`Mentre scade la scadenza per decidere il futuro delle tariffe statunitensi, i produttori spagnoli di olive da tavola soffrono - Olive Oil Times

Mentre scade la scadenza per decidere il futuro delle tariffe statunitensi, i produttori spagnoli di olive da tavola soffrono

Settembre 14, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

La scadenza dell'Organizzazione mondiale del commercio per decidere il futuro di una tariffa del 35 per cento imposta dagli Stati Uniti su importazioni di olive da tavola nere spagnole è andato e venuto, ma il settore continua a risentire della tensione.

L'organismo internazionale per il commercio aveva inizialmente dichiarato che avrebbe espresso la sua decisione sui dazi antidumping, imposti dagli Stati Uniti nel novembre 2017, entro l'inizio di giugno 2021. Tuttavia, tale termine è stato posticipato alla fine di agosto come risultato del Pandemia di covid-19.

Il settore ha accumulato perdite di esportazione di 150 milioni di euro da quando è iniziato l'incubo tariffario con le prime aliquote imposte sulle olive nere nel novembre 2017.- Asemesa, 

Ora che inizia la seconda settimana di settembre, l'OMC continua a rimanere in silenzio sulla questione, portando l'Associazione spagnola dei produttori e esportatori di olive da tavola (Asemesa) a chiedere ancora una volta al governo spagnolo e all'Unione europea negoziare direttamente con gli USA far rimuovere le tariffe

"Il settore ha accumulato perdite di esportazione di € 150 milioni da quando è iniziato l'incubo tariffario con le prime aliquote imposte sulle olive nere a novembre 2017 ", ha affermato Asemesa in un comunicato stampa.

Vedi anche: Notizie commerciali

L'associazione dei produttori di olive da tavola ha anche affermato che il governo non dovrebbe contare sul Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, l'entità all'interno del governo che ha imposto le tariffe, per eliminarle da solo, come è stato ampiamente ipotizzato dai media spagnoli.

"Ogni anno le tariffe vengono riviste a livello amministrativo", ha detto a El País Antonio de Mora, segretario generale di Asemesa. "I risultati provvisori di questa revisione suggeriscono che questa riduzione potrebbe aver luogo, ma non sarà immediata, poiché dovremo aspettare il primo trimestre del 2022 e non andrà a beneficio di tutte le società interessate".

Asemesa ha anche avvertito che è improbabile che il Dipartimento del Commercio elimini le tariffe a propria discrezione. Le tariffe originali scadono nel 2023, a quel punto il Dipartimento del Commercio deciderà se estenderle o meno fino al 2028.

"Esortiamo ancora una volta il governo spagnolo e l'UE a intensificare i contatti con gli Stati Uniti al fine di raggiungere un accordo simile a quello raggiunto nel conflitto dell'industria aeronautica, che è stata risolta con buona volontà e con la sospensione per cinque anni di tutte le tariffe sui prodotti agroalimentari", ha detto de Mora. "Questo è l'unico modo per risolvere il problema".

A giugno, gli Stati Uniti e l'UE hanno raggiunto un accordo per sospendere le tariffe imposte reciprocamente, che erano state messe in atto a seguito del crescente disaccordo sui sussidi illegali forniti ai produttori di aerei, Boeing e Airbus.

Più o meno nello stesso periodo in cui è stata presa questa decisione, a La corte degli Stati Uniti ha deciso a favore dei produttori spagnoli di olive da tavola dopo aver deciso che la base per le tariffe del Dipartimento del Commercio era "non a norma di legge”. Tuttavia, ha fornito 90 giorni al Dipartimento del Commercio per presentare nuove prove per giustificarli.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti