La dieta mediterranea può ridurre il rischio di fragilità negli anziani

Nuovi risultati suggeriscono che una dieta consistente principalmente di alimenti a base vegetale con quantità di pesce e pollame da bassa a moderata ha mantenuto le persone indipendenti e in buona salute mentre invecchiavano.

Gennaio 22, 2018
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Un recente studio condotto dall'University College di Londra ha scoperto che seguire una dieta mediterranea ricca di olio d'oliva, frutta, verdura, cereali integrali e noci può ridurre il rischio di fragilità negli anziani.

Lo studio ha rivelato che le persone che seguivano scrupolosamente il Dieta mediterranea avevano generalmente circa il 50% in meno di probabilità di diventare fragili in un periodo di quasi quattro anni rispetto a coloro che erano incuranti di aderire alla dieta.

I nostri risultati sosterrebbero il consumo di olio d'oliva come parte di un tipo di dieta mediterranea come potenzialmente protettivo per la salute nelle persone anziane.- Kate Walters, University College London

I ricercatori hanno condotto una revisione sistematica e una meta-analisi di quattro studi pubblicati che hanno esaminato l'associazione tra l'adesione a una dieta mediterranea e lo sviluppo della fragilità nelle persone anziane. Sono state analizzate 5,789 persone di età superiore ai 60 anni. I partecipanti hanno vissuto in Francia, Spagna, Italia e Cina.

I loro risultati hanno suggerito che una dieta composta principalmente da alimenti a base vegetale con quantità di pesce e pollame da basse a moderate hanno mantenuto le persone indipendenti e in buona salute mentre invecchiano.

Kate Walters, autore senior dello studio ha detto Olive Oil Times, "Tutti gli studi inclusi hanno utilizzato il punteggio di dieta mediterranea per misurare i diversi componenti della dieta. Il consumo di olio d'oliva è uno dei componenti di questo punteggio e la maggior parte di coloro che ottengono un punteggio elevato su questa misura (nell'intervallo 6 - 9 che nei nostri risultati hanno la metà del rischio di diventare fragili in quasi 4 anni rispetto a quelli con il punteggio più basso) consumerà quantità superiori alla media (il punteggio medio per quella popolazione) di olio d'oliva nella loro dieta ".

pubblicità

Walters ha aggiunto, "Non siamo in grado di dire quale componente della dieta mediterranea sia protettiva dalla nostra ricerca, ma i nostri risultati sosterrebbero il consumo di olio d'oliva come parte di un tipo di dieta mediterranea come potenzialmente protettivo per la tua salute nelle persone anziane ".

La dieta studiata si basava sulle tipiche abitudini alimentari delle persone provenienti dalla Grecia e dall'Italia meridionale negli 1960 e includeva quantità di vino da basse a moderate, ma era povera di grassi saturi e zucchero. Questo tipo di dieta è già stato associato a numerosi benefici per la salute, tra cui minori incidenze di malattia cardiovascolare, diabete e riduzione dei tassi di cancro.

Nel suo rapporto, Walters ha concluso, "Si ritiene che la nutrizione svolga un ruolo cruciale nello sviluppo della fragilità e abbiamo scoperto che la dieta mediterranea può aiutare le persone più anziane a mantenere la forza muscolare, l'attività, il peso e i livelli di energia ".

La fragilità è comune tra gli anziani e porta a mancanza di energia, perdita di peso e debolezza muscolare. È associato a una qualità di vita inferiore e può portare a cadute, fratture, disabilità, demenza e morte prematura.

Ricercatore capo, Gotaro Kojima ha aggiunto, "Il nostro studio supporta il crescente corpo di prove sui potenziali benefici per la salute di una dieta mediterranea, nel nostro caso per aiutare potenzialmente le persone anziane a stare bene mentre invecchiano ".

Mentre lo studio ha dimostrato che le persone anziane che seguivano una dieta mediterranea avevano un minor rischio di diventare fragili, non è chiaro se altre caratteristiche dei partecipanti possano aver aumentato la loro protezione. I ricercatori hanno concluso che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare esattamente quanto seguire una dieta mediterranea può ridurre il rischio di fragilità.

Lo studio è stato adattato per tenere conto di molti dei principali fattori che potrebbero influenzare i risultati, tra cui età, sesso, classe sociale, fumo, consumo di alcol, quantità di esercizio fisico ed eventuali condizioni di salute esistenti. Altri fattori potrebbero non essere stati contabilizzati o misurati.

An studio precedente ha anche concluso che l'adesione a una dieta mediterranea riduce il rischio di fragilità negli anziani francesi.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti