Africa / Medio Oriente

La produzione ristagna in Egitto come metodo di raccolta

Poiché vengono piantati milioni di nuovi ulivi, si prevede un altro raccolto scarso dopo un inverno freddo e una stagione di crescita calda.

Mentre gli ulivi crescono, la produzione di petrolio non avviene in Egitto.
Dicembre 4, 2019
Di Matthew Cortina
Mentre gli ulivi crescono, la produzione di petrolio non avviene in Egitto.

Notizie recenti

Dopo un freddo inverno seguito da una stagione di crescita calda, l'Egitto si aspetta bassi rendimenti in termini di produzione di olio d'oliva. Tuttavia, rimane la possibilità di un'ondata tardiva per alcune cultivar.

La previsione arriva come l'Egitto, il mondo secondo produttore di olive da tavola, è nel mezzo di piantare 100 milioni di ulivi entro la fine del prossimo anno.

Le aspettative nella produzione di olio probabilmente diminuiranno per l'inizio della stagione dell'olio d'oliva, ma probabilmente aumenteranno verso la fine con le varietà tardive come la Coratina.- Roba Ashraf, Wadi Food

“L'inverno è stato più freddo del solito. Molte ore fredde hanno influenzato il naturale sviluppo dei fiori e hanno ritardato la stagione di fioritura di almeno 15 giorni per la maggior parte delle varietà ", Roba Ashraf di Wadi Food, ha affermato uno dei maggiori produttori di olio d'oliva del paese. "Tuttavia, la vernalizzazione è stata così intensa che gli alberi avevano più boccioli di fiori rispetto agli anni precedenti."

"Le varietà di olive da olio hanno prodotto più frutti rispetto alle due stagioni precedenti", ha aggiunto Ahraf. “Tuttavia, a causa del clima caldo, alcune olive maturano troppo velocemente e vengono raccolte prima di raggiungere i più alti livelli di olio. Le aspettative nella produzione di petrolio probabilmente diminuiranno per l'inizio della stagione dell'olio d'oliva, ma probabilmente aumenteranno verso la fine con le varietà tardive come la Coratina. "

Guarda anche: Novità Harvest 2019

Gli inverni miti sono i migliori per i tipi di cultivar che prosperano in Egitto - vale a dire Picual, Manzanilla, Kalamata, Frantoio e Arbequina, tra gli altri.

pubblicità

A 2018, l'Egitto ha prodotto tonnellate di olio d'oliva 20,000, in forte calo rispetto ai due anni precedenti, in cui il paese ha prodotto tonnellate 30,000 da record (2016) e tonnellate 28,000 (2017).

Prima dell'inizio dell'anno di raccolta 2018, L'Egitto si riunì al Consiglio oleicolo internazionale, portando le sue procedure di produzione in linea con il resto del mondo produttore di olio d'oliva.

Più tardi quell'anno, il ministro egiziano dell'Agricoltura e della bonifica, Ezz el Din Abu Steit, dichiarò che il paese avrebbe investito nella piantagione di ulivi sulle terre del deserto, con l'obiettivo di diventare uno dei "primi sette paesi nella produzione di olio d'oliva".

pubblicità

Tuttavia, ci vorrà molto più che piantare milioni di ulivi per aumentare la produzione egiziana, ha detto Ashraf, con eventi meteorologici, costi delle risorse e ritardi nelle infrastrutture come ostacoli principali.

"L'ostacolo principale che dovremo affrontare è il costo di produzione unito ai costi di raccolta, mentre la meccanizzazione delle diverse operazioni non è ben sviluppata in Egitto", ha detto Ashraf. "L'irrigazione è al 100% nella maggior parte degli oliveti in Egitto e il costo dell'acqua sta aumentando rapidamente. Il lavoro è anche un fattore limitante poiché la stagione del raccolto coincide con molte altre colture che portano rendimenti migliori come melograni e agrumi ”.

pubblicità

Ashraf ha affermato che Wadi Food e altri produttori accolgono con favore l'investimento da parte del governo perché aiuterà a migliorare il profilo del paese oltre a quello di un produttore di olive da tavola.

I premi aiutano anche a rafforzare la sua reputazione, come l'argento che Wadi Foods ha vinto all'2019 NYIOOC World Olive Oil Competition per il suo Picual.

Poiché più oli di oliva egiziani sono condivisi con la comunità globale, ciò contribuirà a contrastare la tendenza degli oli di oliva del paese che vengono miscelati con altri oli da grandi aziende internazionali.

La cosa migliore che potrebbe accadere per i produttori di olio d'oliva egiziani, ha affermato Ashraf, è che i consumatori nel paese vengano reintrodotti alla qualità del prodotto locale.

"Storicamente, gli antichi egizi conoscevano e usavano l'olio d'oliva nella loro dieta, ma anche per illuminare i loro templi e come ingrediente di mummificazione", ha detto Ashraf. “Da allora, l'olio d'oliva è stato riscoperto di recente con le nuove tendenze della salute nelle abitudini di vita e di recente adozione. Questa modifica ha reso il consumatore egiziano consapevole dei benefici e degli attributi di qualità dell'olio di oliva locale ".