell'olio d'oliva e alla fine ha portato a una resa ridotta. Ulteriori ricerche potrebbero sviluppare varietà di olive resistenti alle alte temperature che assicurerebbero le colture degli agricoltori da intemperie e clima mite cambiamento climatico.

Gli ulivi sono noti per la loro resistenza alle variazioni meteorologiche estreme. Il riscaldamento globale, tuttavia, ha comportato potenzialmente grandi rischi in molti territori produttori di olio d'oliva in tutto il mondo in cui ondate alternate di estremi si estendono oltre i loro normali schemi meteorologici.

Guarda anche: Il calore insolito della primavera porta problemi precoci per le aziende agricole greche

Il calore più elevato del normale porta alla fioritura precoce. I giorni più freddi possono congelare i fiori e prevenire la fioritura e lo sviluppo dei frutti. La produttività è ridotta e la resa in olio d'oliva è ridotta.

Per testare il comportamento degli ulivi nella stagione calda, i ricercatori hanno collocato alberi in vaso di cinque anni di cinque diversi varietà di olive in due posizioni: una con estati calde con temperature spesso superiori a 40 ° C (104 ° F) e un'altra con estati relativamente miti con temperature intorno ai 30 ° C (86 ° F).

Le posizioni sono state appositamente selezionate in modo che gli alberi abbiano sperimentato temperature oltre le fluttuazioni che si verificano naturalmente nei loro soliti territori produttori di olio d'oliva.

pubblicità
Guarda anche: Il tempo insolito potrebbe essere problematico per il raccolto delle olive in California

Le cultivar utilizzate erano la Barnea, la Coratina, il Suri, la Picholine e la Koroneiki.

L'esperimento ha attraversato due stagioni di raccolta e gli alberi sono stati irrigati. Ogni mese le drupe di olivo venivano campionate dagli alberi per essere sottoposte ad analisi istologiche e fisiologiche e ad una valutazione dell'accumulo di olio.

Alla fine di ogni stagione, un certo numero di drupe di tutte e cinque le varietà sono state raccolte ed elaborate utilizzando un sistema centrifugo su scala di laboratorio.

I risultati hanno mostrato che temperature più alte del solito hanno influenzato la crescita e il peso della frutta delle olive, l'accumulo di olio nei frutti e la composizione dell'olio. Si è scoperto che gli effetti sono dipendenti dal genotipo con ciascuna cultivar che mostra risposte diverse a periodi di caldo intenso.

"Per comprendere il meccanismo della sensibilità e della resistenza delle cultivar di olivo alle alte temperature, abbiamo analizzato il trascrittoma [le trascrizioni dell'RNA] ", ha detto la ricercatrice Giora Ben-Ari Olive Oil Times.

"Abbiamo decodificato il modello di espressione genica di tutti i geni coinvolti nella biosintesi dell'olio d'oliva. Sembra che il principale meccanismo di resistenza all'ambiente ad alta temperatura sia la capacità di ritardare lo sviluppo dei frutti e l'accumulo di olio ”.

A temperature elevate, gli alberi delle cultivar Barnea e Koroneiki hanno ritardato lo sviluppo dei frutti delle olive fino a quando le temperature più miti hanno prevalso, mentre il peso dei frutti delle olive è stato ridotto in tutte le cultivar tranne la Barnea.

In termini di quantità di olio d'oliva, tra le cultivar testate la Barnea ha mostrato stabilità a temperature ambientali elevate con peso della frutta e contenuto di olio di oliva quasi identici nei frutti di oliva campionati da entrambe le località. Le cultivar Koroneiki e Suri sono state colpite da temperature più calde con il peso della frutta e l'accumulo di olio d'oliva in diminuzione negli alberi nel sito ad alta temperatura rispetto agli alberi nel sito a temperatura moderata.

D'altra parte, la qualità dell'olio d'oliva è peggiorata in tutte e cinque le cultivar nel gruppo ad alta temperatura. Il contenuto di acido oleico e polifenoli nelle drupe campionate dal sito ad alta temperatura misurato inferiore a quelle campionate dal sito a temperatura moderata.

In conclusione, la cultivar Koroneiki è risultata la più suscettibile agli ambienti caldi in tutti i parametri analizzati tra le cultivar testate. Anche la Coratina e la Picholine furono colpite, ma riuscirono a trattenere la quantità di olio nelle drupe di olive quando esposte a temperature più calde, mentre l'olio di oliva prodotto dalla cultivar Souri mantenne in una certa misura le sue caratteristiche organolettiche. La cultivar Barnea ha mostrato una perdita nella qualità dell'olio d'oliva, ma ha mantenuto la concentrazione di olio e il peso dei frutti d'oliva sotto calore.

Ben-Ari ha spiegato che oltre a specificare quali cultivar sono più adatte per affrontare il caldo intenso, un altro obiettivo della loro ricerca è quello di creare un 'programma di allevamento "per lo sviluppo di nuove varietà che presentano una maggiore tolleranza alle temperature più elevate.

"La ricerca futura esaminerà l'espressione genica al fine di comprendere le differenze tra cultivar sensibili e resistenti ", ha affermato. "Ciò contribuirà ai programmi di riproduzione per lo sviluppo di cultivar resistenti. Inoltre, l'anno scorso abbiamo piantato 100 cultivar in entrambe le posizioni e nei prossimi anni vaglieremo queste cultivar per identificare quelle resistenti ”.

I loro risultati dovrebbero essere trattati con cautela a causa del periodo di tempo relativamente breve e del campionamento limitato, i ricercatori hanno osservato. Ciononostante, potrebbe spianare la strada a ulteriori ricerche sull'argomento per fornire dati utili per i coltivatori che affrontano condizioni climatiche estreme in aumento.



pubblicità

Related News