`Studio mondiale dei costi di produzione dei coltivatori di olio d'oliva - Olive Oil Times

Studio in tutto il mondo dei costi di produzione dei produttori di olio d'oliva

Marzo 29, 2014
Julie Butler

Notizie recenti

Quanto costa davvero coltivare olive per la produzione di olio d'oliva e quanto varia il costo nel mondo? Le risposte spesso non sono note agli olivicoltori stessi, secondo il dottor Juan Vilar Hernández, un sub-coordinatore di un gruppo di esperti nominato dal Consiglio oleicolo internazionale di 25 persone che studia i costi di produzione.

Da dicembre, il gruppo ha condotto un'indagine internazionale sui produttori di olio d'oliva e si sta preparando a consegnare la sua analisi al CIO entro maggio 19. Il loro studio si concentra sui costi sul campo della produzione di olive - fino a quando sono state raccolte e sono pronte per essere portate al frantoio - nelle ultime quattro stagioni. Il progetto mira a condividere le informazioni sulla reale gamma di costi nel settore e ad aiutare il processo decisionale su questioni come i cambiamenti nei processi e input agricoli e nella progettazione della strategia aziendale.

Juan Vilar Hernández

Perché lo studio è necessario

Coltivatori che utilizzano metodi di coltivazione tradizionali, che rappresentano circa i tre quarti dell'area totale mondiale dedicata produzione di olio d'oliva - trarranno il massimo vantaggio dallo studio perché spesso mancano di sistemi contabili accurati e di analisi dei loro risultati, ha affermato Vilar, CEO di GEA Westfalia Separator Ibérica. (Nel 2012 Vilar ha scritto "Il settore internazionale della produzione di olio d'oliva"- un libro completo sul settore.)

"Lo studio fungerà da strumento di business strategico, in particolare per gli uliveti svantaggiati e più tradizionali, aiutando con la loro ottimizzazione e quindi l'efficacia e l'efficienza di questa agricoltura sociale che è immersa nel vortice della globalizzazione e affronta margini economici molto stretti. Dopo tutto, a livello internazionale, più di 30 milioni di persone si guadagnano da vivere direttamente da questo settore, che ha un fatturato annuo di 7-11 miliardi di euro ”, ha affermato.

Valutare la competitività globale

Un esempio dell'importanza di essere competitivi a livello globale è stato fornito a novembre da Jaime Carbó, CEO del più grande imbottigliatore di olio d'oliva del mondo, Deoleo, che disse che nell'ultimo anno Deoleo aveva acquistato l'olio d'oliva australiano, lo aveva impacchettato in Europa e successivamente venduto in America. "Sembra strano ma i numeri si sommano ", ha detto. In un mercato così globale, i coltivatori non possono sapere se sono competitivi senza conoscere i loro veri costi di produzione.

Vilar ha affermato che come regola molto generale, per essere redditizio, il costo di produzione di 1 kg di olive al cancello dell'azienda non deve superare € 0.33- € 0.45 - comprese tutte le spese applicabili, come lavoro autonomo, ammortamento dei beni e opportunità costo. Tuttavia, è difficile individuare un tale valore con precisione, ha sottolineato Vilar, perché i prezzi nel mercato dell'olio d'oliva fluttuano e altre variabili includono il paese, la varietà di olive, il metodo di coltivazione, la resa in olio, il tempo di raccolta e il terreno.

Lo studio abbraccia quasi 50 paesi, sette sistemi agricoli

L'ambizioso studio ha visto i questionari dettagliati inviati a più di 400 contatti in tutto il mondo, tra cui produttori, associazioni di produttori, frantoi, personale tecnico e centri di ricerca.

"Lo studio abbraccia gli attuali 47 paesi in cui viene prodotto l'olio d'oliva, compresi i nuovi arrivati ​​Namibia e Armenia ", ha affermato Vilar, che ha anche affermato che il Madagascar e la Corea del Sud hanno in corso prove sul campo con l'obiettivo di unirsi a loro.

I coltivatori sono stati suddivisi in sette categorie a seconda che utilizzino metodi di coltivazione tradizionali (<180 alberi / ha), intensivi (180-800 alberi / ha) o superintensivi (> 800 alberi / ha), con i primi due anche divisi a seconda che gli alberi siano alimentati dalla pioggia o irrigati. La categoria dell'agricoltura tradizionale è ulteriormente suddivisa a seconda che il terreno abbia pendenze superiori o inferiori al 20 per cento.

Risultati da rendere pubblici, lo studio potrebbe estendersi ai costi di macinazione

Vilar ha dichiarato che una volta finalizzato, i risultati dello studio saranno resi pubblici dal CIO.

"Sarà il più completo, in termini di contenuto e rappresentanza internazionale, mai realizzato. Rappresenta un importante strumento gestionale e decisionale per gli olivicoltori ", ha affermato,

Il CIO ha affermato che l'anno scorso lo studio avrebbe anche aiutato, "identificare ciò di cui i paesi hanno bisogno in termini di supporto e assistenza tecnica per consentire agli olivicoltori di ponderare e confrontare i loro costi di produzione e identificare potenziali margini di riduzione al fine di aumentare i loro guadagni ".

Una seconda fase che copre i costi di macinazione e i prezzi franco fabbrica non è stata esclusa, ma è una decisione che spetta al CIO prendere, ha detto Vilar.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti