` Tabloid australiano espone l'olio d'oliva cattivo (ed è australiano) - Olive Oil Times

Il tabloid australiano espone l'olio di oliva cattivo (ed è australiano)

Febbraio 19, 2012
Curtis Cord

Notizie recenti


The Big Olive: Rabih Moughelbay

L'edizione di Adelaide di Oggi stasera, un programma televisivo scandalistico australiano, ha trasmesso un rapporto all'inizio di questa settimana su quella che si diceva fosse un'indagine di quattro mesi sull'olio d'oliva scadente.

All'inizio sembrava un rimaneggiamento di a segmento della scorsa estate che ha anche interpretato il presidente giramondo dell'Australian Olive Association Paul Miller e una buona dose di reportage sensazionalisti. Ma poi c'era una differenza molto sorprendente.

Questo spettacolo è iniziato con la stessa sopravvalutazione della statura australiana tra le nazioni consumatrici di olio d'oliva dell'ultima volta: "Gli australiani sono ora i maggiori consumatori di olio extravergine di oliva al di fuori dei paesi del Mediterraneo ", ha affermato, dimostrando ancora una volta una comoda mancanza di familiarità con il qualificatore a volte utile, pro capite.

E c'era l'analogia obbligatoria con il traffico di droga e lo standard malevolo degli oli d'oliva importati. Ma poi lo spettacolo ha puntato gli occhi su un produttore australiano, Big Olive.

Sventolando i risultati dei test dal laboratorio Modern Olives, il giornalista Frank Pangallo (che ha ricevuto "minacce anonime nel corso del suo lavoro ”disse solennemente il lead-in) insegue Rabih Moughelbay di Big Olive lungo un marciapiede di Kensington.

Moughelbay non aiuta le cose quando, da dietro i suoi grandi occhiali da sole scuri, risponde "Non sono nemmeno un cristiano, ma giuro sulla Bibbia che questa è una schifezza assoluta, Frank! " prima di chiudere la porta in faccia a Pangallo.

Poi ci sono interviste con ex lavoratori scontenti, che hanno tutti citato in giudizio la compagnia sud australiana, descrivendo a ""porta girevole", manodopera, pratiche antigieniche e rietichettatura criminale del cibo scaduto.

I rapporti da Olive Moderne ha suggerito, secondo la trasmissione, che gli oli di Big Olive trovati sugli scaffali dei supermercati erano vecchi, adulterati e inadatti al consumo. 

Anche i test sulle olive moderne sono risultati inferiori alla media dell'olio d'oliva a marchio privato importato per la celebrità australiana MasterChef George Calombaris.

Quando gli viene chiesto se pensava che il segmento avrebbe aiutato a risolvere il problema accuse che la campagna da lui condotta riguarda più i produttori nazionali che il sollevamento della qualità dell'olio d'oliva, ha dichiarato Miller Olive Oil Times "Non c'è distinzione nella nostra mente tra nessun olio d'oliva. È vero che la maggior parte delle cose cattive proviene dall'estero, ma ho sempre affermato che circa il 15-20% del petrolio australiano deve anche alzare il suo gioco ".

"Ciò sta accadendo per quegli oli domestici certificati nel Codice di buone pratiche e possiamo vedere un miglioramento ", ha aggiunto Miller, "ma abbiamo i nostri truffatori come questo ragazzo. "

Related News

Feedback / suggerimenti