Auburn University Raccoglie fondi per l'olio d'oliva e la ricerca sull'Alzheimer

I ricercatori della Auburn University hanno scoperto che un composto nell'olio extravergine di oliva potrebbe essere prezioso per aiutare a prevenire o rallentare la progressione della malattia di Alzheimer.

Foto per gentile concessione di Magnus Manske
Febbraio 19, 2019
Di Mary West
Foto per gentile concessione di Magnus Manske

Notizie recenti

A febbraio 21 ospiterà l'Università di Auburn Tiger Giving Day, uno sforzo di 24 ore per raccogliere fondi per l'istituzione.

Parte delle entrate sarà designata per ricerche promettenti che mostrano oleocanthal, un composto presente in natura nell'olio extravergine di oliva, può aiutare i malati di Alzheimer.

Mi piacerebbe invitare Olive Oil Times'lettori di unirsi a me nel supportare questo progetto dando ad esso e condividendo le informazioni attraverso i social media e la posta elettronica.- Amal Kaddoumi, ricercatrice di Alzheimer alla Auburn University

In un'intervista con Olive Oil TimesAmal Kaddoumi ha messo in relazione l'incredibile prevalenza del disturbo e tocca ciò che la sua squadra sta facendo nella lotta contro di esso.

"Secondo l' Associazione di Alzheimer, 5.7 milioni di americani vivono con l'Alzheimer, con un numero che dovrebbe raddoppiare entro il 2050 ", ha detto in una dichiarazione scritta. "Attualmente una persona su 10 di età superiore ai 65 anni ha la demenza di Alzheimer. Se ti guardi intorno in ufficio, a casa o nel vicinato e fai i conti, diventa rapidamente un numero preoccupante ".

Vedi anche: Alzheimer e olio d'oliva

"Tuttavia, noi della Auburn University vorremmo che fosse un ricordo del passato, utilizzando qualcosa che probabilmente hai in cucina in questo momento ", ha aggiunto. "Io e il mio team stiamo lavorando per capire come l'oleocantale nell'olio extravergine di oliva possa essere in grado di farlo prevenire o addirittura invertire la progressione della malattia di Alzheimer. Questo composto, se somministrato separatamente o come parte del petrolio, ha già mostrato molte promesse nella nostra ricerca precedente e vorremmo vedere se funziona nelle persone ".

"Il 21 febbraio avremo un giorno di 24 ore per raccogliere fondi in modo che più persone possano provare questa terapia nella nostra sperimentazione clinica ", ha continuato. "Fa parte di un più ampio sforzo dell'Università di Auburn chiamato 'Tiger Giving Day, 'e siamo entusiasti di farne parte! Poiché la finestra temporale è così breve, tutto verrà eseguito online. Stiamo preparando le cose e creando un sito web speciale per il grande giorno ".

"Mi piacerebbe invitare Olive Oil Times"lettori che si uniranno a me nel sostenere questo progetto dando ad esso e condividendo le informazioni attraverso i social media e la posta elettronica", ha aggiunto. "In caso di domande, non esitare a contattarmi. "

Kaddoumi ha buone ragioni per sperare nella ricerca. Nel novembre del 2018, ha riferito delle indagini del suo team multidisciplinare sull'oleocantale come nuovo trattamento per la malattia di Alzheimer. Il composto è un potente antiossidante e un agente antinfiammatorio non steroideo.

I suoi studi rivelano che l'olio extra vergine di oliva ricco di oleocanthal è altamente efficace nel ridurre i comportamenti legati all'Alzheimer.

"Siamo molto entusiasti dei nostri risultati con l'oleocantale, che ha dimostrato diversi effetti positivi contro l'Alzheimer nei topi che esprimono la malattia, come il miglioramento della funzione di barriera emato-encefalica e la riduzione della formazione di placche beta-amiloide e della neuroinfiammazione, tutte caratteristiche distintive di Alzheimer ", ha detto Kaddoumi in un comunicato stampa.

Kaddoumi ha aggiunto che i risultati suggeriscono che l'oleocantale potrebbe essere utile per proteggere la memoria e la capacità di apprendimento nei pazienti con il disturbo. Il suo team spera che il loro lavoro porti a studi clinici e risultati in un nuovo trattamento per l'Alzheimer e le condizioni correlate.





Related News

Feedback / suggerimenti