`La prossima rivoluzione nella produzione di olio d'oliva

Produzione

La prossima rivoluzione nella produzione di olio d'oliva

Può. 16, 2014
Julie Butler

Notizie recenti

gramolatura

Una drastica riduzione del tempo e dell'energia necessaria nel mulino è probabilmente il prossimo grande cambiamento in produzione di olio d'oliva, prevede un esperto.

Agustí Romero

Mentre la proliferazione di altissima densità (SHD) L'oliveto è stato senza dubbio il cambiamento più significativo dell'ultimo decennio, Agustí Romero afferma che è il processo di malassazione - per cui le goccioline di olio nel gruppo di olive frantumate insieme - che ora è destinato a una rivoluzione.

Parte della ricerca sull'olio d'oliva team dell'IRTA, istituto di ricerca catalano per l'agricoltura, l'alimentazione e l'acquacoltura e un giudice Olive Japan 2014, Romero ha detto Olive Oil Times che gran parte della ricerca odierna si concentra su come rendere la fresatura più efficiente, e in particolare su questo passaggio, "che è molto lungo e consuma molta energia ".

"Nei prossimi anni vedremo grandi cambiamenti nella fresatura e la notizia è che eviteremo il processo di malassunzione usando gli ultrasuoni o altre nuove tecnologie più veloci e più efficienti dal punto di vista energetico ”, ha affermato.

"L'idea è di indurre un certo movimento all'interno della massa frantumata di olive per forzare le piccole gocce di olio a muoversi insieme e puoi farlo per malassazione o ultrasuoni, impulsi o microonde. Qualsiasi nuova tecnica che fa muovere le goccioline potrebbe essere utile. Ad esempio, alcuni stanno sperimentando il passaggio della pasta di olive attraverso lunghe viti, che si chiama flash malaxing. "

pubblicità

Romero ha detto che ricercatori in Spagna, come all'IRTA in Catalogna e all'IFAPA in Andalusia, così come in Italia e in altre parti del mondo, stanno testando tali alternative alla malassazione.

E qualsiasi cambiamento del genere in questo processo, "può inizialmente implicare molti piccoli cambiamenti nell'olio di oliva vergine finale ", ha detto Romero, "perché se impiega meno tempo e la temperatura è chiaramente inferiore, alcuni componenti minori, come gli steroli, polifenoli, pigmenti, alcani e alcoli - nella massa di olive che ora si spostano nell'olio ad un certo rapporto possono invece farlo in un altro. Quindi forse l'olio e le sue proprietà cambieranno un po 'e dovremo affrontarlo. "


Related News