Fiere, Concorsi

Vittorie da record per produttori americani a World Olive Oil Competition

I produttori americani hanno portato a casa un record di 56 Gold e 18 Silver Award da record al più importante concorso mondiale sulla qualità dell'olio d'oliva. Solo i produttori spagnoli e italiani hanno ricevuto di più.

Pamela Marvel, di Grumpy Goats Farm
Può. 18, 2020
Di Daniel Dawson
Pamela Marvel, di Grumpy Goats Farm

Notizie recenti

Parte della nostra copertura continua del 2020 NYIOOC Concorso mondiale dell'olio d'oliva.

Secondo diverse metriche, i produttori americani hanno avuto un anno da record al 2020 NYIOOC Concorso mondiale dell'olio d'oliva.

I produttori americani hanno ricevuto 74 premi, uno dei quali record stabilito all'edizione 2018 della competizione, da un totale di 120 iscrizioni. Il tasso di successo del 62 percento di quest'anno è stato il più alto per i produttori americani al concorso.

È meraviglioso ricevere un premio dopo tutto il lavoro svolto per produrre il nostro olio extra vergine di oliva biologico certificato.- Fabien Tremoulet, comproprietario di Pitchouline

Dei 74 premi, produttori provenienti da California, Texas, Georgia ed Oregon hanno portato a casa un record di 56 Gold Awards e 18 Silver Awards. Gli Stati Uniti hanno ricevuto il terzo più alto numero di premi al concorso, finendo appena dietro Spagna e Italia.

Guarda anche: Copertura speciale: 2020 NYIOOC

Complessivamente, 35 diversi produttori americani sono stati premiati al NYIOOC Concorso mondiale dell'olio d'oliva. Tra i maggiori vincitori c'era PasoÂlivo, che ha raccolto quattro premi d'oro.

pubblicità

Pasolivo

"Sono stato davvero entusiasta e orgoglioso di ricevere tutti i Gold Awards quest'anno. È una sensazione così meravigliosa sapere che il duro lavoro di tutti ha dato i suoi frutti ", ha detto Marisa Bloch, direttore generale dell'azienda con sede a Paso Robles Olive Oil Times. "È incredibile avere i tuoi oli così ben accolti da alcuni dei migliori influencer nel settore dell'olio d'oliva alla più prestigiosa competizione al mondo. ”

Pasolivo ha partecipato al concorso negli ultimi cinque anni e ha vinto un totale di 17 premi. Bloch ha affermato che concentrarsi sulla qualità in ogni fase del processo è stato fondamentale per il successo duraturo del marchio.

Raccolta delle olive dalla fattoria di Pasolivo a Paso Robles, California.

"Inoltre, maciniamo ogni varietà separatamente e le assaggiamo tutte individualmente prima di inventare le nostre miscele ”, ha detto. "Molti produttori fanno una miscela di campo dove prendono tutte le loro olive toscane e le molano insieme creando le loro Olio toscano, ma ci piace la libertà e l'opportunità di selezionare manualmente quali oli ogni anno si abbinano meglio insieme. "

Mentre il raccolto del 2019 è andato abbastanza bene nel complesso per il produttore californiano centrale, Bloch ha affermato che le condizioni meteorologiche avverse hanno avuto un impatto significativo sul raccolto.

"L'unica sfida che abbiamo dovuto affrontare l'anno scorso è stata che, a causa delle forti piogge all'inizio dell'anno, il nostro raccolto è stato circa un mese più tardi del normale ”, ha affermato. "Questo ci ha causato la raccolta a dicembre e abbiamo incontrato alcune piogge. L'unica sfida che questo pone è che devi iniziare e fermare il raccolto perché non puoi raccogliere mentre piove. "

Nel complesso, l'elenco dei vincitori registrato sul Indice ufficiale dei migliori oli di oliva del mondo è pieno di nomi familiari e vincitori ripetuti. Tuttavia, l'edizione 2020 del concorso ha visto per la prima volta premiati anche numerosi nuovi arrivati.

Tra questi recentemente unti c'era Pitchouline, quale ha vinto un Gold Award per la loro miscela media organica.

"Questa è la prima volta che entriamo in NYIOOC e il nostro secondo anno di produzione di olio extra vergine di oliva ", ha dichiarato il coproprietario Fabien Tremoulet Olive Oil Times. "È meraviglioso ricevere un premio dopo tutto il lavoro svolto per produrre il nostro olio extra vergine di oliva biologico certificato e, soprattutto, il lungo e faticoso viaggio per coltivare la nostra fattoria e riportare la fertilità nel nostro suolo ”.

Jeanene e Fabien Tremoulet

Gli uliveti di Pitchouline si trovano nella valle di Deluz, a circa metà strada tra Los Angeles e San Diego. Tremoulet ha affermato che la combinazione dell'esclusivo microclima e l'attenta gestione del suolo è principalmente responsabile dell'oro di quest'anno.

"La valle di Deluz offre un clima davvero unico con un microclima mediterraneo che fornisce ai nostri ulivi una miscela perfetta di calore durante il giorno e basse temperature notturne ", ha affermato. "Fin dall'infanzia della nostra visione, abbiamo creduto che la qualità del nostro olio d'oliva inizia nel terreno e ci siamo impegnati a non usare mai prodotti chimici. Prepariamo il nostro compost biodinamico e utilizziamo colture di copertura ".

Mentre il tempo non è stato un grosso problema per Pitchouline quest'anno, Tremoulet ha affermato che i costi del lavoro e i margini complessivi a cui lui e sua moglie sono in grado di vendere i loro prodotti rappresentano la sfida più grande.

"La disponibilità e il costo del lavoro sono stati la nostra principale sfida lo scorso anno ", ha affermato. "È instabile e il fattore più costoso nella produzione del nostro olio extra vergine di oliva. ”

Oltre alla disponibilità di manodopera, alcuni produttori hanno anche avuto difficoltà a trovare frantoi disponibili per trasformare le loro olive, in particolare i produttori di olio extra vergine di oliva biologico certificato.

"La molitura è stata un problema poiché il mulino che usavamo normalmente non funzionava più e possiamo usare solo un mulino organico certificato ”, Rich Matthews, il comproprietario di Moonshadow Grove, Ha detto Olive Oil Times. "Il raccolto è stato abbondante e i raccoglitori hanno fatto un lavoro favoloso. Mentre facevamo il trasporto, abbiamo finito per fare tre viaggi al mulino al giorno, il che ha reso una giornata di 13 ore per [sia io che mia moglie Diane], ma ne è valsa la pena per eseguire la macinazione il più presto possibile per assicurare gli oli migliori. "

Moonshadow Grove è entrato in NYIOOC quattro volte, vincendo sette premi Gold e due Silver.

Quest'anno, Moonshadow Grove ha vinto un Gold and Silver Award per a Nocerella media ed delicato Ascolano, rispettivamente.

Matthews ha affermato che una combinazione di agricoltura biologica e raccolta da alberi di vecchia crescita aiuta a separare gli oli extravergine di oliva di Moonshade Grove dalla concorrenza.

"Mentre ci eravamo trasferiti sulla costa centrale della California, Paso Robles, abbiamo continuato a utilizzare olive di vecchia crescita provenienti dalla California settentrionale ”, Matthews, che ha iniziato a produrre olio extra vergine di oliva nel 2010 a Oroville, una città a circa 3.5 ore a nord di San Francisco, disse. "Siamo orgogliosi di produrre oli biologici certificati (CCOF). Ciò richiede la certificazione delle olive, del frantoio e dell'imbottigliamento. "

Mentre trovare un mulino biologico certificato ha causato mal di testa a Matthews, un altro produttore californiano ha escogitato una soluzione alternativa e ha portato il suo frantoio all'avanguardia sulle olive.

"Abbiamo sviluppato quello che crediamo sia il progetto alimentare più entusiasmante di tutti i tempi, in cui abbiamo progettato, finanziato e costruito un frantoio mobile completamente attrezzato con attrezzature per la lavorazione delle olive della Toscana all'avanguardia ”, Samir Bayraktar, fondatore e CEO di Olive Truck detto Olive Oil Times.

“[Possiamo] guidare il veicolo direttamente negli uliveti della California, raccogliere e 'premere "fino a 500 chilogrammi (1,100 libbre) di olive all'ora e alla fine, in pochi secondi, fornire il più fresco e raffinato olio extra vergine di oliva con il più alto numero di polifenoli antiossidanti", ha aggiunto.

Bayraktar lavora i suoi oli nel mezzo dell'oliveto utilizzando attrezzature all'avanguardia nel suo camion appositamente progettato.

Quest'anno è la prima volta per Olive Truck al NYIOOC, quale ha portato a casa tre premi d'oro per Hojiblanca robusto, Picual robusto e miscela media. Tuttavia, è la terza volta per Bayraktar, che ha vinto due premi d'oro con la sua precedente compagnia, Nar Gourmet.

Bayraktar ha dichiarato i suoi tre premi al NYIOOC servire come motivazione per lui per continuare a innovare e produrre il miglior olio d'oliva che può.

Mentre il 2019 è stato nel complesso un buon anno, lo ha aggiunto cambiamento climatico presentato la più grande sfida per lui che si muove in avanti.

"La sfida più grande ora e, sfortunatamente in futuro, è il cambiamento climatico e i suoi effetti collaterali. La stagione è molto breve se ti concentri sulla produzione di olio d'oliva di altissima qualità, dal momento che devi principalmente occuparti delle olive raccolte in anticipo ", ha detto Bayraktar. "L'altra grande sfida è la mancanza di esperienza riguardo ad alcune pratiche agricole nella regione, in particolare l'irrigazione eccessiva. Questo è un vero incubo se ti concentri sul raggiungimento e il mantenimento di un livello elevato contenuto di polifenoli nell'olio d'oliva. "

Mentre la stragrande maggioranza dei vincitori americani al NYIOOC erano produttori californiani, due ori e tre argenti venivano assegnati ai produttori di olio d'oliva al di fuori del Golden State.

Tra questi produttori c'era Picchio Trail Olive Farm. Il produttore georgiano meridionale guadagnato un Silver Award per la sua Arbequina media.

"Questa è la nostra prima partecipazione, dalla nostra prima stampa, che rende questo premio Silver ancora più impressionante ", ha dichiarato il CEO Curtis Poling, che gestisce la fattoria con sua moglie, Tracy. "Siamo molto entusiasti del fatto che il nostro olio extra vergine di oliva sia stato all'altezza delle nostre aspettative. "

Nella Georgia del sud, alti livelli di umidità sono una delle maggiori sfide che devono affrontare i produttori di olio d'oliva.

Poling ha affermato che la produzione di olio d'oliva in Georgia comporta una serie unica di problemi, che non sono affrontati così spesso dai produttori della California o del Texas.

"La Georgia sta ancora lavorando per ottenere una parte maggiore del mercato dell'olio extra vergine di oliva ", ha affermato. "Abbiamo condizioni del suolo e meteorologiche diverse. Una sfida particolare nella Georgia del sud sta affrontando il caldo e l'umidità ".

Tuttavia, Poling e sua moglie credono che il premio di quest'anno contribuirà a mettere la Georgia sulla mappa mondiale dell'olio d'oliva e portare loro un po 'di attenzione internazionale.

"Credo che questo prestigioso premio porterà l'attenzione tanto desiderata al nostro marchio Woodpecker Trail Olive Farm e alla storica Woodpecker Trail Route (Highway 121), che è dove siamo situati ”, ha affermato Poling.


Related News