`Riepilogo di Córdoba: voci per la qualità dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Córdoba Recap: Voices for Olive Oil Quality

Giu. 12, 2011
Curtis Cord

Notizie recenti

Claudio Peri, professore di tecnologia alimentare all'Università degli Studi di Milano e ideatore dell'Associazione 3E, ha accolto i partecipanti alla quinta edizione della conferenza Beyond Extra Virgin (BEV5) a Córdoba, Spagna e ha introdotto il primo relatore, l'autore Tom Mueller. "Dopo aver spiegato per così tanti anni ciò che l'Associazione 3E è e fa, o vorrebbe fare ", ha detto Peri, "Avevo bisogno - avevamo bisogno - di sapere cosa pensano di noi altre persone informate e indipendenti ".

Un tale bisogno di affermazione potrebbe sembrare sorprendente per un uomo descritto come un visionario e apripista dal cognoscente dell'olio d'oliva che si è riunito per il congresso internazionale da lui fondato. Ma mentre non c'è dubbio Peri, insieme al direttore strategico del Culinary Institute of America Greg Drescher e Resort di olio d'oliva toscano il proprietario Paolo Pasquali, può riempire una stanza con un impressionante assortimento di luminari dell'industria e del governo, come 3E raggiungerà effettivamente il suo obiettivo di stabilire un punto di riferimento più elevato per la qualità dell'olio d'oliva e quali sono gli obiettivi finali del gruppo per farlo, rimangono poco chiari.

Per il numero crescente di coloro che visualizzano la classificazione Extra vergine non come il massimo, ma come base, l'idea di stabilire standard volontari più elevati e un linguaggio comune associato a ciò che 3E chiama "Gli oli d'oliva Super Premium ”sono una proposta interessante. Ma dopo sette anni e cinque conferenze, il gruppo deve ancora divulgare un piano per ottenere oli d'oliva certificati 3E oltre alcuni luoghi, incluso il Oleotecas a Pasquali Villa Campestri e il Campus Greystone della CIA nella Napa Valley.

L'evento di Córdoba è stato ambientato in cima a una collina con vista su infiniti campi di girasoli. Una cena di gala ha colpito un tono emotivo che si adattava alla sua drammatica ambientazione nel cortile del castello con una lettura di poesie di Peri, il professore, prima che il flamenco e la cucina raffinata portassero i fortunati ospiti fino a tarda mattinata.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Più riservati, d'altra parte, sono stati i relatori durante le sessioni che erano ben consapevoli del pubblico misto a cui stavano suonando, inclusi produttori del Nuovo e del Vecchio Mondo, funzionari, ricercatori, imbottigliatori, addetti al marketing e giornalisti. Non c'era da meravigliarsi che la maggior parte dei presentatori lo tenesse vicino alla via di mezzo e in seguito siano state fatte poche domande. In effetti, le domande non erano spesso invitate e ci si sarebbe potuti aspettare una maggiore interattività in un evento che riconosceva apertamente la complessità dei compiti futuri.

Ascolta il discorso di apertura del ministro spagnolo dell'Ambiente Rosa Aguilar:

Interprofesional del Aceite de Oliva Español il presidente Pedro Barato Triguero, la cui organizzazione diversificata rappresenta i responsabili di quasi la metà dell'olio d'oliva mondiale, ha creato un'eloquente apertura che è iniziata descrivendo quelli che ha definito i due capitoli dell'olio d'oliva spagnolo.

L'assenza della Spagna alla firma del Trattato di Roma nel 1956 mantenne il paese e i suoi produttori rivolti verso l'interno, ha spiegato Triguero. Trent'anni dopo, come parte dell'Unione Europea, la Spagna fu costretta a competere con un nuovo insieme di regole mentre altri paesi europei erano già abituati ai mercati esteri e al commercio.

Questo inizio tardivo spiegherebbe in parte il perché "Spanish Olive Oil "non è mai stato promosso come tale (con dispiacere di alcuni partecipanti alla conferenza che si sono opposti a questo fatto), come quelli "Made in Italy ”, Grecia e, ora, America, Australia, Cile e Argentina.

Ascolta l'indirizzo di apertura di Interprofesional del Aceite de Oliva Español presidente Pedro Barato Triguero: 

Triguero ha affermato che da quando è entrato nell'Unione europea nel 1986, il settore spagnolo dell'olio d'oliva ha effettuato una massiccia ristrutturazione e fatto grandi passi verso l'eccellenza della produzione per recuperare il tempo perso. Dal 1986 la produzione è triplicata (da 493,000 tonnellate nel 1986 a 1.4 milioni di tonnellate quest'anno) mentre il numero di frantoi si è ridotto della metà nel corso del periodo. Chiamare la qualità "l'unico percorso possibile a lungo termine ", ha avvertito Triguero che raggiungere l'eccellenza sarebbe un processo prolungato, non una soluzione rapida.

Autore Tom Mueller, di cui searing 2007 espongono frodi sull'olio d'oliva riecheggia ancora nell'industria, e il cui nome stesso nel programma della conferenza potrebbe aver tenuto alcuni pezzi grossi di marca nei loro uffici andalusi, è stato il primo oratore.

Nonostante un libro imminente e molto atteso intitolato "Extra Virginity ”che, secondo quanto riferito, rivelerà più cattiveria, il discorso di Mueller è stato educatamente limitato a invocare un linguaggio comune per eccellenza. "L'Extra Vergine non ha significato ", ha detto, ragionando che Peri, Drescher e Pasquali, che solo di recente sono stati coinvolti con l'olio d'oliva, potrebbero essere più qualificati per redigere il nuovo linguaggio rispetto agli addetti ai lavori.

Ascolta le osservazioni iniziali di Claudio Peri e l'indirizzo di Tom Mueller qui: 

Direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) Jean-Louis Barjol, a pochi mesi dal suo nuovo incarico, è un uomo simpatico e capace già tenuto in grande considerazione, anche da un gruppo con interessi così disparati. Ed è quella disparità, ha ammesso in una riunione precedente, che a volte può mantenere le iniziative radicate.

Barjol ha affermato durante il suo breve discorso che la confezione dell'olio d'oliva dovrebbe fornire maggiori informazioni "per rendere un olio più singolare, in modo che il consumatore sappia cosa sta acquistando ”, inclusi, ha aggiunto, i suggerimenti per l'abbinamento degli alimenti. Una migliore informazione sull'etichetta dovrebbe essere a "priorità per il settore ", ha dichiarato Barjol, perché "dobbiamo sottolineare non solo il profilo aromatico, ma l'uso dell'olio d'oliva. L'obiettivo è che il consumatore faccia scelte consapevoli ".

Il direttore del CIO ha invitato a paesi che non erano membri dell'organizzazione internazionale "entra." In precedenza, Barjol ha detto che avrebbe proposto l'attuazione di un separato Premio Qualità Mario Salinas per i produttori dell'emisfero meridionale in modo da non dover partecipare alla prestigiosa competizione del CIO con olio d'oliva che era stato conservato per mesi.

Estratto del discorso di Jean-Louis Barjol e inizio della sessione su marketing e promozione moderata da Rocio Alberdi di ICEX: 

Tom Mueller su come raggiungere i consumatori americani:

Dan Flynn, di chi Davis Olive Centro ha pubblicato relazioni critiche sugli oli d'oliva europei e che hanno raccolto critiche in cambio per quello che alcuni hanno visto come i loro messaggi selettivi e il tono aggressivo, hanno presentato i metodi moderni usati dal produttore americano ad alta densità California Olive Ranch per illustrare che era possibile produrre olio d'oliva di qualità su larga scala.

Forse le presentazioni che si sono avvicinate al nocciolo della questione sono state quelle del Greg Drescher della CIA, Marie Jose San Roman e gli altri chef che hanno esortato i partecipanti a identificare, applicare e promuovere le caratteristiche dell'olio extravergine di oliva negli alimenti e nei menu.

Aggiungere valore attraverso la catena di approvvigionamento era il messaggio principale e potrebbe essere l'unica cosa che può salvare uno stile di vita per agricoltori e produttori di olio d'oliva ovunque. Se solo le dimostrazioni culinarie che aprivano gli occhi (e che facevano venire l'acquolina in bocca) avessero potuto essere di fronte a un folto gruppo di professionisti della ristorazione e chef influenti, avrebbero davvero reso il mondo un posto migliore.

Aris Kefalogiannis è fondatore e amministratore delegato di Gea, il vicepresidente dell'associazione greca dell'olio d'oliva SEVITELe l'imprenditore alla base della rivoluzionaria partnership con Kritsa Cooerative ciò consente agli agricoltori e ai produttori cretesi di concentrarsi sulla qualità invece che sul marketing. Chiaramente una di quelle persone incapaci di fare qualcosa a metà (è anche un campione olimpico di pallanuoto), Kefalogiannis organizzerà la conferenza del prossimo anno (BEV6) in Grecia, dove ancora una volta il gruppo farà i passi per portare avanti la missione 3E.

Mostrando ai colleghi le foto degli ultimi ritocchi di una nuova struttura culinaria di Gaea che presumibilmente presenterà oli certificati 3E e fornirà istruzioni sulle loro applicazioni Kefalogiannis, che potrebbe essere il più grande commerciante di olio d'oliva del Mediterraneo al momento, ha mostrato quel lato e forse una sbirciatina a una motivazione più pratica dietro 3E quando ha esclamato ad altri organizzatori 3E, "Dobbiamo portare i venditori sul mercato ... o non ci sarà un (BEV) sette ".

Fuori, sulla terrazza con vista su Cordova, quel giorno ho chiacchierato con il rinomato chef e un presentatore, Paul Bartolotta, che ha riflettuto su quanto gli piacesse il sapore del sesamo mentre faceva uno spuntino con cracker seminati lasciati dai ristoratori tra una sessione e l'altra.

Bartolotta, che è la mia scelta per il portavoce dello chef di celebrità perfetto per l'olio d'oliva negli Stati Uniti, ha un gruppo di ristoranti a Milwaukee ma vive a Las Vegas vicino alla sua ristorante omonimo al Wynn.

Abbiamo parlato del suo acquario - uno dei pochi al mondo - dove gli scampi vengono tenuti in vita fino a poco prima di essere serviti ai suoi ospiti.

Ma era puro Milwaukee, quando alla fine Bartolotta tagliò il protocollo e la cautela che abbondò quel giorno e disse: "Sono stufo di tutta la merda. Voglio solo che producano un buon olio d'oliva ".

Related News

Feedback / suggerimenti