I produttori cileni gestiscono un anno difficile per un raccolto promettente

Si prevede che il Cile produrrà circa 20,000 tonnellate di olio d'oliva nel 2021. I produttori hanno rinnovato l'attenzione sulla qualità per aiutare i loro marchi a distinguersi.

Foto: ChileOliva
Può. 17, 2021
Di Jasmina Nevada
Foto: ChileOliva

Notizie recenti

Nonostante l' sfide di una siccità in corso della scuola e il Pandemia di covid-19, La produzione cilena di olio d'oliva dovrebbe superare ancora una volta le 20,000 tonnellate nella campagna 2020/21.

Gabriela Moglia, direttore generale dell'Associazione nazionale dei produttori di olio d'oliva cileni (ChileOliva), ha detto Olive Oil Times è ancora troppo presto per dare un dato preciso, ma tutti i segnali indicano un'altra buona annata per i produttori.

Ci sono carenze di spazi nelle diverse navi, congestione nei porti e lunghi transiti sulle rotte, che ha reso molto difficile rispettare il 100 per cento delle date programmate.- José Manuel Reyes, responsabile dello sviluppo, Agrícola Pobeña

La raccolta delle olive cilene inizia a metà aprile di ogni anno e termina da inizio a metà giugno. Il clima mediterraneo del paese è ideale per olivicoltura e generalmente porta ad alti rendimenti.

"Quest'anno, la raccolta è iniziata poche settimane prima solo per svolgere un buon coordinamento ed essere preparati per gli imprevisti pandemici ", ha detto Moglia. "I produttori, che esportano principalmente olio d'oliva di alta qualità, hanno standard internazionali esigenti, quindi la situazione Covid-19 ha integrato le loro misure di sicurezza con protocolli rigorosi per prevenire il contagio ".

Vedi anche: Aggiornamento del raccolto 2021

Il Cile sta vivendo condizioni di siccità negli ultimi due anni, il che ha portato a crescenti preoccupazioni nel settore agricolo e ha sottolineato la necessità per le aziende di pianificare in anticipo.

Tuttavia, durante la campagna in corso sono state piovute più piogge rispetto alle due precedenti, il che ha aiutato i coltivatori. A un mese dall'inizio della raccolta, la maggior parte dei produttori si aspetta un buon anno, sia in quantità che in qualità.

Il principale motivo di preoccupazione deriva dall'assenza di piogge nelle ultime settimane.

"Quest'anno, ci aspettiamo una produzione stimata di 2.8 milioni di litri di olio d'oliva convenzionale e 700,000 litri di olio d'oliva biologico ", Claudio Lovazzano, responsabile del marketing di Olivos del Sur, Ha detto Olive Oil Times.

produzione-aziendale-sud-america-produttori-cileni-gestiscono-un-anno-difficile-per-un-promettente-raccolto-olio-tempi

Foto: Olisur

Olisur ha più di 1,800 ettari di oliveti piantati a San José de Marchigue e 500 ettari di ulivi biologici nella zona di Coquimbo, nel nord del Cile.

Una meticolosa pianificazione ha permesso ai 60 dipendenti dell'azienda di operare ininterrottamente durante la raccolta seguendo i protocolli sanitari.

Covid-19 ha presentato sfide logistiche e pratiche. Sebbene Olisur abbia mantenuto al sicuro i propri dipendenti durante la pandemia, ciò ha inevitabilmente causato ritardi nella produzione.

Durante la giornata, gli operatori gestiscono sei macchine da raccolta. Olive dell'azienda super-alta densità i boschetti vengono continuamente consegnati al mulino, assicurando che l'intero processo di produzione sia completato entro due ore.

Lovazzano ha affermato che questo processo garantisce un'elevata qualità organolettica e parametri chimici per il pluripremiato dell'azienda olio extravergine di oliva, che vanta una bassa acidità ed è prodotto con un processo sostenibile e rispettoso dell'ambiente.

"In Olisur, ogni processo è controllato e misurato, poiché siamo l'unico olio d'oliva in Cile e America Latina certificato come carbon neutral ", ha affermato Lovazzano. "Olisur è un membro del Clean Production Agreement e ha anche una certificazione For Life (responsabilità sociale d'impresa) che enfatizza non solo la qualità della produzione, ma anche i lavoratori e la comunità che ci circonda. "

produzione-aziendale-sud-america-produttori-cileni-gestiscono-un-anno-difficile-per-un-promettente-raccolto-olio-tempi

Foto: Olisur

Situato a pochi chilometri a ovest di Olisur, José Manuel Reyes, responsabile dello sviluppo presso Agricola Pobeña, che produce Alonso Olive Oil, ha delineato i fattori logistici aggiuntivi per la distribuzione dell'olio d'oliva durante la pandemia che devono essere presi in considerazione.

"Ci sono carenze di spazi nelle diverse navi, congestione nei porti e lunghi transiti sulle rotte, il che ha reso molto difficile rispettare il 100% delle date programmate, soprattutto per quelli di noi che vendono olio fresco e verde ", Manuel Reyes detto Olive Oil Times.

Per compensare alcuni degli impatti economici della pandemia sulle catene di approvvigionamento dell'olio d'oliva, molti produttori cileni stanno optando per certificare i loro prodotti con il sigillo AOS. Il timbro garantisce che le aziende partner soddisfino requisiti specifici di gestione sostenibile nella produzione o commercializzazione dei loro oli d'oliva.

Il sigillo è ottenuto dalle aziende associate che rispettano il governo cileno Accordo di produzione pulita, che stabilisce nove obiettivi principali relativi al miglioramento della sostenibilità, alla conservazione dell'acqua, alla promozione della biodiversità e alla riduzione delle emissioni di carbonio.

I produttori cileni di olio d'oliva stanno anche lavorando a una certificazione nazionale di sostenibilità, che concede un marchio AOS per l'olio d'oliva sostenibile a quelle aziende che soddisfano gli obiettivi dell'accordo di produzione pulita.

L'obiettivo delle certificazioni di sostenibilità è quello di aiutare a distinguere gli oli extra vergini di oliva cileni in un affollato mercato internazionale.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti