`La vendemmia italiana è iniziata alla grande - Olive Oil Times

Vendemmia italiana in partenza

Novembre 3, 2015
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

Dopo la sfortunata stagione dello scorso anno, il 2015 sembra dare un bilancio molto più positivo per i produttori italiani, secondo fonti nazionali. E a giudicare dalle immagini di olive sparse piene e sane attraverso i social media dai coltivatori e mugnai, la qualità dei frutti sembra garantita in gran parte del paese.

Le prime stime rilasciate dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali hanno confermato la produzione prevista di tonnellate 350,000.

Grazie alle piogge abbondanti che hanno sostenuto la prosperità degli alberi durante la primavera e al caldo intenso dell'estate che ha limitato la diffusione della mosca dell'olivo, ONAOO (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio d'Oliva, facente parte dell'Unione Camere di Commercio Italiane) prevede un raccolto positivo, sia per quantità che per qualità delle olive, dove sarà nuovamente rappresentata appieno la ricca biodiversità italiana.


Secondo ISMEA (l'istituto italiano per i servizi del mercato agricolo e alimentare), "Nel complesso, non sono stati osservati problemi fitosanitari, dopo il pesante attacco di mosca dell'ulivo dello scorso anno. Vi è quindi una condizione ideale sia per quanto riguarda la produzione di olio d'oliva che per la qualità del prodotto. "

Lo stesso annuncio ha quindi aggiunto: "Senza dubbio il caldo intenso di luglio e la prolungata siccità hanno impedito la normale ripresa vegetativa degli oliveti, ostacolando così una piena resa produttiva.


"L'ultima evoluzione, anche dal punto di vista climatico ”, ha proseguito ISMAE, "non sembra creare alcun problema nelle principali aree di produzione del paese, né è stata registrata alcuna paura da parte degli olivicoltori di possibili danni causati da agenti patogeni, nonostante le piogge autunnali ".

Mentre italiano olio extravergine d'oliva la qualità sembra essere garantita in questa stagione, la quantità non sarà estremamente alta. Con il proseguimento delle operazioni di raccolta, alcune stime regionali stanno iniziando a ritirarsi, principalmente a causa di rese inferiori alle aspettative.

Vedi anche: Il raccolto di paraurti della California potrebbe non dare all'olio un po 'di previsioni

Nel Garda la raccolta delle olive è stata interrotta per alcuni giorni a causa delle piogge e delle basse rese, mentre nelle regioni meridionali il tempo è buono ma le rese sono solo "decente ", hanno detto le fonti.

La Puglia dovrebbe produrre il 30% in più rispetto allo scorso anno, ma è inferiore dell'8% rispetto alla sua produzione media annuale, secondo il regionale Coldiretti previsioni, con una produzione stimata in 18,739 tonnellate. I totali dovrebbero migliorare del 50 per cento a Bari (capoluogo della Puglia), del 40 per cento a Brindisi e Foggia, del 35 per cento in provincia di Taranto e del 20 per cento nell'area di Barletta-Andria-Trani.

A Lecce, la produzione di olio d'oliva dovrebbe raddoppiare rispetto allo scorso anno, nonostante la fermata completa della produzione nella zona meridionale del Salento, che è stata colpita dal Scoppio di Xylella fastidiosa.

In Calabria, la seconda regione italiana per produzione, le previsioni sono state ridotte da 60 - 75,000 a 40 - 50,000 tonnellate, rappresentando ancora un buon 20% della produzione complessiva del Paese.
Vedi anche: Aggiornamenti Twitter di Olive Harvest 2015
La Sicilia dovrebbe poter registrare un raccolto molto buono, con stime intorno alle 50,000 tonnellate.

Non tutte le aree della regione sono state ugualmente benedette: Buccheri - il piccolo villaggio vicino all'Etna che produce alcuni dei migliori oli extra vergini d'oliva italiani - ha un ""anno non fruttuoso" da affrontare.

La Campania dovrebbe smettere di raggiungere una produzione di 25,000 tonnellate.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti