`Olio di oliva biologico, legge dell'UE e proposta 37 - Olive Oil Times

Olio d'oliva biologico, legislazione europea e proposta 37

Settembre 13, 2012
Virginia Brown Keyder

Notizie recenti

In luglio 1, 2012 è diventato obbligatorio per gli alimenti biologici confezionati certificati prodotti nell'UE portare il logo biologico dell'UE, mentre la scorsa settimana un studio presso la Stanford University ha affermato che gli alimenti biologici non sono diversi dagli altri perché il loro valore nutritivo non è maggiore. 

Questa è l'immagine speculare dell'affermazione dell'industria biotecnologica (alcuni potrebbero chiamarlo lato oscuro) secondo cui gli alimenti contenenti organismi geneticamente modificati non necessitano di etichettatura perché sono nutrizionalmente gli stessi degli alimenti non OGM. Gli elettori della California mostreranno presto chi credono passando o rifiutando Proposta 37.

Se la votazione non passa, i consumatori soffriranno perché gli verrà negato il potere di scegliere se desiderano mangiare cibo geneticamente modificato, e i coltivatori biologici dovranno affrontare le conseguenze in quanto alle aziende biotecnologiche verrà data la libertà di infiltrarsi ulteriormente nell'approvvigionamento alimentare senza essere scoperti. Anche gli standard più elementari di certificazione biologica vietano più di una traccia di OGM. 

Data la tendenza delle piante a diffondere i propri geni, molti coltivatori biologici sono giustamente preoccupati per qualsiasi espansione di alimenti geneticamente modificati (recentemente l'Italia è stata finalmente costretta a distruggere un gruppo di ulivi geneticamente modificati di 30 anni proprio per questo motivo). Vale la pena ricordare che se la California non adotta i requisiti di etichettatura, è improbabile che lo farà nemmeno uno stato degli Stati Uniti o il governo federale.

Data la prossimità delle elezioni e la quantità di denaro che è stata versata in California da società come Monsanto e Cargill (che è uno dei principali contributori dell'istituto di Stanford che ha prodotto il rapporto di cui sopra) per sconfiggere questa misura, non sorprende che questo il rapporto è uscito ora. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il valore nutrizionale, tuttavia, non è mai stato l'argomento centrale a favore del cibo biologico o contro il cibo GM (sebbene studi abbiano dimostrato che l'agricoltura industriale di ogni tipo ha di fatto ridotto il contenuto nutrizionale del cibo americano nell'ultimo mezzo secolo). Le persone che scelgono di mangiare cibo biologico ed evitano gli OGM lo fanno per evitare pesticidi (come quelli bagnati sui raccolti Round-up Ready della Monsanto), insetticidi (come quelli contenuti in ogni parte delle piante Bt), ormoni e altri additivi. Un rapporto come questo, da un'università rispettabile in un momento così cruciale, può creare confusione per gli elettori nella migliore delle ipotesi.

Dall'altra parte dello stagno, l'UE ha regolamentato l'etichettatura degli alimenti (come menzionato in il mio ultimo rapporto sull'etichettatura dell'olio d'oliva) e alimenti biologici da oltre un decennio. Con l'inversione di rotta degli ultimi anni al posto di grassi e oli in una dieta sana, l'olio d'oliva è diventato un ingrediente fondamentale per il mantenimento della salute e in alcuni casi per curare i mali causati da una dieta sempre più industriale. Non sorprende che l'olio d'oliva biologico, che combina il beneficio di olio d'oliva e il vantaggio dei prodotti organici (cioè senza pesticidi e insetticidi ed evitare le allergie che molti credono siano causate dal cibo BM), ha cavalcato la marea di questa tendenza.

Negli ultimi anni, le normative UE in materia di prodotti organici sono diventate ancora più stringenti. Nuovi standard e requisiti di etichettatura sono stati stabiliti in numerosi nuovi regolamenti emanati tra il 2007 e il 2012. Il requisito di etichettatura degli alimenti biologici sopra menzionato è un altro passo in avanti "Specializzazione europea "alimenti. Gli alimenti biologici importati (oggetto del regolamento n. 1235/2008) non sono interessati fintantoché provengono da paesi con standard equivalenti e un accordo di equivalenza biologica è stato firmato tra gli Stati Uniti e l'UE nel febbraio 2012. Sebbene un accordo relativo al vino biologico entrato in vigore il 1 ° agosto 2012, non è noto se tale accordo sia in corso per olio d'oliva.

La California è il principale stato produttore di olio d'oliva negli Stati Uniti e forse il più 'consapevole del biologico '. Una ricerca dell'Ufficio Brevetti degli Stati Uniti utilizzando i termini 'modificazione genetica "e 'olives ha scoperto oltre 200 brevetti e la stessa ricerca nella banca dati dell'Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale risulta dieci volte superiore a tale importo, con la stragrande maggioranza dei richiedenti costituita da società biotecnologiche multinazionali. Gli OGM e i prodotti organici hanno una relazione molto difficile. Laddove gli OGM possono espandersi ulteriormente senza essere tenuti a informare il pubblico della loro esistenza negli alimenti, i prodotti organici sono minacciati. Se la protezione dei consumatori ha un significato, l'etichettatura sembrerebbe essere un gioco da ragazzi.



Related News

Feedback / suggerimenti