`Dieta medica benefica per i pazienti con malattia intestinale, studio suggerisce

Salute

Dieta medica benefica per i pazienti con malattia intestinale, studio suggerisce

Giu. 9, 2020
Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

I risultati di a nuovo studio pubblicato su Oxford Academic ha mostrato che i pazienti affetti da malattia infiammatoria intestinale (IBD) che hanno seguito il dieta mediterranea per sei mesi hanno visto un significativo miglioramento delle loro condizioni.

I pazienti che avevano aderito alla dieta mediterranea hanno beneficiato di una riduzione dell'indice di massa corporea (BMI) e hanno visto ridursi il loro giro vita. Sono stati inoltre rilevati marcatori infiammatori inferiori e minore attività patologica.

L'adozione di un'abitudine alimentare adeguata basata su (una dieta mediterranea) e il raggiungimento della conformità potrebbe essere fondamentale nella gestione clinica dei pazienti (malattia infiammatoria intestinale).- Fabio Chicco, autore principale dello studio

"I nostri dati supportano il ruolo della consulenza nutrizionale nella gestione multidisciplinare dell'IBD ”, ha detto a Reuters Fabio Chicco, autore principale dello studio. "L'adozione di una corretta abitudine alimentare basata su (una dieta mediterranea) e il raggiungimento della conformità potrebbe essere fondamentale nella gestione clinica di questi pazienti. "

Per valutare l'impatto della dieta mediterranea sulle condizioni di IBD, il team di ricerca di Chicco ha ideato questionari pre-studio per valutare la qualità della vita dei partecipanti. I pazienti sono stati valutati per l'attività clinica e della malattia e sono stati testati per la possibile steatosi (malattia del fegato grasso) utilizzando un'ecografia addominale.

Guarda anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva

I partecipanti hanno ricevuto consigli dietetici da un nutrizionista e sono stati invitati a consumare olio d'oliva ad ogni pasto nell'ambito di MedDiet.

pubblicità

Lo studio, condotto da ricercatori dell'Università di Cagliari, ha osservato 142 pazienti con IBD. I partecipanti erano costituiti da 84 pazienti con colite ulcerosa e 58 pazienti con malattia di Crohn.

Consumo di olio d'oliva è stato associato con la prevenzione della colite ulcerosa da a 2010 studio dai ricercatori dell'Università dell'East Anglia hanno concluso che una dieta ricca di acido oleico (un componente dell'olio d'oliva) ha ridotto significativamente il rischio di sviluppare la malattia.

All'inizio dello studio 43 pazienti con colite ulcerosa e 30 pazienti con malattia di Crohn sono stati considerati obesi.

Dopo aver aderito a MedDiet per sei mesi, l'IMC dei pazienti con colite ulcerosa era diminuito in media di 0.42 punti e la loro circonferenza della vita era diminuita di circa 1.25 centimetri (0.50 pollici). Risultati simili sono stati osservati nei pazienti con malattia di Crohn, il cui indice di massa corporea è diminuito di circa 0.48 punti e la circonferenza della vita di 1.4 centimetri (0.55 pollici).

Durante lo studio, anche il numero di pazienti con la malattia attiva (con sintomi) è diminuito, scendendo dal 23.7% al 6.8% nei pazienti con colite ulcerosa e dal 17% al 3.8% nei pazienti con malattia di Crohn.

È stato anche notato che MedDiet ha portato a una significativa riduzione della steatosi epatica (malattia del fegato grasso), che è completamente scomparsa in alcuni pazienti.

"Sono un grande fan della dieta mediterranea, quindi sono entusiasta di vedere uno studio che lo esamina ”, ha detto a Reuters Aline Charabaty, direttrice del Centro IBD del Johns Hopkins-Sibley Memorial Hospital.

Charabaty ha affermato che precedenti studi dietetici incentrati sugli effetti dei singoli alimenti sull'IBD erano un errore a causa della natura complessa dell'IBD.

"Questo studio è molto ben fatto e rispecchia ciò che è noto dagli studi epidemiologici. Sono contento di vederlo che conferma i miei consigli ai pazienti ", ha detto.





Related News