` Agricoltori biologici cautamente ottimisti - Olive Oil Times

Agricoltori biologici cautamente ottimisti

Giu. 1, 2015
Ylenia Granitto

Notizie recenti

2014 era l' annus horribilis per i produttori italiani di EVOO. Salento afflitto da uno scoppio di Xylella fastidiosa, e il resto delle regioni italiane è stato attaccato dalla mosca dell'olivo, per non parlare della diffusione della macchia di pavone e del Verticillium, il tutto aiutato da fattori climatici. Il risultato è stato nella maggior parte dei casi una raccolta di olive danneggiate, con una produzione di olio bassa contenuto polifenolico e spesso acidità oltre il limite legale per il grado extra vergine.

In breve, lo era un raccolto da dimenticare. Tuttavia, abbiamo motivo di credere che - bussare al legno (d'ulivo) - la vendemmia 2015 2015 sarà migliore. I produttori sono più preparati a combattere efficacemente gli attacchi delle mosche (possono già aspettarselo considerando un altro inverno mite) e possono contare su un effetto benefico del ciclo biologico naturale che suggerisce che un raccolto migliore seguirà uno scarso.

Ho incontrato alcuni produttori di EVOO biologico, dato che l'anno scorso sono stati i più danneggiati, per capire le loro impressioni sull'ultimo raccolto e su quello successivo. Sono partito da sud, in Puglia, e ho raggiunto la Liguria, passando per Lazio e Umbria.

Andrea Serrilli

Andrea Serrilli dirige un'azienda agricola di famiglia che dal 1855 produce olio sul promontorio del Gargano in Puglia: 30,000 alberi di Ogliarola Garganica, Coratina e Leccino e, più recentemente, impianti intensivi di cultivar Arbequina, Koroneiki e Arbosana.

Andrea Serrilli

Le olive vengono molite in un frantoio privato di recente costruzione. "La chiave è il monitoraggio costante. Durante lo scorso anno, grazie alle trappole, ci siamo subito resi conto che la mosca avrebbe costituito un problema. Abbiamo iniziato a utilizzare insetticidi organici a giugno, poi li abbiamo riutilizzati in agosto e settembre. Nonostante siano state soggette a dilavamento a causa delle piogge e la maggior parte del prodotto è andata persa, se non avessimo implementato l'azione insetticida avremmo perso l'intera produzione ”, considera Andrea.

Tuttavia, nonostante una perdita del 50 per cento della produzione e inferiore contenuto polifenolico, Il prodotto della Serilli è stato abbastanza buono per vincere le gare (Ercole Olivario e Biol). La fioritura primaverile è leggermente ritardata a causa del clima fresco, ma Andrea è ottimista. "Dobbiamo essere vigili e, se giugno è troppo mite, il nostro primo compito sarà contenere attacchi con la mosca. Ora, le condizioni degli ulivi in ​​piena fioritura sembrano molto buone ", conclude.

Filippo Pompili

"L'ultima campagna petrolifera è stata la peggiore in assoluto, con un calo della produzione tra il 40 e il 60 per cento in tutto il centro Italia. I trattamenti usuali erano quasi inutili l'anno scorso quando ci siamo resi conto delle dimensioni del problema ”, ammette Filippo Pompili. Dirige un'azienda con la sorella Carolina a Palombara Sabina, Lazio. 5,000 piante da 40 a 60 anni e solo mille alberi di Carboncella, Rosciola, Frantoio, Leccino e Pendolino che sono stati selezionati e dedicati alla produzione di olio. La loro distribuzione punta a una nicchia di mercato: società private che regalano EVOO. Pompili manda il suo olio d'oliva in giro per il mondo.

Filippo Pompili e famiglia

Nonostante il cattivo raccolto, sono riusciti a ottenere premi a livello nazionale (Two Leaves Gambero Rosso). Ciò dimostra che le difficoltà non hanno scoraggiato gli sforzi dei produttori per raggiungere un'alta qualità. "A giugno inizieremo a utilizzare trattamenti biologici abituali. Ora, sperando in buone condizioni meteorologiche, siamo ottimisti sul prossimo raccolto ”, afferma Filippo, determinato.

Raffaella Spada

In un'altra tappa nel Centro Italia incontro Raffaella Spada, che gestisce l'azienda agricola di famiglia Le Vie Bianche con la sorella Daniela, che produce olio dagli anni '1960 in una bellissima tenuta nella campagna di Città della Pieve, in Umbria.

Raffaella Spada alle Vie Bianche

Partiti con 300 piante, ora si prendono cura di 1,400 ulivi tra Frantoio, Leccino, Moraiolo e Dolce Agogia (cultivar autoctona) circondati da boschi a 400 metri sul livello del mare. Raffaella è un marinaio e porta il suo EVOO in giro per l'oceano, consegnandolo direttamente ai clienti.

Per il suo uliveto, usa fertilizzanti naturali e concime verde in alternativa, ma l'anno scorso ogni sforzo è stato sconfitto dalla mosca e la produzione è stata nulla. "Non avevo mai visto mosche prima dello scorso anno poiché il nostro uliveto si trova in una posizione climaticamente strategica ", dice Raffaella.

Proviene da grandi produzioni: nel 2011 e nel 2013 il suo EVOO ha ottenuto premi in concorsi nazionali e internazionali (Concours International des Huiles du Monde e Olio Capitale). Allo stato attuale, lo stato delle sue piante sembra buono ed è più risoluta che mai a ripetere i successi passati: "Sono sicuro che il nostro EVOO sarà di nuovo eccezionale e non vedo l'ora di portarlo sull'oceano. ”

Franco Ferrarese

La mia ultima tappa è in Liguria, provincia di Imperia, a Tèra de Prie. Azienda agricola biologica certificata gestita da Franco Ferrarese e dal figlio Nicola, con 3,500 ulivi taggiaschi disposti su caratteristici muri a secco terrazzati a fianco del frantoio di famiglia, 300 - 400 metri sul livello del mare.

Franco Ferrarese e suo figlio Nicola

L'anno scorso gli attacchi con la mosca hanno ridotto la produzione del 70 percento. "Tuttavia, la qualità è stata preservata grazie all'uso di tecniche organiche tradizionali per combattere la mosca. L'arma principale era caolino, che ci ha permesso di ottenere un EVOO di alta qualità ", rivela Nicola.

"In questi giorni le piante presentano un numero elevato di fiori che iniziano a sbocciare. Contiamo su condizioni meteorologiche adeguate per l'impollinazione ”.

Related News

Feedback / suggerimenti