Tratto Nutri-Traction guadagna nonostante l'opposizione degli agricoltori italiani

Il gruppo di agricoltori italiani Coldiretti si oppone al controverso sistema francese di etichettatura degli alimenti, dicendo che sottovaluta i benefici per la salute dell'olio d'oliva.
Foto per gentile concessione di The RedBurn.
Giu. 7, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Poiché il sistema di classificazione alimentare francese Nutri-score diventa sempre più onnipresente in Europa, gli agricoltori italiani ei produttori di olio d'oliva continuano a opporsi alla sua attuazione.

Il sistema, che è stato sviluppato nel 2017 e da allora è stato adottato in altri sette paesi europei, assegna agli alimenti un grado da A a E, in base ai loro profili nutrizionali.

Le raccomandazioni sulla salute pubblica non suggeriscono di consumare olio d'oliva senza limiti, ma incoraggiano i consumatori a privilegiarlo rispetto ad altri oli vegetali e soprattutto ai grassi animali.- Serge Hercberg, co-sviluppatore, Nutri-score

"L'obiettivo è consentire ai consumatori di confrontare la qualità nutrizionale degli alimenti ", ha detto Serge Hercberg, professore di nutrizione all'Università di Parigi e capo del team che ha ideato Nutri-score. Olive Oil Times.

"Nutri-score utilizza il calcolo di un sistema di profilazione dei nutrienti che tiene conto del contenuto di nutrienti per 100 grammi per cibo e bevande ", ha aggiunto. "Assegna i punti negativi in ​​base al contenuto di preoccupazione critica, nutrienti sfavorevoli: zucchero, acidi grassi saturi e sodio. I punti positivi sono assegnati per il contenuto di frutta, verdura e noci, fibre, proteine ​​e oli di oliva, colza e noci. "

Vedi anche: La Germania introduce il punteggio Nutri

Nutri-score valuta l'olio extravergine di oliva con una C, che ha attirato critiche da Coldiretti, la maggiore associazione agricola italiana. Tuttavia, Hercberg ha detto che la valutazione non dovrebbe essere una sorpresa.

"[La C per l'olio d'oliva è] il miglior punteggio possibile per i grassi aggiunti e anche per gli oli vegetali", ha detto. "Le raccomandazioni sulla salute pubblica non suggeriscono consumo di olio d'oliva senza limiti, ma incoraggiano i consumatori a privilegiarlo rispetto ad altri oli vegetali e soprattutto ai grassi animali ”.

Poiché più paesi scelgono di attuare lo schema del punteggio Nutri, le società private hanno seguito l'esempio.

Il gigante del cibo Nestlé ha affermato che adotterà il punteggio Nutri sui loro pacchetti alimentari in tutta l'Europa meridionale.

"Con la Spagna e il Portogallo, ora avremo 7,500 prodotti Nestlé con punteggio Nutri in tutto il continente ", ha affermato Marco Settembri, CEO di Nestlé per Europa, Medio Oriente e Nord Africa. "Ulteriori studi hanno confermato ciò in cui crediamo: Nutri-score lavora con i consumatori in Europa e ha il potenziale per diventare il sistema a livello di Unione europea ".

Coldiretti ha risposto che la decisione di Nestlé di implementare ulteriormente il punteggio Nutri sui suoi prodotti è "prematuro e sbagliato. "

[Nutri-score] è fuorviante, discriminatorio e incompleto. Il suo paradosso è quello di penalizzare i cibi sani e naturali, favorendo al contempo i prodotti artificiali il cui vero contenuto è in alcuni casi sconosciuto.- Ettore Prandini, Coldiretti

Lo ha detto Ettore Prandini, presidente dell'associazione "cerca di influenzare il dibattito in corso nell'UE ”sull'eventuale introduzione di un sistema comune di etichettatura degli alimenti progettato per combattere l'obesità e promuovere migliori abitudini alimentari.

"[Nutri-score] è fuorviante, discriminatorio e incompleto", ha detto. "Il suo paradosso è quello di penalizzare i cibi sani e naturali, favorendo al contempo i prodotti artificiali il cui vero contenuto è in alcuni casi sconosciuto. "

"Rischiamo la promozione di cibo spazzatura con edulcoranti anziché zucchero, bloccando al contempo cibi salvavita come l'olio extra vergine di oliva, considerato il prodotto distintivo del Dieta mediterranea", Ha aggiunto. "L'equilibrio nutrizionale è il risultato di un apporto alimentare giornaliero differenziato, non certo di un prodotto specifico di per sé ".

Tuttavia, Hercberg ha già sentito queste argomentazioni e ha affermato che gruppi di interesse speciale si opporranno a qualsiasi tipo di sistema volto a classificare gli alimenti in base al loro contenuto nutrizionale.

"Sei anni fa, quando ... ho proposto l'idea di un'etichetta sulla parte anteriore della confezione a cinque colori sintetici e graduati per informare i consumatori sulla qualità nutrizionale degli alimenti, abbiamo avuto un'immediata protesta generale da parte degli operatori economici ", ha detto. "Quasi tutto è stato fatto da potenti lobby per impedire l'implementazione di questa misura di salute pubblica ".

Hercberg ha affermato che Nutri-score si basa su una solida base di ricerca scientifica.

"Più di 40 studi pubblicati su riviste internazionali con peer review hanno convalidato l'algoritmo alla base del suo calcolo ", ha affermato.

Il ricercatore parigino ha aggiunto che il sistema è inteso come un confronto tra alimenti che rientrano nella stessa categoria (es. Olio extravergine di oliva e burro). Ha sostenuto che aiuterebbe i consumatori a confrontare offerte simili, come due opzioni di marche diverse o due tipi di alimenti preparati in modi simili, per decidere cosa fosse meglio per loro.

europa-salute-notizie-nutriscore-guadagni-trazione-nonostante-l'opposizione-degli-agricoltori-italiani-olio-d'oliva

Neanche Hercberg è il solo a difendere il sistema.

Citando il supporto che Nutri-score ha raccolto all'interno dell'Organizzazione mondiale della sanità sin dalla sua introduzione, l'Autorità spagnola per la sicurezza alimentare e la nutrizione ha affermato che adotterà Nutri-score come parte di una strategia multiforme per aiutare i consumatori ad adottare abitudini alimentari più sane.

Anche la Francia ha adottato il sistema con entusiasmo e potrebbe incorporarne alcuni aspetti nel diritto tributario. Poche settimane fa, il Senato ha avanzato una proposta legislativa che, se adottata, richiederebbe ai prodotti etichettati D o E di pagare una tassa speciale.

Nel 2019 anche le autorità tedesche piani demoliti legiferare sul proprio sistema di etichettatura degli alimenti a favore dell'attuazione del punteggio Nutri.

La stessa UE ha lasciato intendere che il dibattito potrebbe presto finire.

Durante l'ultima riunione del Parlamento europeo della commissione per l'ambiente, la salute pubblica e la sicurezza alimentare, Alexandra Nikolakopoulou, membro dell'ufficio per la sicurezza alimentare del Commissione europea, ha affermato che l'UE deve promuovere a "sistema alimentare sostenibile ".

Ha aggiunto che ciò richiederebbe l'adozione del sistema di etichettatura con l'obiettivo di renderne obbligatoria l'introduzione per gli Stati membri entro i prossimi due anni.

Anche se la Commissione non ha ancora proposto ufficialmente una misura così controversa, l'idea non è stata sorprendentemente accolta con scetticismo in Italia.

"È assurdo ”, ha detto Prandini al quotidiano italiano Il Giornale. "L'idea è quella di penalizzare l'Italia, che insieme al Giappone è uno dei paesi al mondo con la più alta aspettativa di vita, premiando al contempo il modello di paesi in cui l'obesità è diffusa ”.

Prandini ha anche affermato che l'introduzione di un sistema di etichettatura nel Regno Unito ha significato una perdita di almeno il 30 percento per il mercato italiano dell'olio d'oliva.

"Perso a favore di oli che non sono in alcun modo paragonabili all'olio extravergine di oliva ", ha affermato. (Anche l'olio di colza e l'olio di noci sono classificati con una C in base al punteggio Nutri, mentre gli oli di soia, girasole e mais sono tutti classificati come D, con il burro che riceve una E.)

L'Italia ha chiesto ai suoi partner europei che sostengono Nutri-score di non adottarlo almeno per i prodotti con estensione Denominazione d'origine protetta, specialità che sono parte essenziale di una dieta tradizionale e di alta qualità.

Il governo italiano sta anche lavorando per promuovere un sistema di etichettatura alternativo che ha soprannominato Nutrinform Battery, a "indicatore della batteria "che avvisa il consumatore del valore nutrizionale del cibo confezionato, concentrandosi su calorie, grassi, zucchero e sale per singola porzione.

Funzionari del governo italiano, tra cui il ministro dell'Agricoltura, Teresa Bellanova, hanno anche sottolineato che qualsiasi tipo di programma di etichettatura non deve essere imposto unilateralmente agli Stati membri.

Tuttavia, i produttori italiani e i funzionari governativi stanno già nuotando contro una forte corrente. Hercbeg ha affermato che Nutri-score ha dimostrato di essere efficace e popolare nei paesi in cui era già stato adottato.

"Abbiamo i risultati di diversi studi eseguiti in condizioni reali che dimostrano che l'etichetta Nutri-score ha portato a un significativo miglioramento della qualità nutrizionale complessiva degli acquisti di cibo ", ha detto Hercberg.

"D'altra parte, uno studio sull'accettazione da parte dei consumatori ha dimostrato che il 91% dei francesi sostiene il logo Nutri-score presente sulle confezioni degli alimenti; Il 91 percento lo considera facile da capire; Il 70% ha un'immagine migliore dei marchi che mostrano il punteggio Nutri e l'87% crede che il punteggio Nutri dovrebbe essere obbligatorio ", ha aggiunto.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti