` Come Terroir influisce sulla qualità di EVOO in Cile

Produzione

Come Terroir influisce sulla qualità di EVOO in Cile

Febbraio 18, 2016
Di Sukhsatej Batra

Notizie recenti

Al concorso internazionale dell'olio d'oliva di New York 2015, Olio extra vergine di oliva cileno sono stati riconosciuti con due "Il premio "Best in Class" che ha ottenuto l'ambita distinzione come alcuni dei i migliori oli d'oliva nel mondo.

I due oli vincenti erano un Picual di Las Doscientas e una miscela di Olave.
Guarda anche: I migliori oli d'oliva dal Cile
Il Cile è un paese che si estende su un'area geografica ampiamente diversificata che ha un clima molto vario e diverse composizioni del suolo.

Per determinare in che modo la posizione geografica ha influenzato la qualità di EVOO, i ricercatori cileni hanno valutato gli effetti del clima, della composizione del suolo e delle pratiche agricole come la fertilizzazione e l'irrigazione sulle proprietà sensoriali dell'olio extra vergine di oliva.

Hanno anche cercato di vedere se la fase di maturazione dei frutti al momento del raccolto influiva sul contenuto di fenolo dell'olio extra vergine di oliva prodotto in Cile.

Per lo studio, i ricercatori hanno selezionato cultivar di olive coltivate in frutteti commerciali in due diverse posizioni geografiche del Cile: la valle del Limari, un deserto subtropicale del Marino con una piovosità annuale di soli 22 millimetri; e la zona di Molina che ha un clima mediterraneo con una piovosità annuale di 735 millimetri.

pubblicità

Lo studio, pubblicato nell'edizione di gennaio 2016 del Giornale della scienza dell'alimentazione e dell'agricoltura, ha riscontrato differenze nella composizione del suolo delle due aree. Il suolo alcalino nella valle del Limari aveva un contenuto più elevato di Ca, Mg, K e Na rispetto al suolo Molina; mentre il terreno acido della Molina conteneva più ferro e magnesio. Inoltre, il terreno argilloso argilloso, caratteristico delle zone aride di Limari, ha avuto una migliore concimazione chimica rispetto al suolo di Molina.

Per lo studio, l'olio d'oliva è stato estratto dalle olive raccolte nelle stagioni 2011 - 2012 e 2012 - 2013 utilizzando il sistema di centrifugazione a due fasi e classificate come extra vergini secondo i metodi analitici ufficiali.

Contenuto fenolico del olio extravergine d'oliva prodotto dalle due posizioni geografiche è risultato molto diverso. L'olio extra vergine di oliva prodotto nella valle del Limari aveva un contenuto di fenolo totale più elevato rispetto all'olio di oliva prodotto nella zona di Molina per entrambe le stagioni (473 contro 326 miiligrammi per chilogrammo di olio d'oliva nel 2011-2012; e 493 contro 208 milligrammi per chilogrammo di oliva petrolio nel 2012-2013).

La maggiore traspirazione evapo e la minore irrigazione nei frutteti della Limari Valley rispetto ai frutteti Molina potrebbero forse spiegare le differenze in totale contenuto di fenolo in olio d'oliva dalle due aree.

Secondo gli autori, studi precedenti hanno dimostrato che gli EVOO ottenuti da frutteti tradizionali alimentati a pioggia avevano un contenuto di fenolo più elevato rispetto ai frutteti irrigati. L'alto contenuto di acqua nei frutteti irrigati influisce sulla solubilizzazione dei composti fenolici e altera il rilascio di composti fenolici legati al polisaccaride durante il processo di produzione dell'olio di oliva.

Gli autori hanno anche scoperto che i composti volatili negli oli extra vergini di oliva erano influenzati più dalla temperatura che dall'irrigazione e dalla velocità di evaporazione. Inoltre, il contenuto di fenolo di EVOO è diminuito all'aumentare della maturità delle olive al momento della raccolta.

Sulla base delle loro conclusioni, gli investigatori concludono che la posizione geografica, il suolo e il clima in Cile hanno avuto una maggiore influenza sul qualità sensoriale dell'olio extra vergine di oliva rispetto alle cultivar di olive.


Articoli Correlati